Lunedi' 27 Maggio 2024
HOTLINE: +39 335 291 766
CorSera Abruzzo elections wins Mario Marsilio catastrophe of the wide field, Luciano d'Amico painful defeat

CorSera Abruzzo elections wins Mario Marsilio catastrophe of the wide field, Luciano d'Amico painful defeat

10 Marzo 2024

Marco Marsilio has a clear advantage over his challenger Luciano d'Amico. The first projections on real data (15 percent coverage) of the elections in Abruzzo give the outgoing president of the center-right nine points ahead of his challenger from the broad center-left: 54.7 against 45.3 percent.

Exit poll – The advantage was also revealed by the second exit poll of the Noto institute for Rete8, which spoke of a range for the governor between 50.5 and 54.5% and for the candidate from the very wide field between 45, 5 and 49.5%. The gap immediately widened after the first exit poll, when a head-to-head seemed to be looming. The distance is even wider as regards the coalitions: the centre-right, again for the second exit poll, is given at 51.5%-55.5% while the centre-left is at 44.5-48.5%. When the result was released, the governor's committee in the city of Pescara began to applaud. “It's an advantage”, Fdi senator Guido Liris has already commented from the press room, “that we felt in the air and I believe it increases as the hours pass”. The Minister of Tourism Daniela Santanché has already rejoiced on X: "Yay", she wrote.

Leggi la notizia
CORSERA NEWS OSPEDALI SENZA BARELLE MATTEO CORSINI VIDEO ESCLUSIVO TESTIMONIANZA PRESSO SAN GIOVANNI ADDOLORATA

CORSERA NEWS OSPEDALI SENZA BARELLE MATTEO CORSINI VIDEO ESCLUSIVO TESTIMONIANZA PRESSO SAN GIOVANNI ADDOLORATA

07 Gennaio 2024

Roma 8 gennaio 2024

Sanità Pubblica ospedali in Italia senza barelle. Il video shock della testimonianza di un infermiere sulle lacune degli ospedali italiani. Stride i confronto farsa tra Giorgia Meloni ed Elly Schlein quando scopriamo di essere un paese del terzo mondo. Ieri sera ho accompagnato mio padre 88 anni rifiutato da Villa Mafalda poichè risultato positivo al Covid-19. Dobbiamo dire che l'assistenza dei medici è stata perfetta incredibile. Ma mio padre è dovuto entrare in ospedale con la barella dell'ambulanza costo 50 euro all'ora. 

Leggi la notizia
CORSERA ÉDITION FRANÇAISE Italie Giorgia Meloni, conférence de presse de fin d'année, feu d'artifice contre la gauche et ses détracteurs de toutes les factions

CORSERA ÉDITION FRANÇAISE Italie Giorgia Meloni, conférence de presse de fin d'année, feu d'artifice contre la gauche et ses détracteurs de toutes les factions

04 Gennaio 2024

Paris 4 Janvier 2024

"Pour la première fois, l'Italie connaît une croissance supérieure à celle des autres pays. De plus, le pacte de stabilité commence à partir de 2025 et non à partir de 2024. Il me semble tôt pour parler d'une mesure corrective. Nous garderons l'observatoire ouvert et nous je l'évaluerai en cours, que faire". Le Premier ministre a tenu ces propos lors de la conférence de fin d'année, en réponse à une question sur une éventuelle mesure corrective.

Leggi la notizia
CORRIERE POLITICA STEFANO BANDECCHI PANCHINA PISCIATA E CAGATA. IL SINDACO DI TERNI ALLA CONQUISTA DI PALAZZO CHIGI.IPSUM ESSE DUMNORIGEM MAGNA AUDACIA

CORRIERE POLITICA STEFANO BANDECCHI PANCHINA PISCIATA E CAGATA. IL SINDACO DI TERNI ALLA CONQUISTA DI PALAZZO CHIGI.IPSUM ESSE DUMNORIGEM MAGNA AUDACIA

24 Settembre 2023

Terni 24 settembre 2023 by Matilde Rosi 

Politica c'è un nuovo anfitrione nell'agone della politica italiana e si chiama Stefano Bandecchi di 62 anni portati anche bene,è un uomo rozzo e primitivo, ma i cittadini di Terni lo hanno eletto a loro Sindaco.

L'ultimo ad averlo ( inconsapevolmente ) sdogato è proprio Maurizio Crozza, che venerdì sera gli ha dedicato uno sketch esilarante, uno di quelli che ha reso celebre la banda di Fratelli d'Italia trasmutandola da un partito di nostalgie fasciste, ad una delle più amate dagli italiani la edulcorata riproposizione della famiglia Addams. Adesso tocca a Stefano Bandecchi che da oscuro gretto e redivivo Ducetto di campagna, pronto a sputare ai propri tifosi e minacciare fisicamente i suoi avversari è entrato nelle case degli italiani sorridente e arrogante, minaccioso e irriverente, ma con slogan prorompenti ed efficaci, malgrado lo stesso comico genovece Maurizio Crozza non se ne sia accorto.  

Leggi la notizia
CORRIERE MILANO SILVIO BERLUSCONI L'ULTIMO DISCORSO SENZA DIO UNA BRUTTA CARICATURA DI SE STESSO NELLE SMORFIE DI DOLORE E SOFFERENZA

CORRIERE MILANO SILVIO BERLUSCONI L'ULTIMO DISCORSO SENZA DIO UNA BRUTTA CARICATURA DI SE STESSO NELLE SMORFIE DI DOLORE E SOFFERENZA

06 Maggio 2023

Milano 6 maggio 2023 b y Mariella Vicedomini Corriere Cronaca Milano 

Silvio Berlusconi sempre al centro del mondo, intrappolato dentro un corpo che non risponde più alle sue azioni. 

Da cattolica fervida credente immaginavo che questo primo discorso dopo la lunga convalescenza, avesse avvicinato l'uomo a Dio. Ma non ne ho visto neanche l'ombra, una traccia di luce nel pulviscolo della sua fede dei " santi laici " sempre dietro al denaro al successo, alla glorificazione di se stesso e mai degli altri. I discorsi di Silvio Berlusconi ormai li conosciamo bene, sempre improntati all'esaltazione dell'ego :  "IO IO IO IO, sono il migliore di tutti, il più bravo e intelligente dei miei fratelli ". Malgrado la sofferenza evidente, che spinge qualsiasi persona a provare sentimenti di umana pietà, niente di altro si è scolpito in questo discorso primo od ultimo non lo sappiamo ancora. Silvio Berlusconi era sempre lui, sempre al centro del mondo, ma una brutta caricatura, di un uomo debole, incerto, che si arrampica lungo una parete liscia di marmo con la speranza di non mettere il piede nella fossa. Soltanto un uomo senza Dio ha paura di morire.  

 

Leggi la notizia
CORSERA.IT REBUS SILVIO BERLUSCONI LE ULTIME DRAMMATICHE ORE PER GARANTIRE LA SOPRAVVIVENZA DEL GRUPPO MEDIASET. SCIACALLI GIA' IN AZIONE

CORSERA.IT REBUS SILVIO BERLUSCONI LE ULTIME DRAMMATICHE ORE PER GARANTIRE LA SOPRAVVIVENZA DEL GRUPPO MEDIASET. SCIACALLI GIA' IN AZIONE

06 Aprile 2023

Roma 7 aprile 2023

 

 L'impero dei media berlusconiano fa gola a tanti gruppi industriali italiani e non ci saranno prigionieri per la permanenza al potere. L'ultima telefonata di Silvio Berlusconi alla Giorgia Meloni è lo sforzo per assicurare continuità delle reti televisive ai suoi successori, ma così non sarà. Chi gestiscce Canale 5 condiziona le scelte politiche del popolo italiano. Tutti lo sanno, il destino dell'impero Mediaset è già scritto. Gli sciacalli sono già all'opera. 
 

Leggi la notizia
CORSERA.IT PRIMARIE PD ELLY SCHLEIN HA VINTO E' LA NUOVA CONDOTTIERA DEL PARTITO DEMOCRATICO LA DONNA DEI MIRACOLI ARRIVATA PER VINCERE

CORSERA.IT PRIMARIE PD ELLY SCHLEIN HA VINTO E' LA NUOVA CONDOTTIERA DEL PARTITO DEMOCRATICO LA DONNA DEI MIRACOLI ARRIVATA PER VINCERE

26 Febbraio 2023

Roma 27 febbraio 2023 by Alessandro Occhetto 

Primarie Pd finalmente una ventata di freschezza nel PD. Ha vinto Elly Schlein l'outsider politica che ha prevalso con la sua parlantina taglia fette di prosciutto. Non c'è alcun dubbio che la giovane leader del partito democratico ha tutti gli attributi per diventare l'antagonista principale della Giorgia Meloni. Stefano Bonaccini ha da subito ammesso la sconfitta. Il sosia di Benito Mussolini, come qualcuno lo definiva, non ce l'ha fatta. Il suo look total black, barba bianca, nei panni di un disperato Sean Connery senza capelli, non ha trasmesso quel brivido di novità al popolo centrodemocratico. Il Partito Democratico con Elly Schlein diventa un'altra cosa ancora, nella sua lunga e contraddittoria trasformazione politica avvenuta nel corso dei ultimi tre decenni. Elly Schlein è la pioniera di una nuova frontiera sociale e politica, avanguardista, oltre quei confini di ferro che il nuovo governo di centro destra sta cercando di imporre ad una società progressista. Elly Schlein diventa il primo segretario del PD donna e senza alcuna obiezione sulla sua omosessualità dichiarata. Lei è una donna, atea, laica, senza famiglia, che si oppone idealmente al borghesismo giorgiano, alla insipida farina della famiglia classica e tradizionale.

Leggi la notizia
CORSERA GIORGIA MELONI CLEOPATRA BATTESIMO ALL'OLIO DI RICINO PER SILVIO BERLUSCONI, IN MEDIOS OSTES IRRUMPERE

CORSERA GIORGIA MELONI CLEOPATRA BATTESIMO ALL'OLIO DI RICINO PER SILVIO BERLUSCONI, IN MEDIOS OSTES IRRUMPERE

18 Ottobre 2022

Roma 18 Ottobre 2022

Giorgia Meloni Cleopatra e l'agnello sacrificale Silvio Berlusconi offerto alla gogna nella pubblica piazza. Nuovo Governo battesimo umiliante per il Cavaliere di Arcore.

Silvio Berlusconi si è precipitato tra le braccia dei suoi nemici ,alleati nella congiura dei Cesari, contro il Padre Padrone. Per il Cavaliere è cominciato il conto alla rovescia,le ultime ore nell'agone della politica. Il suo impero si sta sbriciolando, il declino politico personale e imprenditoriale di Silvio Berlusconi è giunto al termine. Giorgia Meloni la Cristiana è a capo di uno sciame di locuste, capaci di divorare la cosa pubblica in un battito di ali, spietati come sono i lupi affamati, pericolosi come sono degli alleati umiliati per anni e costretti al gioco fesso da comprimari. 

Leggi la notizia
CORSERA ELEZIONI SILVIO BERLUSCONI IL PIANO SEGRETO DEL RE DI TROIA TRA PRESIDENZIALISMO E CONCUBINE.GLI ACCORDI E LE TRAME SEGRETE CON MATTEO RENZI

CORSERA ELEZIONI SILVIO BERLUSCONI IL PIANO SEGRETO DEL RE DI TROIA TRA PRESIDENZIALISMO E CONCUBINE.GLI ACCORDI E LE TRAME SEGRETE CON MATTEO RENZI

13 Agosto 2022

Napoli 13 agosto 2022 by Alter Ego 

Elezioni politiche Italia 2022, il piano segreto di Silvio Berlusconi.

Immaginare che il Re di Troia possa essere subalterno a qualcuno, è un esercizio degno della più fervida fantasia. Il vecchio Leone di Arcore, oggi siederà sugli spalti per godersi il suo Monza, forse una prima vittoria, che farebbe da stura alla campagna elettorale nella laboriosa regione Lombardia con oltre 300 mila forsennati tifosi pronti a votarlo e osannarlo come il Re Creso sceso in Terra. Per il resto Silvio Berlusconi gongola, anzi potrebbe anche addormentarsi, così come fece pubblicamente al suicidio politico di Gianfranco Fini, alleato ed acerrimo rivale. Stessa sorte sta per capitare alla esagitata Giorgia Meloni, borgatara della Garbatella con la troppo evidente fantasia di passare alla storia come prima donna Premier italiana e sopratutto colei che affondò il tacco 13 a spillo sul volto del tumefatto venditore di pentole televisivo. Ma non andrà come Giorgia immagina. Il dardo avvelenato sul Presidenzialismo e la conseguente richiesta di dimissioni dell'attuale Presidente Sergio Mattarella, è un dardo avvelenato lanciato nell'agone politico per alzare strali di polemiche antifasciste contro la stessa coalizione di centro destra per diminuirne i consensi elettorali stroncando il consenso dei moderati italiani per la pasionaria di FDI. Silvio Berlusconi ha chiuso in un formidabile Cul de Sac, degno del mio audace Sandokan di Monpracem, la leader della destra ultranazionalista italiana Giorgia Meloni. Un colpo sferrato contro la nave ammiraglia de la Perla della Garbatella.

Leggi la notizia
CORSERA ELEZIONI CARLO CALENDA LA MANO VISCIDA DEL CINICO E BARO, ROTTA L'ALLEANZA CON IL PD DI ENRICO LETTA . PRENDE CORPO IL CENTRO DEMOCRISTIANO CON MATTEO RENZI

CORSERA ELEZIONI CARLO CALENDA LA MANO VISCIDA DEL CINICO E BARO, ROTTA L'ALLEANZA CON IL PD DI ENRICO LETTA . PRENDE CORPO IL CENTRO DEMOCRISTIANO CON MATTEO RENZI

07 Agosto 2022

Roma 7 agosto 2022 

Enrico Letta capo del PD, si è vista scivolare la mano viscida di Carlo Calenda dalla Sacra Alleanza sancito poche ore fa. Un colpo di teatro forse già programamto dallo stesso leader di Azione, che non poeva non sapeve che Letta stesse cercando di imbarcare l'intera armata Brancaleone al suo fianco. La finta alleanza con il PD, ha coeprto Enrico Letta di ridicolo, quasi lo disarciona da cavallo, lo ridicolizza agli occhi degli elettori. A tutto dire ha fatto la parte del fesso, dell'allocco, del credulone. Carlo Calenda il moderato adesso assume il ruolo del cinico e del baro, leader pronto a tutto pur di ritagliarsi la sua area al centro, la ldeadrship autoritaria che forse lo vedrà contrapporsi alla Meloni, ma guardandola dal centro, in una posizione quasi inattaccabile per la coatta della Garbatella. La destra può battere la sinistra di Letta con la zavorra di Fratoianni, ma sbatterà il muso difronte al centro composto, cinico e baro, del nuovo corso democristiano interpretato da Calenda. Il distacco di Carlo Calenda, la resistenza di Matteo Renzi, significa una sola cosa, che Forza Italia sta muovendo rapidamente al centro dopo aver inifltrato le sue dame Regina, Gelmini e Carfagna. 

Leggi la notizia
CORSERA CORRIERE.IT ENRICO LETTA CARLO CALENDA MATRIMONIO GAY E TRIANGOLO CON LUIGI DI MAIO.INTESA ELETTORALE RAGGIUNTA

CORSERA CORRIERE.IT ENRICO LETTA CARLO CALENDA MATRIMONIO GAY E TRIANGOLO CON LUIGI DI MAIO.INTESA ELETTORALE RAGGIUNTA

02 Agosto 2022

Roma 3 agosto 2022 

Quel profumo di intesa alla fine concretizzato in un matrimonio gay tra Enrico Letta e Carlo Calenda. Luigi di Maio entra nel triangolo con il diritto di tribuna. Tutti insieme nelle file del Partito Democratico.

"elettorale per essere vincenti nei confronti della destra", ha detto Letta. "Oggi si riapre la partita", ha ribadito Calenda. Sondaggi alla mano, il centrosinistra sa che il centrodestra parte di gran lunga favorito. Per questo, Letta ha sempre cercato di costruire un'alleanza la più larga possible. Dopo l'addio al M5s, reo di non aver votato la fiducia a Draghi, il compagno di viaggio più corteggiato è stato Calenda che, però stava coltivando la tentazione di correre da solo, al centro, in una lista con Più Europa. Il senso dell'alleanza è stato riassunto da Letta: "Non è immaginabile che, dopo Draghi, il Paese passi al governo delle destre e sia guidato da Giorgia Meloni". E Calenda: "L'accordo elettorale riapre la partita. Tutti i punti che avevamo chiesto a Letta sono stati recepiti. I voti di Azione non andranno a chi ha sfiduciato Draghi". Caustico Giuseppe Conte: "Finalmente è finita la telenovela. In bocca al lupo alla nuova ammucchiata".

Leggi la notizia
CORSERA CORRIERE.IT LUIGI DI MAIO DIRITTO DI TRIBUNA ELEZIONI A BRACCETTO CON IL PARTITO DEMOCRATICO

CORSERA CORRIERE.IT LUIGI DI MAIO DIRITTO DI TRIBUNA ELEZIONI A BRACCETTO CON IL PARTITO DEMOCRATICO

02 Agosto 2022

Luigi Di Maio candidato nel Pd. A nemmeno 24 ore dal lancio del suo nuovo cartello "Impegno Civico", in asse con Bruno Tabacci, il ministro degli Esteri viaggia veloce verso una candidatura inattesa, sotto le insegne dem (lontanissimi i tempi in cui lo chiamava il partito di Bibbiano). L'offerta è stata appena formulata da Enrico Letta: il Partito democratico, fanno sapere dal Nazareno, "nelle prossime liste elettorali offrirà diritto di tribuna in Parlamento ai leader dei diversi partiti e movimenti politici del centrosinistra che entreranno a far parte dell’alleanza elettorale". A cominciare dall'ex capo politico del M5S. 

Leggi la notizia
CORSERA POLITICA LUIGI DI MAIO IN PERFETTO STILE ANDREOTTIANO SI SGANCIA DAL MOVIMENTO CINQUE STELLE E IL GIOCO DI PRESTIGIO LO TRASFORMA NELLA BALENA BIANCA

CORSERA POLITICA LUIGI DI MAIO IN PERFETTO STILE ANDREOTTIANO SI SGANCIA DAL MOVIMENTO CINQUE STELLE E IL GIOCO DI PRESTIGIO LO TRASFORMA NELLA BALENA BIANCA

21 Giugno 2022

Roma 22 giugno 2022 by Arturo Scanise (Valzer idilliaco ) 


Immaginare che saremmo stati qui oggi a commentare la scissione del Movimento  Cinque Stelle ad opera di Luigino di Maio, sembra davvero grottesco. Ma questa è l'Italia dei sogni , dei giochi di prestigio, delle capriole, dei capitani di brigata, che a turno entrano nella pancia della Balena Bianca, per farsi trascinare via dalle onde del mare. Luigi di Maio ha scelto la svolta, dopo averla coltivata e condivisa  a lungo con i suoi più stretti sodali di partito, tra cui quel Gianfranco Spadafora oggi difatto portavoce del nuovo partito politico Insieme per il futuro. Non era scontato, ma era altamente probabile che la rottura all'interno del Movimento Cinque Stelle, si sarebbe manifestata in tutta la sua magica attrazione fatale,quasi immaginifica, un fuoco di artificio in una qualsiasi serata estiva. Si schianta il panfilo di Beppe Grillo contro gli scogli, miraggio impossibile, soltanto fino a ieri,  per la classe politica bersagliata nel corso degli ultimi dieci anni dall'impietoso comico genovese.  E quel poveretto di Giuseppe Conte, quel cafone foggiano di cui parla spesso Vittorio Feltri, e che per un paio di anni ha immaginato di essere un astro nascenete della politica italiana, si ritrova come un ebete rinchiuso nel camerino a recitare il suo ultimo atto, la fronte stretta tra le ginocchia del fedele Casalino. 

Leggi la notizia
CORSERA  MATTEO RENZI THE WOLF OF WALL STREET, AL VIA LA LEOPOLDA SPA, KERMESSE PER MILIARDARI E SCEICCHI COME MOHAMED BIN SALMAN

CORSERA MATTEO RENZI THE WOLF OF WALL STREET, AL VIA LA LEOPOLDA SPA, KERMESSE PER MILIARDARI E SCEICCHI COME MOHAMED BIN SALMAN

20 Novembre 2021

Firenze 20 novembre 2021 by Peter Kennedy 

Matteo Renzi più che un politico ormai assomiglia più a Leonardo di Caprio nella leggendaria pellicola The Wolf of Wall street. Il leader di Italia Viva sembra scatenato tra magie trucchi e trucchetti, ha impiombato sulle nomine Rai, Giuseppe Conte il leader del partito di maggiornaza relativa nel paese, adesso gongola, come avesse vinto il campionato del mondo con la sua amata Fiorentina. Matteo Renzi è incontenibile, fiuta l'odore della vittoria e dell'affermazione sopra tutto e tutti, arbitro, ago della bilancia nella soffocante politica italiana dove tutti ormai giocano di rimessa e l'astuzia assassina vive soltanto dentro di lui. A Matteo Renzi gli zampillano gli occhi di sangue, vendetta distillata pura, come grappa di alta montagna , ma nello stesso tempo disperde al vento la sua filosofia per una nuova politica arrembante, quella solida e finanziabile, alla Wall Street. La politica di Matteo Renzi è quella scaltra, andreottiana, quella che conta, che decide, che nomina, che nessuno deve sfidare e che tutti devono cercare, altrimenti si sta fuori dal cash back, dagli affari, le lobby, gli aiuti, le pressioni amichevoli che soltanto colui che comanda può elargire agli accoliti, ai militanti, ai sostenitori, ai servi per così dire. Non c'è politica senza denaro, non esiste alcun partito fuori da questa dimensione, o come accaduto in altre esperienze, vedi il Movimento cinque Stelle, gli stessi parlamentari si disperdono, emigrando per lidi più fortunati, dove si trovano e raccolgono onori e soldi a piene mani. La Leopolda 2021 è quella delle grandi occasioni, infiocchettata come ad una festa di gala, dove chi conta ha deciso di farlo sapere al mondo intero, di renderlo evidente e pubblico.

Leggi la notizia
CORSERA POLITICA GIORGIA MELONI EREDE E NIPOTE DEL DUCE. LA BORGATARA DELLA GARBATELLA SUL TRONO D'ITALIA

CORSERA POLITICA GIORGIA MELONI EREDE E NIPOTE DEL DUCE. LA BORGATARA DELLA GARBATELLA SUL TRONO D'ITALIA

12 Giugno 2021

Roma 13 giugno 2021 CorSera.it

Giorgia Meloni la nipote prediletta del Duce. Nella sua ascesa politica, la nostalgia degli italiani per il fascismo, il romanticismo delle trasvolate atlantiche di Italo Balbo, delle battaglie ideali e sociali, a dispetto del presente, di un paese che oggi è ridotto in macerie.

Giorgia Meloni la mamma cristiana si candida a diventare Presidente del Consiglio. La Giorgia della borgatara super cool della Garbatella, assurge al trono d'Italia, quello che oggi occupa con eleganze un certo Mario Draghi. Nella ricetta di Giorgia tanto nazionalismo, patriottismo, famiglia e il Sacro romano Impero. Mai prendere le distanze dai preti e dai patrioti alla Italo Balbo. La ricetta culinaria sembra essere un mix di tutto questo, un intreccio di interessi della destra italiana, quella che proviene dal Movimento Sociale di Almirante e di Gianfranco Fini. Stampelle che nel corso del tempo sono schizzate da ogni parte, chi dietro ai soldi a Montecarlo chi dietro a reneissance nostalgiche del fascismo. Ma Giorgia non demorde, occhi blu, elegntissima nei suoi vestiti dai colori sgargianti, come quelli della Regina Elisabetta, dove forse un giorno sarà invitata a pranzo, in quel di Buchimgham Palace.

Leggi la notizia
CORSERA CORONAVIRUS MATTEO RENZI PROSELITI NELL'OLTRETOMBA

CORSERA CORONAVIRUS MATTEO RENZI PROSELITI NELL'OLTRETOMBA " SE I MORTI DI BERGAMO POTESSERO PARLARE, CI DIREBBERO DI RIAPRIRE "

02 Maggio 2020

ROMA 2 MAGGIO 2020 CORSERA.IT

CorSera.it Copyright 

Italia un paese cimitero, adesso trasformato in un paese di zombie. A far resuscitare i morti, ci ha pensato il senatore Matteo Renzi, i macchiavellico ex sindaco di Firenze, assetato di sangue, trasformatosi nell'uomo pipistrello, come nelle più celeberrime caricature di Crozza. La sfida politica per la sopravvivenza di Italia Viva, passa anche dalle salme delle vittime del covid-19, perchè adesso soltanto nell'oltretomba, Matteo Renzi ha intenzione di fare proseliti per le cause sociali.Si dice che il suo ultimo discorso al senato sia il preludio alla crisi di Governo, l'ex leader del PD, pare che questa volta sia intenzionato ad affondare la lama per garantirsi un rimpasto e un suo ruolo nella compagine governativa.La frase ha suscitato molto clamore, scandalo nelle forze politiche, che lo accusano di strumentalizzare anche i morti per interesse politico. Ma la disfida è prorio lì, nel cimitero bergmasco, nella viviva immagine dei camion militari che in colonna escono dalla città carichi di dolore italiano. La pandemia del Covid-19, in Italia ha mietuto oltre 28 mila vittime e la storia pare che non sia ancora finita. Qualcuno dovrà assumersi le sue responsabilità e il Governo Conte è forse destinato ad una fine tragica e senza resistenza. Il macchiavellico Matteo Renzi, forse ha avvertito in anticipo la fine prima del tempo dell'esecutivo a guida Giuseppe Conte, e ha ben immaginato di disarcionarlo da cavallo per non finire travolto dalle responsabilità operative che sono evidenti a tutti gli italiani.

 

CorSera.itr Copyright 

Leggi la notizia
CORSERA CORONAVIRUS MATTEO SALVINI DALLA BANDERA DE IS CUATRU MORUS ALLA BATTAGLIA LOMBARDA. L'ARROCCO DEL CARROCCIO CHE TORNA ALLA LEGA NORD

CORSERA CORONAVIRUS MATTEO SALVINI DALLA BANDERA DE IS CUATRU MORUS ALLA BATTAGLIA LOMBARDA. L'ARROCCO DEL CARROCCIO CHE TORNA ALLA LEGA NORD

17 Aprile 2020

MILANO 17 APRILE 2020 CORSERA.IT by Rip Gomez

CorSera.it Copyright 

Matteo Salvini dalla Bandiera dei Quattro Mori alla superiorità lombarda . La Lega torna al Nord e fallisce la riunificazione dell'Italia. 

Matteo Salvini torna alla Lega Nord. L'arrocco del Carroccio nel feudo milanese, diventa il prossimo confine della battaglia politica. Matteo Salvini, come tutti sappiamo, si è suicidato per delirio da onnipotenza. Era ministro dell'Interno e difatto Premier in pectore,ma l'immenso consenso tra la popolazione italiana, lo ha spinto a dare la spallata al Governo dei cercopitechi gialloverde, troppo presto e senza valutare la situazione complessiva. L'ubriacatura da spritza al Papeete, lo ha centrifugato lo ha annebbiato. Oggi in piena emergenza coronavirus, avrebbe gestito in prima persona l'emergenza nazionale, diventando un eroe nazionale. Si è ritirato dal campo di battaglia, facendo uno sbaglio clamoroso. Adesso cerca risonanza mediatica, ma sono sforzi inutili, come quelli che fa uno stitico al gabinetto.

Leggi la notizia
CORSERA CORONAVIRUS PASQUA L'ITALIA RISORGE LOCK-DOWN FINITO. LUCA ZAIA SUONA LA CARICA AL POPOLO ITALIANO

CORSERA CORONAVIRUS PASQUA L'ITALIA RISORGE LOCK-DOWN FINITO. LUCA ZAIA SUONA LA CARICA AL POPOLO ITALIANO

12 Aprile 2020

ROMA 12 APRILE 2020 CORSERA.IT

CorSera.it Copyright 2020 

Luca Zaia il garibaldino, ha suonato la carica per l'intero popolo italiano. Lock-down finito si riapre tutto. Credo che il governtore della regione Veneto, abbia capito ciò che non è neanche passato nella mente del leader del carroccio Matteo Salvini. Era il momento del rompere le righe, dopo l'ennesimo rifiuto da parte dell'Unione di cosolidare il progetto politico europeo sotto l'egida degli Eurobond. L' Europa non esiste più. Adesso il popolo italiano deve salvarsi, costi quel che costi. L'uso dei dispositivi individuali di protezione non esclude la possibilità di contagio, ma se ben utilizzati, il rischio diminiuisce fino al 97%. Quindi, popolo italiano, oggi si riparte. Come avevamo già idicato noi del CorSera.it, il lock-down può rimanere in vigore per la Lombardia, che dovrebbe avvalersi di un cordone sanitario con esercito e forze mediche sul campo.

Leggi la notizia
CORSERA CORONAVIRUS SILVIO BERLUSCONI FUGA ED ESILIO IN PROVENZA. ANTONIO TAJANI IL SACRIFICIO DEL CARDELLINO IN TRINCEA

CORSERA CORONAVIRUS SILVIO BERLUSCONI FUGA ED ESILIO IN PROVENZA. ANTONIO TAJANI IL SACRIFICIO DEL CARDELLINO IN TRINCEA

02 Aprile 2020

MILANO 2 APRILE 2020 CORSERA.ITL'emergenza da Coronavirus sta facendo vittime in tutta Italia, alcune città sono strette d'assedio come Bergamo, Brescia, Crema ,Cremona.Il nemico invisibile ha messo le ali a molti politici italiani, che sono scomparsi nei loro buen rifugi. Oggi la diretta skype consente loro di

Leggi la notizia
CORSERA CORONAVIRUS DROPLET  LA MORTE CI FA BELLI. VINCENZO SPADAFORA DIVIETO PER LO SPORT E ATTIVITA' FISICHE ALL'APERTO

CORSERA CORONAVIRUS DROPLET LA MORTE CI FA BELLI. VINCENZO SPADAFORA DIVIETO PER LO SPORT E ATTIVITA' FISICHE ALL'APERTO

18 Marzo 2020

Milano 18 marzo 2020 CorSera.it by Alan Parker dal nostro corrispondete di guerra al Coronavirus ( redazione mobile 335291766)Il contagio Covid-19 dilaga in Lombardia , è un eccidio, una strage di innocenti, vecchi, giovani bambini. Il sistema sanitario è al tracollo, l'ondata di malati da intubare è senza precedenti. Oggi un paziente è morto nel corso del trasferimento da Bergamo a Bari. In Lombardia si rischia di morire per strada, infettati, senza che nessuno possa raccogliere le spoglie del proprio parente e tumularle in un cimitero. Presto le salme si bruceranno in strada come in India. Siamo in un film dell'orrore.

Leggi la notizia