Lunedi' 13 Luglio 2020
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • ATTENTATO A KABUL.MILITARI ITALIANI INVIATI AL MACELLO.MORTI 6 SOLDATI....

ATTENTATO A KABUL.MILITARI ITALIANI INVIATI AL MACELLO.MORTI 6 SOLDATI.

Kabul 17 Settembre 2009(Corsera.it)

I militari italiani sono stati mandati al macello,morti ammazzati all'interno di deu veicoli blindati Lince,del tutto inadeguati per il pattugliamento nelle città o per scortare i convogli.Mezzi militari inadeguati,Lince blindati,contratti per la fornitura di armi all'Esercito italiano che nessuno verifica.

Corsera.it aveva parlato in tempi non sospetti,che al contrario dell'Esercito italiano,quello americano si stava adeguando alle necessità delle missioni di peace keeping con dei mezzi blindati eccezionali,capaci di respingere attacchi da JRP e lanciarazzi.Si chiamano Buffalo e Couguar.Se fossero stati acquistati,oggi i militari italiani sarebbero ancora vivi.

E' un momento di lutto per l'Italia e anche di orgoglio per il nostro Esercito,ma qualcuno è responsabile sia al Ministero della Difesa e sia i contractor interni dell'Esercito italiano.

in diretta ripreso da La Repubblica.

"I soldati italiani hanno pagato un prezzo alto per la libertà e la sicurezza dell'Afghanistan, dell'Italia e dell'Europa: dobbiamo restare per dimostrare che l'orgoglio dell'Italia è sempre alto". Questo il primo commento del ministro degli Esteri Franco Frattini ai microfoni del Tg1.

Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, è stato informato dell'attacco contro gli italiani a Kabul mentre si trovava al Teatro Bunka Kaikan di Tokio e assisteva al Don Carlo di Verdi, portato in Giappone dal Teatro La Scala di Milano. Napolitano in compagnia della signora Clio si trova al momento sul palco d'onore riservato alla famiglia imperiale in compagnia di sua Altezza Akihito e dell'Imperatrice Michiko. La comunicazione al Presidente è stata fatta nella pausa tra il terzo e il quarto atto dell'opera verdiana.

Il presidente del Senato Renato Schifani esprime il più profondo dolore e cordoglio per la morte dei soldati italiani caduti oggi in un attentato terroristico a Kabul. "Il sacrificio di questi eroi - dichiara - costituisce un ulteriore doloroso contributo che i nostri militari, con grande coraggio e professionalità, continuano a dare per difendere la democrazia, la pace e la sicurezza internazionale".

I soldati morti erano del centottantaseiesimo reggimento della Folgore, di stanza a Kabul: lo ha detto il ministro Ignazio La Russa in Senato, aggiungendo che oltre ai sei morti ci sono quattro feriti, nessuno dei quali in evidente pericolo di vita. Tra le vittime ci sono quattro caporalmaggiori, un sergente maggiore e un ufficiale. Il ministro ha definito "infami e vigliacchi" gli autori della strage e ha aggiunto: "Non ci fermeranno"

Il ministro della Difesa Ignazio La Russa iferirà "immediatamente" al senato sull'attentato. Lo ha annunciato la vicepresidente Rosy Mauro in aula, prima di sospendere la seduta in attesa dell'arrivo del ministro. Il discorso alla Camera è invece previsto per le 18.

Appartengono tutti alla brigata paracadutisti Folgore i sei soldati morti nell' attentato al convoglio militare a Kabul. Lo si apprende da fonti militari, mentre ancora non si conosce di quali reparti facessero parte.

"Cordoglio e solisarietà ai componenti della missione, caduti per la libertà": queste le prime parole di Silvio Berlusconi

Il governo dovrebbe riferire in Parlamento nel pomeriggio sull'attentato ai militari italiani a Kabul. Non è stato ancora deciso se l'informativa si terrà prima alla Camera o al Senato.

Il ministro afgano della Sanità, Muhammad Amin Fatami, ha detto che il bilancio provvisorio dell'attentato ad un convoglio italiano "è di tre afgani morti e 32 feriti". "Temo tuttavia - ha aggiunto - che il numero delle vittime crescerà"

Secondo una prima ricostruzione, un'auto carica di esplosivo è scoppiata al passaggio del primo mezzo italiano del convoglio, uccidendo tutti e cinque gli occupanti. Danni gravi anche al secondo Lince: uno dei militari a bordo è morto e altri tre sono rimasti feriti.

Con l'attentato di oggi nel centro di Kabul, in cui sono morti almeno sei soldati italiani, sale a 20 il numero di militari italiani morti in Afghanistan dall'inizio della missione italiana nel 2004. Di questi la maggioranza è rimasta vittima di attentati, altri invece sono morti in incidenti e alcuni anche per malore.

"Grande vicinanza" e "grande dolore". Così il cardinale Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova e presidente della Cei, ha commentato la notizia dei militari italiani morti a Kabul. "Esprimo vicinanza - ha dichiarato - ai familiari e a tutti i compagni dei militari morti. Cristianamente, una preghiera per le loro anime".

Attentato a scopo di terrorismo. Per questa ipotesi di reato è stato aperto un fascicolo d'inchiesta sull'attentato di Kabul, dalla Procura di Roma Gli inquirenti, coordinati dal procuratore capo Giovanni Ferrara e dall'aggiunto Pietro Saviotti, attendono una relazione dal ministero degli Esteri.

L'aula della Camera ha sospeso i lavori "in segno di lutto e solidarietà" con i militari italiani "in attesa che il governo riferisca".

L'attentato di Kabul è stato rivendicato dai Taliban.

Attentato kamikaze a Kabul che ha coinvolto due blindati italiani "Lince". Fonti militari confermano che tra le vittime ci sono sei soldati italiani. Insieme a due civili afgani. I nostri connazionali feriti sarebbero tre. Il bilancio comunque è ancora provvisorio. L'esplosione è avvenuta nel quartiere diplomatico della capitale afgana.


Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.