Lunedi' 28 Novembre 2022
HOTLINE: +39 335 291 766

INDIA ATTENTATO.MUORE L'ITALIANA NADIA MACERINI.

Bombay 14 febbraio 2010 (Corsera.it)

Fonte Il Sole 24 Ore.

Tra i due stranieri morti sabato nell'attentato che ha distrutto un affollato ristorante nella città di Pune c'è un italiana. Secondo fonti locali si tratta di Nadia Macerini di 31 anni. Era originaria di Levane, frazione di Bucine, comune dell'aretino, dove la sorella, Cinzia, è consigliere comunale. La seconda vittima straniera sarebbe invece uno studente iraniano, Syed Abdul Khali, 26 anni, studente del Symbiosis College of Arts & Commerce di Pune. Infine, fra i 60 feriti, 12 erano stranieri: cinque iraniani, due sudanesi, due nepalesi, uno yemenita, un taiwanese e un tedesco.

continua



Si tratta del primo grave attentato compiuto sul suolo indiano dopo gli attacchi di Mumbai del 2008. La strage giunge a sole 24 ore dall'ufficializzazione della riapertura del processo di pace tra India e Pakistan dopo che, proprio in seguito ai 166 morti del novembre di due anni fa, i rapporti diplomatici tra le due potenze atomiche erano tornati gelidi.

L'esplosione di ieri è avvenuta intorno alle 19.30 mentre la German Bakery, un luogo di ritrovo popolare tra turisti e studenti stranieri, era piena di clienti. Secondo le prime ricostruzioni la deflagrazione sarebbe stata provocata da un ordigno contenuto in una valigetta abbandonata sotto un tavolo. «Abbiamo sentito un forte botto e siamo scappati fuori dal locale. C'erano piccoli frammenti di corpi ovunque», racconta Vinod Dhale, un dipendente del ristorante. Un testimone oculare ha raccontato che un cameriere avrebbe notato la valigetta e avrebbe tentato di aprirla, forse innescando l'esplosione.

Il ristorante colpito ieri si trova nel quartiere di Koregaon, uno dei più eleganti di Pune, e potrebbe essere stato scelto come bersaglio proprio nel tentativo di uccidere alcuni degli espatriati che vivono in questo centro a un centinaio di chilometri da Mumbai. Pune si trova nello stato del Maharashtra, con i suoi 3,3 milioni di abitanti è l'ottava città più popolosa dell'India ed è considerata una delle capitali studentesche del paese. Negli ultimi anni la presenza di ben otto università ne ha fatto uno dei principali centri dell'information technology indiana insieme a città come Bangalore e Hyderabad e ha contribuito a rafforzare la sua posizione come uno dei principali distretti indiani dell'automotive.

In serata alcuni investigatori si sono soffermati sulla posizione del ristorante colpito ieri, facendo notare che la German Bakery si trova nelle stessa strada della Chabad House, un centro culturale ebraico che fa capo agli ortodossi del movimento Chabad-Lubavitch. In occasione degli attacchi di Mumbai del novembre del 2008, uno dei bersagli presi di mira dal commando terrorista, assieme a una stazione e tre alberghi di lusso, fu proprio la Chabad House di Colaba, il quartiere che per tre notti e due giorni è stato teatro dei combattimenti. Poco lontano dal locale colpito ieri sorge anche il popolare ashram, o centro di meditazione, di Osho, un guru popolare da decenni sia dentro che fuori i confini dell'India. Un alto funzionario del ministero degli Interni ha detto che in passato tra gli ospiti dell'ashram ci sarebbe stato anche David Headley, l'uomo d'affari americano di origine pakistana arrestato lo scorso anno negli Stati Uniti con l'accusa di avere compiuto una serie di visite «di ricognizione» sui luoghi che di lì a poco sarebbe stati presi di mira negli attacchi di Mumbai.

L'esplosione di ieri giunge dopo una fase di relativa calma per l'India dopo che il 2008, ben prima dei clamorosi attacchi di novembre, era stato costellato da una serie di attentati che avevano colpito alcune città del paese, tra cui la capitale New Delhi, facendo più di 100 vittime. In quelle occasioni la polizia aveva incolpato dei gruppi islamici locali, mentre nel caso del devastante attacco di Mumbai di 15 mesi fa tutti gli indizi

Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.