Mercoledi' 23 Settembre 2020
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • Politica
  • IL VIDEO SHOCK LUCIANO GAUCCI ELISABETTA TULLIANI.EFFUSIONI E GIOCHI EROTICI....

IL VIDEO SHOCK LUCIANO GAUCCI ELISABETTA TULLIANI.EFFUSIONI E GIOCHI EROTICI.

Roma 11 Settembre 2010 (Corsera.it) 

Il video che pubblichiamo(nella colonna video del corsera.it) ritrae la coppia Gaucci Tulliani,in una sorta di prefigurazione del loro gioco erotico,l'incontro tra una ragazza e un maschio adulto.Anzi tra la figlia e il padre.E' lo stesso Luciano Gaucci a testimoniarlo nel video "potrei farti da padre."L'attrazione del rapporto sessuale tra padre e figlia,gioca un effetto dominante,quando la relazione con il vero padre è stata penosa e condita da poco affetto.Ma nel gioco erotico tra Luciano Gaucci ed Elisabetta Tulliani,subentrano altre ...

....fasi,come quella del Re e della Cortigiana,che vestita di bianco entra nel Castello,ovvero si lascia penetrare nella propria intimità,concede tutta se stessa all'avventuriero che l'ha strappata alla sua vita noiosa e costellata di stenti economici.La morfina è tutta qui,in questo gioco che scende a compromesso per le ovvie ragioni di età e per quel desiderio sessuale,tipico che nella donna frigida,si amplia,fino a ricercare nell'estremo sentore della perversione il suo ultimo risultato,l'orgasmo irrealizzato con altri partner della propria età.Il sottile gioco erotico,vediamo nel video anche violento,pieno di simboli,richiami evidenti,del conflitto e della fanciullezza con la quale Elisabetta scopre il proprio erotismo al padre,a cui confida ogni cosa,a cui concede ogni libertà,pur di abbracciare la felicità del godimento celestiale.Nella finzione di quelle poche battute al tavolo da biliardo,si evince questo stretto contatto con il simbolismo fallico e quello della fertilità,il maschio angioino che conquista la sua preda,la strappa agli avversari,in questo caso al figlio,declama Luciano Gaucci:"Eri amica di mio figlio,questa coincidenza mi ha fatto capire che eri la persona per me." Erotismo mistico,la suggestiva scenografia del Castello lo evidenzia,come catino nel quale il suo effetto maggiore è il parossismo che al rapporto padre-figlia reuccio-cortigiana sconfina nell'erotismo della perversione della relazione sessuale, che necessita anche di una lauta ricompensa per le prestazioni.Dice infatti Luciano Gaucci : devo comprare un calciatore da due miliardi o vuoi che ti compro un diamante dello stesso valore? " La perversione ,l'idea della prostituzione che scaturisce da un acquisto così importante(non è certo un dono come un fiore o un cioccolatino) ha il valore simbolico dell'appropriazione, che nelle relazioni uomo donna ha un significato quasi esoterico,una forma avanzata di predominio dell'uomo sulla donna.E stupisce,che la Elisabetta Tulliani,sebbene nella finzione,stia al gioco,anzi,sia ingolosita di quella messa in scena a cui partecipa quale Regina o Principessa,lei figlia di un dipendente dell'Enel.Non c'è il lei uno spasmo di orgoglio femminile,ma una totale assoluta devozione al suo Reuccio,a colui che l'ha portata via con sè in una favola.Tradisce la psiche fanciullesca di una donna debole,che non cerca la sua affermazione nella forza e il potere della sua femminilità,vuole farsi travolgere dal senso di impotenza che la lega alla sua storia.Elisabetta è una donna del popolo,con un futuro incerto davanti a lei,un passato tenebroso,pieno di acciacchi e stenti economici,una vita semplice.Lei vuole invece raggiungere subito il cuore del Castello,scartare il regalo,mettersi a disposizione del Re per diventare Regina.Questa trasposizione psichica violenta,parossistica,è tipica delle neverosi più acute,quelle che sono definite compulsive,irrefrenabili.La storia psichica più violenta è quella dell'eccitazione della relazione padre figlia,violenta perchè coinvolge i sentimenti più puri,che si confondono nel malessere e forse nel tradimento degli affetti.E' forse anche da considerare una rivincita,anzi una vendetta nei confronti del padre naturale che ha trascurato nella relazione la figlia,o l'ha trattata male.

La rivincita o la vendetta,trova il suo sbocco ideale con un uomo politico di calibro nazionale come Gianfranco Fini,soddisfa la sua rozzezza sessuale,tracima oltre l'immaginario,diventa realtà disponibile alla nevrosi e al trauma della relazione fallita con il padre naturale.Staremo a vedere se questa avventura politica condurrà Gianfranco Fini da qualche parte,o al contrario,per sommo della sua rozzezza,lo porterà dritto dritto alla sventura e al collasso di ogni suo ragionamento logico.

Franco Alberti

 


Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.