Mercoledi' 15 Luglio 2020
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • Cronaca
  • GIAPPONE TSUNAMI 3000 MORTI 11 MARZO 2011 ORE 19.05 CORSERA.IT ANTICIPAVA NOTIZIA AL MONDO INTERO....

GIAPPONE TSUNAMI 3000 MORTI 11 MARZO 2011 ORE 19.05 CORSERA.IT ANTICIPAVA NOTIZIA AL MONDO INTERO.

Tokyo 13 Marzo 2011 CORSERA.IT Ore 19.21

Un quotidiano web on line il Corsera.it anticipava la notizia al mondo intero,la mattina all'alba dell'11 Marzo del 2011.

La notizia anticipata a livello mondiale, dal Corsera.it,alle ore 19.05 dell'11 Marzo del 2011(vedi il nostro articolo Giappone tsunami oltre tremila morti,migliaia di feriti),è stata confermata dalle fonti ufficiali governative giapponesi:lo tsunami è costato oltre tremila vittime in Giappone,come ormai evidente  dai bilanci della polizia nazionale.Una notizia che faceva rabbrividire la comunità internazionale,perchè nessuno fino a quel momento,aveva percepito esattamente le dimensioni colossali della tragedia.I giornali parlavano di ...

.....500/600 vittime al massimo,notizie imprecise,del tutto infondate,che non hanno certamente aiutato la reattività degli aiuti a livello internazionali.Poche vittime,pochi aiuti.Ma dopo qualche giorno,le autorità giapponesi,cominciano a dover fare i conti con la realtà e forse nella sola prefettura di Miyagi i morti potrebbero salire a oltre undicimila....CORSERA.IT COPYRIGHT

 

MILANO - Diecimila morti nella sola prefettura di Miyagi. Si aggravano sensibilmente le stime del terremoto e del conseguente tsunami che venerdì hanno devastato la costa nordorientale del Giappone. Per la polizia nazionale le vittime e i dispersi hanno superato nel complesso quota 3.000, ma la tv pubblica Nhk, citando altre fonti, fornisce dati assai diversi. «Non ho alcun dubbio», ha detto Naoto Takeuchi, capo della polizia della prefettura di Miyagi, parlando di diecimila vittime nel suo resoconto alla televisione di Stato. Il capoluogo Sendai, è stato devastato dall'onda anomala di oltre 10 metri di altezza e centinaia di corpi sono stati rinvenuti lungo le coste della prefettura. Mancano cibo, acqua e carburante e lunghe code di persone si sono formate davanti ai pochi negozi aperti. Migliaia di sfollati hanno trascorso un'altra notte al freddo, in rifugi di fortuna, sulla costa nord-orientale, secondo la Bbc.


Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.