MONTE DEI PASCHI DI SIENA MATTEO CORSINI SVILUPPO TARPATO DA FONDAZIONE

Siena 7 Giugno 2011 CORSERA.IT

Fintanto che la Fondazione Monte dei Paschi di Siena si ostinerà a detenere il 50,1% della Banca,"lo sviluppo è tarpato".La logica della fondazione Monte dei Paschi di Siena è asfittica e impedisce che la Banca rientri nell'ambito di un conglomerato più ampio,rispetto a quello ridicolo e nazionalsciovinistico in cui è di fatto caduto l'istituto senese.Monte dei Paschi di Siena dovrebbe liberarsi della tenaglia della fondazione e aprirsi al mercato,alle sue suggestive forze propulsive.E' stato così per il gruppo BNL,che oggi respira aria

....internazionale e globale,altrimenti sarebbe morta,impantanata inuna logica industriale provinciale.L'andamento del titolo in borsa testimonia quanto sostengo e gli stessi azionisti sono anni costretti a sacrifici inenarrabili.La Fondazione Monte dei Paschi di Siena costringe i suoi principali azionisti a fare digiuni perenni,pur di tenere la mano sulla testa della banca.E' una logica perversa che condurrà ad un avvitamento inevitabile,sia delle prospettive sia delle risorse.Un suicidio industriale  e finanziario.

CORSERA.IT COPYRIGHT

 

Banca Monte dei Paschi (Milano: BMPS.MI - notizie) ben impostata a Piazza Affari, dove guadagna lo 0,83% a 0,793 euro, all’indomani dell’assemblea straordinaria che ha conferito al Cda (Sao Paolo: YPFL3.SA - notizie) di Rocca Salimbeni di effettuare l’aumento di capitale da 2,47 miliardi di euro. La ricapitalizzazione dovrebbe partire a fine mese e permetterà di rimborsare gli 1,9 miliardi di euro di Tremonti Bond e di raggiungere gli obiettivi del piano industriale al 2015. Il presidente della banca senese, Giuseppe Mussari, ha dichiarato che non vi sono acquisizioni in vista e che non è prevista la cessione del 25% detenuto da Mps (BSE: MPSLTD.BO - notizie) nella Popolare di Spoleto.

Commenta questo articolo

Tutti i commenti