Martedi' 07 Luglio 2020
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • Cronaca
  • CARMELA MELANIA REA OMICIDIO LA VAJASSA DEL GENERALE LA SOTTILE LINEA ROSSA...

CARMELA MELANIA REA OMICIDIO LA VAJASSA DEL GENERALE LA SOTTILE LINEA ROSSA

Ascoli Piceno 28 LUGLIO 2011 CORSERA.IT

Carmela Melania REA omicidio.Gli inquirenti cercano i complici dell'assassino,che ad oggi indicano nel caporalmaggiore Salvatore Parolisi.Quella sottile linea rossa che unirebbe il movente dell'omicidio passionale alla responsabilità indiretta di altri ufficiali dell'Esercito italiano,forse coinvolti nello scandalo a luci rosse della Caserma Clementi del 235° Reggimento Piceno.Il sospetto degli inquirenti è come recita il CORSERA.IT da alcuni mesi,e' che nello scandalo .....

....delle vajasse e delle soldatesse,sia coinvolto un altissimo papavero dell'Esercito,forse anche un GENERALE,qualcuno che si era invaghito proprio di Carmela Melania Rea,la cui relazione avrebbe scatenato la follia omicida del marito?

C'è un'altra vittima nel delitto di Carmela Melania Rea,ed è il colonnello Ciro Annichiarico,il comandante della Caserma Clementi,a cui subentra Michele Vicari,Capo di Stato Maggiore delle Brgate Bersaglieri Garibaldi.UN cambio di guardia al vertice della Caserma Clementi del 235° Reggimento Piceno,all'indomani dello scandalo delle allegre baldorie sessuali,denunciate dal CORSERA.IT.

 

ASCOLI PICENO / Cambio al vertice della caserma Clementi di Ascoli Piceno, dove il marito di Melania Rea, Salvatore Parolisi ricopre l’incarico di istruttore delle soldatesse.
Diventata tristemente famosa dopo l’omicidio di Carmela Melania, trovata massacrata nel boschetto delle Casermette a Ripe di Civitella, è la prima ad aprire le porte a reclute femminili circa 10 anni fa.
Al colonnello Ciro Annichiarico subentra Michele Vicari, Capo di Stato Maggiore della Brigata Bersaglieri “Garibaldi” di Caserta.
In caserma Parolisi secondo gli inquirenti si recò non per organizzare squadre di ricerca della moglie scomparsa ma per cancellare ogni traccia delle conversazioni in Facebook con la sua amante, una soldatessa della caserma.
In una conversazione con la sorella intercettata dagli inquirenti, Parolisi stesso aveva menzionato di possibili provvedimenti disciplinari per aver intrecciato una relazione sentimentale con un’allieva.
Proprio l’ambiente militare è entrato nel mirino degli investigatori come luogo di ricerca del movente del delitto di Melania Rea.


Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.