Domenica 09 Agosto 2020
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • Economia
  • CORSINI : MPS UNICREDIT SAN PAOLO IMI FIAT SAIPEM OCCASIONI DA NON PERDERE....

CORSINI : MPS UNICREDIT SAN PAOLO IMI FIAT SAIPEM OCCASIONI DA NON PERDERE.

Milano 26.1.2009(Corsera.it) di Matteo Corsini.

Per noi immobiliaristi è come comprare mattoni a Piazza di Spagna a prezzo di realizzo.Un immenso fiume d'oro che nessuno forse vede o forse gli operatori mobiliari sono al verde e in affanno.Noi saremo a fianco di Monte dei Paschi di Siena Unicredito e San Paolo Imi per i prossimi mesi aumentando giorno per giorno le quote azionarie.E' il momento della riscossa anche per FIAT a cui si apre il mercato automobilistico americano non soltanto per la Ferrari.La prospettiva del mercato americano e' come un nuovo eldorado per la FIAT. Calderoli non ha capito niente ma forse Silvio Berlusconi martedì romperà ogni indugio per salvare il lavoro a 60mila operai.

ALtri articoli Corriere della Sera .TORINO - A due giorni dal tavolo sulla crisi del settore automobilistico in programma a palazzo Chigi tra Governo, imprese del settore e sindacati (Fiom, Fim, Uilm e Fismic), l'ad di Fiat Sergio Marchionne conferma i timori espressi dai sindacati e lancia l'allarme: «Il rischio che 60.000 lavoratori del comparto auto, in Italia, restino a casa, se non ci sarà un intervento del governo, è reale» ha detto l'amministratore delegato del Lingotto. Marchionne ha parlato entrando all'Unione Industriale dove si tiene la riunione del consiglio direttivo sulla crisi economica.

ECOINCENTIVI - L'ad Fiat ha confermato dunque il calcolo del segretario nazionale della Fim-Cisl, Bruno Vitali che in mattinata aveva sottolineato come il settore "automotive" (auto, camion, autobus e in generale la produzione di mezzi di trasporto su ruote) ha registrato un calo della domanda del 20%. «Se questo calo diventa strutturale - ha spiegato Vitali entrando in un'assemblea alla Fiat Mirafiori carrozzerie proprio sulla crisi e sull'incontro con il Governo - i posti di lavoro a rischio potrebbero essere 60.000. Ci aspettiamo che il Governo metta in campo ecoincentivi all'acquisto e intervenga affinchè le produzioni italiane non vengano dismesse e trasferite all'estero».

«INTERVENTO PER TUTTI» - Parole condivise dallo stesso Marchionne. «Dal governo ci aspettiamo un intervento per tutto il settore dell'auto, che sta vendendo il 60% in meno dell'anno scorso». «Non si tratta di aiutare la Fiat, ma di fare ripartire un intero comparto produttivo e tutta l'economia», ha aggiunto Marchionne. Quanto alle affermazioni del ministro Roberto Calderoli su un ipotetico intervento del governo («Se arrivano gli aiuti alla Fiat ci sarà la rivolta popolare»), Marchionne si è limitato a dire: «Sono d'accordo, il sostegno deve essere dato a tutto il settore


Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.