Mercoledi' 25 Maggio 2022
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • Politica
  • CORSERA REGIONE LAZIO SODOMA E GOMORRA ER BATMAN FIORITO FA CADERE IL GOVERNO MARIO MONTI...

CORSERA REGIONE LAZIO SODOMA E GOMORRA ER BATMAN FIORITO FA CADERE IL GOVERNO MARIO MONTI

ROMA 22 SETTEMBRE 2012 CORSERA.IT

FRANCO FIORITO ER BATMAN UN TORNADO CHE SI ABBATTE SUL GOVERNO DI MARIO MONTI.POSSIBILE CHE L'ESECUTIVO NON ABBIA INDIVIDUATO E TAGLIATO GLI ABNORMI COSTI DEI  CONSIGLIERI REGIONALI?

SCANDALO REGIONE LAZIO,L'ITALIA DE ER BATMAN E' UNA VERGOGNA TUTTA ITALIANA.MARIO MONTI DEVE DIMETTERSI.IL POPOLO ITALIANO SUBISCE IMPOTENTE LE VESSAZIONI DEL FISCO,L'ABNORME PRESSIONE FISCALE E ASSISTE SGOMENTA ALLA SODOMA E GOMORRA...

DEI CONSIGLIERI DI REGIONE,AL COSTO DEVASTANTE DI UN MILIARDO DI EURO PER L'INTERA COMUNITA'.MI DOMANDO COME SIA POSSIBILE? MI DOMANDO CARO MARIO MONTI COME LEI E LA FONERO NON ABBIATE IL RITEGNO DI DIMETTERVI E TORNARVENE...

A CASA.MA CHI VOLETE CONTINUARE A PRENDERE IN GIRO?

SCANDALO REGIONE LAZIO,LA CORTE DEI MIRACOLI DE ER BATMAN FRANCO FIORITO.MILIONI DI EURO DISTRATTI DALLE CASSE DELLA REGIONE PER UTILITA' PERSONALE.UN MILIARDO DI EURO IL COSTO PER LO STATO ITALIANO PER GLI STIPENDI DEI CONSIGLIERI REGIONALI.QUELLO DEL LAZIOGATE E' UN BUBBONE SCOPPIATO NEL CUORE DELL'ESECUTIVO DI MARIO MONTI,CHE DA MESI HA MESSO SOTTO PRESSIONE IL POPOLO ITALIANO CON IMPOSTE E TASSE,SENZA TAGLIARE I COSTI IMPRODUTTIVI E DAVVERO INUTILI DELLA POLITICA.L'ITALIA E' PERCORSA DA UN SENSO DI DISGUSTO PER QUANTO STA ACCADENDO,PER QUELLO CHE VEDE E SENTE.APAPRE INVEROSIMILE CHE DOPO 18 MESI DI TORTURA FISCALE,IL CONTRIBUENTE ITALIANO DEBBA ASSISTERE IMPOTENTE ALLE VESSAZIONI DELLA POLITICA,AI PRIVILEGI DI UNA CASTA DI PRIVILEGIATI SENZA NE' ARTE NE' PARTE,CHE SI INGRASSANO ALLE NOSTRE SPALLE.

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO MARIO MONTI DOVREBBE DIMETTERSI ALL'ISTANTE E CON LUI L'INTERO ESECUTIVO.

«Richiedo e ricevo». Secondo Fiorito, molti consiglieri Pdl non avrebbero neppure presentato documentazione sulle spese e avrebbero ottenuto soldi senza giustificativi sull’impiego dei fondi. Le piccole e medie elargizioni, sommate fino a diventare a sei zeri negli anni, non erano supportate: bastava una sorta di autocertificazione. La formula era «richiedo e ricevo per attività svolte sul territorio» e i fondi arrivavano. Per Fiorito, sia Francesco Battistoni che Stefano Galetto, avrebbero utilizzato la formula magica. Galetto avrebbe ricevuto in una sola tranche 17 mila e 500 euro.

Le variazioni di bilancio. Una legge del ’73, stabilisce che tutti gli anni sia una delibera preventiva della presidenza del Consiglio a stanziare i fondi per il funzionamento dei gruppi. Soldi già individuati nel bilancio e destinati a questo fine dalla segreteria generale. Nel 2009, i fondi erano di 980 mila euro, nel 2010 la delibera impegnava oltre due milioni. Nel 2011, 13 milioni. Per il 2012, in piena spending review, 18 milioni. Ma senza delibera preventiva. Perché la legge del 2010 consente variazioni di bilancio approvate dalla presidenza. A fine anno il consiglio approva regolarmente i conti con gli stanziamenti modificati. E la legge prevede che nessuno controlli. Deprecabile ma penalmente irrilevante. Non è così invece per la magistratura contabile.

Le spese dei consiglieri. Sono le carte consegnate da Fiorito ai pm. L’ex capogruppo ha accusato anche Alfredo Pallone, suo predecessore nell’era Marrazzo e oggi europarlamentare: «Ha lasciato multe fino a dieci mila euro da saldare - ha detto Francone - conti aperti con i meccanici e ancora oggi, quando atterra a Roma, usa i dipendenti della presidenza della Regione come autisti». Poi è passato ai suoi colleghi in carica: il consigliere Antonio Cicchetti ha acquistato per 2.900 euro migliaia di copie dei «Manoscritti della Biblioteca apostolica vaticana» del giovane storico reatino Andrea Di Nicola. Per 1.500 copie de «La città sanitaria», dello stesso autore, avrebbe invece speso novemila euro. Un «giro» in Tv con intervista costava a Cicchetti circa 220 euro. Lo stesso consigliere avrebbe anche impiegato 1500 euro in materiale elettorale per la campagna di un candidato a sindaco del reatino.  Romolo Del Balzo che ha speso 900 euro per pagare collaboratori occasionali, oltre a migliaia di euro per buoni benzina e ristoranti. Poi ci sono i tredicimila euro impiegati da Annalisa D'Aguanno per i cesti pasquali.

I bonifici di Fiorito. A maggio si accredita 81 volte le indennità da capogruppo. Il 2 maggio partono gli accrediti sul conto Deustche bank, sul Montepaschi, Unicredit filiale Roma Eur, Unicredit Anagni, sul conto a Madrid, Popolare Lazio, conto di Barcellona. Il 14 maggio un nuovo accredito a Barcellona, il 23 a Madrid e Barcellona.

 


Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.