Venerdi' 14 Agosto 2020
HOTLINE: +39 335 291 766

CORSERA CONI MARIO MONTI BASTA FINANZIAMENTI ALL'ENTE DEI PARASSITI

Roma 17 Ottobre 2012 Corsera.it

Connection  CONI – Monti. Basta con i finanziamenti statali erogati al CONI  un ente pubblico parassitario. Dai provvedimenti governativi in materia di contenimento della spesa pubblica e per l’abbattimento degli sprechi delle riscorse dell’erario, non si può escludere l’ente monopolista.Ridurre i finanziamenti. Colpire il sistema parassitario che gestisce lo sport. Riformare l’ordinamento pubblico aprendo il settore delle attività socio-economiche sportive alla privatizzazione e alla liberalizzazione...

. Efficienza e concorrenza.

 

Nel 2012 il Tesoro ha trasferito al CONI oltre 400 milioni di euro. Una somma ingente che alimenta un sistema parassitario  inossidabile, che vive di rendita a fronte di un prodotto dal costo  eccessivo in rapporto allo sviluppo dello sport italiano. Il sistema parassitario ha come effetto prevalente il costituirsi di centri di potere inamovibili che sfruttano le risorse dello Stato. I percettori, oltre al CONI, sono le federazioni nazionali, gli enti di promozione,le discipline associate, le associazioni benemerite, l’esercito e i corpi armati dello Stato oltre varie categorie indefinite di questuanti. Una organizzazione che è fuori controllo. Per l’assenza della vigilanza della Corte dei Conti, più formale che sostanziale, del ministero dell’economia,della    Banca d’Italia che probabilmente non controlla i flussi di denaro in entrata e in uscita dei depositi bancari. Bilanci  di esercizio privi di riscontri,indecifrabili, non resi pubblici. La Guardia di Finanza non sembra operativa e l’Agenzia delle entrate è latitante. I criteri delle assunzioni, delle collaborazioni, sono oggetti misteriosi. La parentopoli riscontrata all’epoca della presidenza di Gattai  è un fenomeno permanente.

 

La privatizzazione e la concorrenza delle attività sportive possono raggiungere obiettivi economici rilevanti, aumentano l’efficienza e migliorano il bilancio statale. I soggetti sportivi liberati dal monopolio pubblico possono confrontarsi sull’efficienza dei servizio resi e sui costi di gestione.Il contenimento della spesa e degli sprechi non si basa sul concetto d’impresa prevalendo la rendita di natura pubblica che alimenta il sistema parassitario. La ripartizione delle erogazioni pubbliche ai vari soggetti operanti sotto il contro dell’ente avviene nella retrobottega degli affari dove chi ha più speso specifico acchiappa di più. Un sorta di mercato delle medaglie e dei primati che stabiliscono l’ammontare annuale del loro valore. Particolare rilievo in questo mercato hanno le società o gruppi sportivi che fanno parte dell’esercito e dei  corpi armati dello Stato. Una stortura per il profilo amministrativo dei ministeri interessati,difesa, interni,economia, politiche agricole. I finanziamenti non possono provenire  dal CONI che agisce da erogatore in seconda battuta, Devono essere iscritti a bilancio direttamente dai singoli ministeri. In questo modo si sottraggono le società o gruppi militari dal mercato delle vacche.

 

La questione di fondo per aprire alla privatizzazione e alla liberalizzazione delle attività sportive è il rapporto ombelicale con il CONI . Il riconoscimento del CONI è una paranoia ereditata dal fascismo e perpetuata sine die.Non si accetta  la liberalizzazione delle attività e la privatizzazione tra soggetti che possono agire sul mercato senza vincoli pubblici. Con ciò si consente di sostenere un apparto volto a deprimere lo sviluppo dello sport. Il CONI  rappresenta il CIO,quello è il suo compito. Le discipline sportive sono un altro affare che deve poter marciare con le sue gambe. Le regole che disciplinano gli sport sono valide per tutti . Lo Stato  ridimensioni il suo ruolo di erogatore a fondo perduto. Può al contrario puntare ad elaborare un programma di finanziamento finalizzato alla realizzazione di impianti sportivi di base per consentire una più ampia e capillare diffusione dello sport tra i giovani.

Renato Corsini.

 


Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.