Lunedi' 28 Novembre 2022
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • News Mondo
  • BEN BERNANKE SE AVREMO CORAGGIO LA RECESSIONE SARA' PRESTO ALLE NOSTRE SPALLE....

BEN BERNANKE SE AVREMO CORAGGIO LA RECESSIONE SARA' PRESTO ALLE NOSTRE SPALLE.

New York 24.2.2009(Corsera.it)

Ha avuto coraggio oggi Ben Bernanke Presidente della Fed durante un suo intervento a sciorinare finalmente qualche parola di fuggevole ottimismo.Secondo il Presidente della Fed infatti se le contromisure adottate dal Governo americano e le autorità monetarie statunitensi riusciranno nel loro intento di arginare gli effetti della crisi,la recessione sarà alle nostre spalle dopo il 2009.Parole che hanno infiammato i mercati azionari contribuendo a ristabilire la calma e qualche folata di entusiasmo tra gli investitori stremati dalle continue sessioni al ribasso.Wall Street ha toccato i minimi a 12 anni e colossi come AIG oggi valgono pochi centesimi.

 

Ben Bernanke parla di una lotta estrema alla crisi finanziaria,la Fed è impegnata ad adottare ogni contromisura possibile nell'ambito del programma TALF che prevede sostegno al credito e alle famiglie,provvedimenti seri e intensi che dovrebbero risollevare la fiducia tra i consumatori.

Il Pil americano è sceso deteriorandosi mese per mese  aprendo una vera e propria ferita nell'ultimo trimestre dell'anno.E' anche vero che i mercati borsistici hanno scontato tutto il peggio e il male che si poteva immaginare,andando al di là di ogni ragionevole analisi tecnica.Miliardi di dollari e euro sono stati bruciati nelle capitalizzazioni di centinaia di aziende leader nei loro settori.

Anche Giulio Tremonti il nostro Ministro dell'Economia sembra sulla stessa scia di Ben Bernanke quando dichiara che la stampa ha contribuito a questo stato d'animo post bellico."Immaginare che il mercato possa crollare due volte al giorno è come moltiplicare le ore della giornata e questo non può avvenire mai."

Il pianeta globalizzato ha dunque bisogno di ottimismo per contrastare l'inerzia negativa nella quale sembra essersi affossata e i primi segnali importanti sono necessari,perchè insieme alle misure  economiche qualcuno deve riaccendere i motori della fiducia.Il fatto che Ben Bernanke lo abbia fatto in un momento di massimo acuto dei crolli dei mercati azionari significa che qualcosa stà lentamente cambiando,qualcosa che possa farci immaginare che domani il sole sorga ancora,come del resto avviene in ogni parte del mondo.

Quella che stiamo vivendo è una grande sfida,che immaginarla sarebbe stato difficile fino a qualche mese fà,ma che insieme ai suoi timori e alle sue paure contribuisce a rendere lo spirito più sano e lo sguardo più attento.

 

 




Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.