Mercoledi' 28 Luglio 2021
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • Politica
  • CORSERA PRIMARIE PDL SILVIO BERLUSCONI TRA ROCKY BALBOA E JURASSIC PARK...

CORSERA PRIMARIE PDL SILVIO BERLUSCONI TRA ROCKY BALBOA E JURASSIC PARK

ROMA 9 NOVEMBRE 2012 CORSERA.IT

OGGI LIBERO.IT RIPRENDE CON UN ARTICOLO IN PRIMA PAGINA, UN'IDEA DEL CORSERA.IT: SILVIO BERLUSCONI ALLA RICERCA DEL DINOSAURO PERDUTO.

scrivi a redazione@corsera.it il tuo commento.Il PDL E' un parito di dinosauri estinti? Oppure potra' resuscitare?

SILVIO BERLUSCONI HA IN MENTE ROCKY BALBOA,LA RIVINCITA,QUEL SOGNO CHE SEMBRA IMPOSSIBILE,MA CHE POTREBBE ANCORA RIUSCIRGLI.LA CRISI DEL PAESE STA PEGGIORANDO CHE IL PARTITO DELL'ANTIPOLITICA IMPERA,CON BEPPE GRILLO IL MANDRILLO.SILVIO BERLUSCONI HA LA CERTEZZA CHE GLI EFFETTI DELLA CRISI E DELLE MANOVRE DEL GOVERNO MONTI,NON SONO TRADUCIBILI AL POPOLO ITALIANO E ALMENO NE SONO INCOMPATIBILI.C'E' ANCORA SPAZIO PER...

BUTTARCISI DENTRO,DILATARE QUELL'ANGOSCIA,L'INCUBO DI UN FUTUTRO PEGGIORE DI QUELLO DI OGGI.SILVIO BERLSUSCONI DEVE FARE IN FRETTA,PROVARCI FINO ALL'ULTIMO O SCOMPARIRA' INGHIOTTITO NELL'ISOLA DI JURASSIC PARK,IL PARTITO DEL PDL.

PRIMARIE PDL,ANGELINO ALFANO DANIELA SANTANCHE',SON TUTTI GIA' MORTI E NON LO SANNO.SILVIO BERLUSCONI STA PER STACCARE LA SPINA,IL PDL E' UNA CLOACA A CIELO APERTO,UNA FOGNA,INZUPPATA DA FAIDE INTERNE,RAPPRESENTANTI CORROTTI,INSOMMA UNO SCHIFO.GLI ITALIANI NE HANNO IL DISGUSTO.MA THE RODITOR E GOMMONI DI LABBRA DANIELA SANTANCHE',NON MOLLANO L APRESA,CREDONO DI AVERE ...ANCORA ACCOLITI PRESSO IL POPOLO ITALIANO.SIVIO BERLUSCONI VIAGGIA VERSO MALINDI L'ISOLA FELICE,DA CUI NASCE IL SOGNO DELLA SUA WEATERLOO,L'ULTIMA SFIDA PRIMA DI USCIRE DI SCENA PER SEMPRE.APPARE IN TELEVISIONE CON GLI OCCHI GONFI COME UN PUGILE SUONATO,UN BOZZO SOTTO LA PALPEBRA DELL'OCCHIO SINISTRO,UN PRESAGIO DI JATTURA UNIVERSALE OPPURE E' PROPRIO LUI ROCKY BALBOA IL REDIVIVO?

 

AGI) - Roma, 9 nov. - Se Angelino Alfano avesse potuto prevedere con anticipo il duro affondo di Silvio Berlusconi, probabilmente avrebbe evitato di insistere cosi' tanto affinche' il Cavaliere partecipasse oggi alla riunione dell'ufficio di presidenza. Del resto, ne' il segretario ne' lo stato maggiore del partito si aspettavano un'entrata a gamba tesa cosi' netta da parte dell'ex premier, nonostante in realta' oggi Berlusconi abbia spiegato alla folta platea del 'Parlamentino' quello che va dicendo da mesi nei suoi colloqui privati.

Ma l'effetto delle sue parole e' dirompente e il segretario prova a parare il colpo, mostrando anche i muscoli: o si fanno le primarie o saremo derisi da tutti e io non ci sto. E ancora: o ti candidi tu, ha affermato rivolgendosi a Berlusconi, oppure basta con l'inseguire gelatai o ex presidenti di Confindustria che non portano voti. Chiarendo infine di non voler essere designato al nulla.

Il gotha del Pdl fa quadrato, si schiera - tranne alcune eccezioni, tra cui la 'pasionaria' Daniela Santanche', Sandro Bondi e Giancarlo Galan - con il segretario, unica scialuppa di salvataggio di fronte allo tsunami annunciato dal Cavaliere. E cosi', alla fine Berlusconi fa dietrofront, derubrica le sue parole a "semplice sfogo" e 'concede' le primarie all'ex Guardasigilli, ma ribadendo tutti i suoi dubbi: non sono salvifiche. Quello che serve e' ben altro. Ovvero, scandisce l'ex premier, un nuovo Silvio Berlusconi del '94. Parla della necessita' di uno choc (poi in conferenza stampa avverte: "aspettatevi sorprese, tirero' fuori dal cilindro non un coniglio ma un dinosauro").

Per i maggiorenti pidiellini, la "concessione" del Cavaliere sulle primarie e' solo un modo per prendere tempo, per non andare allo strappo finale prima che il suo progetto sia ben delineato. Ma in molti nel partito sono convinti che ormai il dado e' tratto, Berlusconi pensa ad altro e mollera' il Pdl al suo destino. Per questo, soprattutto gli ex An, gia' in forte fibrillazione (oggi a palazzo Grazioli c'e' stato un accesso botta e risposta tra La Russa e Galan), preparano le contromosse e fanno pressing sui piani alti di via dell'Umilta' affinche' si vada oltre Berlusconi. Ragionamento condiviso, viene riferito, anche da diversi ex Fi e dai cosiddetti 'quarantenni': dobbiamo organizzarci e dare un colpo di spugna al passato. Appunto, il berlusconismo come il 'vecchio' da abbandonare per sopravvivere. Del resto, spiegano alcuni big pidiellini, il primo a voler andare oltre e' proprio Berlusconi, la nostra e' solo una difesa.

Nei ragionamenti a caldo, dopo il tumultuoso ufficio di presidenza, i maggiorenti del partito osservano che ormai il Cavaliere non e' piu' affidabile: cambia idea e strategia continuamente, e poco gli importa - e' lo sfogo riferito - di stroncare definitivamente il partito. A poco, del resto, servono le smentite dell'ex premier, che in conferenza stampa garantisce di non aver mai osteggiato le primarie, giura di non avere nulla a che fare con Giampiero Samori' e di non pensare assolutamente a una sua lista. Berlusconi, poi, smentisce nuovamente attriti con Alfano: "Gli voglio bene come a un figlio". Ma le parole pronunciate in riunione prima del dietrofront bruciano al segretario, sono pietre. E basta il volto scuro di Alfano, seduto accanto a Berlusconi davanti ai giornalisti, per confermarlo.

Del resto, lo stesso ex Guardasigilli e' consapevole che ormai la strada e' segnata: alcuni big sono ormai pronti a scommettere che il Cavaliere non crede piu' nel Pdl, vuole 'rottamarlo' e farne un partito 'residuale', utile solo come 'contenitore' dove 'parcheggiare' i pidiellini: gli ex An, cosi' come i 'traditori', gli scontenti. Lo ha detto lui stesso che le faide interne hanno schifato i nostri elettori. Serve altro, continua a ripetere. E oggi, per la prima volta, lo dice anche davanti a molti testimoni, non piu' nel chiuso di quattro mura. Berlusconi sta gia' veleggiando verso altri lidi, scuote la testa un maggiorente di via dell'Umilta' lasciando palazzo Grazioli, commentando il lapsus dell'ex premier, che al posto di Pdl dice "Forza Italia".

E che il Cavaliere non abbia nessuna intenzione di farsi da parte e lasciare il timone ad Alfano e' chiaro ascoltando le sue parole, al termine della conferenza stampa: "metto a disposizione la mia esperienza per il paese" e annuncia che tornera' a "parlare in Tv"


Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.