Venerdi' 30 Luglio 2021
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • Politica
  • CORSERA REGIONE LOMBARDIA TEMPESTE DI GHIACCIO 37 INDAGATI RENZO BOSSI E ROSI MAURO...

CORSERA REGIONE LOMBARDIA TEMPESTE DI GHIACCIO 37 INDAGATI RENZO BOSSI E ROSI MAURO

MILANO 20 DICEMBRE 2012 CORSERA.IT

REGIONE LOMBARDIA GRANDINE DI GHIACCIO ALTRI 37 INADAGATI DALA PROCURA DI MILANO SONO QUASI TUTTI CONSIGLIERI DEL PDL E DELLA LEGA NORD.SI APRE UN ALTRO SQUARCIO NELLA PANCIA DELLA POLITICA ITALIANA.UNA GRANDINATA DI INDAGATI CHE METTE A REPENTAGLIO LA STESSA SORAVVIVENZA DELLA COALIZIONE DI CENTRO DESTRA,CHE SILVIO BERLUSCONI INTENDEREBBE RIESUMARE DAL CIMITERO.UN BARATRO DOVE ORMAI CADONO TUTTI.

ltri 37 consiglieri della Lombardia della maggioranza sono indagati nell'inchiesta milanese sulle presunte spese 'pazze' coi soldi pubblici. Tra questi, spiccano i nomi di Renzo Bossi e di Rosi Mauro.

Dopo i 22 inviti a comparire dei giorni scorsi e dopo altri tre indagati dello scorso ottobre, il numero dei consiglieri indagati raggiunge la sessantina di unità.

Per i 37 indagati (22 esponenti del Pdl e 15 della Lega) stanno partendo gli inviti a comparire con l'accusa di peculato e tra i destinatari degli inviti c'é anche Renzo Bossi (il suo nome da indagato era già emerso nell'inchiesta).

I 37 politici - tra cui consiglieri attuali (anche se dimissionari perché il Consiglio regionale si è sciolto) ed ex consiglieri - sono indagati per presunti rimborsi illeciti con soldi pubblici di spese 'sospette'. Soldi che avrebbero ottenuto, a vario titolo, tra il 2008 e il 2012. Venerdì scorso erano partiti i primi 22 inviti a comparire (11 per consiglieri del Pdl e 11 per quelli della Lega).

 

Lo scorso ottobre, con le acquisizioni dei documenti dei gruppi consiliari del Pdl e del Carroccio da parte dei finanzieri del Nucleo di polizia tributaria, coordinati dal procuratore aggiunto di Milano Alfredo Robledo e dai pm Paolo Filippini e Antonio D'Alessio, erano risultati indagati Davide Boni, ex presidente del Consiglio regionale, e gli ex assessori Massimo Buscemi e Franco Nicoli Cristiani.

Al momento, dunque, gli indagati per la vicenda dei presunti rimborsi illeciti sono in tutto 62. Gli investigatori poi stanno analizzando anche le spese dei gruppi dell'opposizione dopo l'acquisizione di documenti al Pirellone effettuata venerdì scorso.

ltri 37 consiglieri della Lombardia della maggioranza sono indagati nell'inchiesta milanese sulle presunte spese 'pazze' coi soldi pubblici. Tra questi, spiccano i nomi di Renzo Bossi e di Rosi Mauro.

Dopo i 22 inviti a comparire dei giorni scorsi e dopo altri tre indagati dello scorso ottobre, il numero dei consiglieri indagati raggiunge la sessantina di unità.

Per i 37 indagati (22 esponenti del Pdl e 15 della Lega) stanno partendo gli inviti a comparire con l'accusa di peculato e tra i destinatari degli inviti c'é anche Renzo Bossi (il suo nome da indagato era già emerso nell'inchiesta).

I 37 politici - tra cui consiglieri attuali (anche se dimissionari perché il Consiglio regionale si è sciolto) ed ex consiglieri - sono indagati per presunti rimborsi illeciti con soldi pubblici di spese 'sospette'. Soldi che avrebbero ottenuto, a vario titolo, tra il 2008 e il 2012. Venerdì scorso erano partiti i primi 22 inviti a comparire (11 per consiglieri del Pdl e 11 per quelli della Lega).

Lo scorso ottobre, con le acquisizioni dei documenti dei gruppi consiliari del Pdl e del Carroccio da parte dei finanzieri del Nucleo di polizia tributaria, coordinati dal procuratore aggiunto di Milano Alfredo Robledo e dai pm Paolo Filippini e Antonio D'Alessio, erano risultati indagati Davide Boni, ex presidente del Consiglio regionale, e gli ex assessori Massimo Buscemi e Franco Nicoli Cristiani.

Al momento, dunque, gli indagati per la vicenda dei presunti rimborsi illeciti sono in tutto 62. Gli investigatori poi stanno analizzando anche le spese dei gruppi dell'opposizione dopo l'acquisizione di documenti al Pirellone effettuata venerdì scorso. (da Milano Today)

 

 

Ci sono altri 37 indagati per peculato nella inchiesta condotta dalla Procura di Milano sui rimborsi ai consiglieri regionali lombardi. Sono tutti consiglieri o ex consiglieri della Lega e del Pdl in Regione Lombardia. Dopo i 22 inviti a comparire dei giorni scorsi e dopo altri tre indagati dello scorso ottobre (Franco Nicoli Cristiani, Massimo Buscemi e Davide Boni), il numero dei consiglieri sotto inchiesta raggiunge così quota 62.

Nicole Minetti, rimborsi illegali per 'Mignottocrazia'

Ventidue consiglieri sono del Pdl e 15 della Lega: tra questi c'è anche Renzo Bossi, figlio di Umberto, e Rosi Mauro, attuale vicepresidente del Senato, che fu eletta al Pirellone nel 2005 e vi rimase fino al 2008, quando si trasferì a Palazzo Madama. Per i 37 nuovi indagati nelle prossime ore potrebbero arrivare altrettanti inviti a comparire per interrogatori che dovrebbero svolgersi a gennaio, dopo le vacanze natalizie. Nel mirino i presunti rimborsi illeciti con soldi pubblici a fronte di spese ritenute sospette: soldi che avrebbero ottenuto, a vario titolo, tra il 2008 e il 2012. Gli investigatori stanno analizzando anche le spese dei gruppi dell'opposizione.


Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.