Domenica 05 Luglio 2020
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • Cronaca
  • CORSERA OMICIDIO CARMELA MELANIA REA UCCISA MENTRE FACEVA LA PIPI' DA SALVATORE PAROLISI...

CORSERA OMICIDIO CARMELA MELANIA REA UCCISA MENTRE FACEVA LA PIPI' DA SALVATORE PAROLISI

TERAMO 3 GENNAIO 2013 CORSERA.IT

CARMELA MELANIA REA OMICIDIO.IL GUP MARINA TOMMOLINO CON SESSANTA PAGINE HA MOTIVATO LA SENTENZA SULLA CONDANNA DEL CAPORALMAGGIRE SALVATORE PAROLISI,DESCRIVENDOLO COME UN FRUSTRATO,ALTRO CHE LATIN LOVER.SECONDO IL GUP CARMELA MELANIA REA SAREBBE STATA UCCISA MENTRE FACEVA LA PIPI',APPARTATA DIETRO IL CHIOSCO DELLA PINETA.SALVATORE PAROLISI ECCITATO HA CERCATO DI AVERE UN RAPPORTO SESSUALE CON LA MOGLIE CHE SI E' RIFIUTATA.

Sessanta pagine di motivazioni alla condanna del caporalmaggiore. Il gup Marina Tommolini fornisce una nuova chiave di lettura al rapporto tra i due descrivendo la vittima, Melania, come una figura dominante. E la negazione di un rapportosessuale con delle parole umilianti per il marito avrebbero scatenato la reazione.Parolisi non sarebbe un “Don Giovanni” ma un frustrato. Un “rapporto impari” lo definisce il Gup quello tra Melania e Salvatore, con la donna diventata “figura dominante” della coppia. Fu Melania a chiedere al marito di lasciare “Colle S. Marco e di andare al chiosco della pineta, curiosa di conoscere i luoghi ove si addestrava il marito ed in cui era già stata, dovendo però desistere per la neve”, scrive ancora il giudice. E qui, Melania, dovendo fare pipì si è spostata dietro al chiosco “ove il marito, vedendola seminuda, verosimilmente si è eccitato, avvicinandola e baciandola per avere un rapporto sessuale”. Melania, però, avrebbe rifiutato il rapporto rimproverando Parolisi utilizzando parole dure, umilianti. A questo, punto, scrive la Tommolini, “Parolisi ha reagito all’ennesima umiliazione, sferrando i primi colpi”. L’aggravante che ha spinto il giudice a condannare Parolisi all’ergastolo è stata la mancanza di pentimento.

Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.