Giovedi' 13 Agosto 2020
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • ROMA CRONACA
  • CORSERA ELEZIONI REGIONALI LAZIO VOTA MATTEO CORSINI MIR NON TOCCATE PORTA PORTESE PER NOI E' COME IL COLOSSEO...

CORSERA ELEZIONI REGIONALI LAZIO VOTA MATTEO CORSINI MIR NON TOCCATE PORTA PORTESE PER NOI E' COME IL COLOSSEO

Roma 13 Gennaio 2013 Corsera.it

ROMA RISORGE SIAMO A PORTA PORTESE TRA VENDITORI AMBULANTI E CITTADINI IN CERCA DI AFFARI.SILVIO BERLUSCONI DIVENTA ANCORA UNA VOLTA IL LEADER DEL CENTRO DESTRA,LO DEVE A MICHELE SANTORO E MARCO TRAVAGLIO.SERVIZIO PUBBLICO GLI HA RIMESSO IN MANO LA SPADA DELLA DISPUTA ELETTORALE.

DIARIO DI UNA GIORNATA DI CAMPAGNA ELETTORALE.PORTA PORTESE IL GRANDE MERCATO NON SI TOCCA PER MOLTI ROMANI E' COME IL COLOSSEO.VIAGGIO NEL MONDO DEI VENDITORI AMBULANTI.LE LORO ISTANZE.

ELEZIONI REGIONALI LAZIO 2013 VOTA MATTEO CORSINI MIR MODERATI ITALIANI IN RIVOLUZIONE VINCEREMO SUL TERRITORIO DA PORTA PORTESE A VIALE TRASTEVERE A PIAZZA SAN COSMATO VIA DELLA LUCE.L'INVINCIBILE ESERCITO DI ROMA RISORGE CONTINUA LA SUA CAMPAGNA ELETTORALE QUARTIERE DOPO QUARTIERE PIAZZA DOPO PIAZZA STRADA PER STRADA.

Berlusconi è ufficialmente il capo della coalizione del Centrodestra. Silvio Berlusconi, Roberto Maroni, Angelino Alfano, Francesco Storace (La Destra), Giuseppe Fallica (Grande Sud), Saverio Romano (Pid), Rino Piscitello (Mpa), Giampiero Catone (Intesa popolare), Gianpiero Samorì (Mir), Arturo Artom (Rinascimento Italiano), Carlo Fatuzzo (Pensionati) sono fra coloro che hanno sottoscritto il documento che indica Silvio Berlusconi capo della coalizione. Il centrodestre presenta altri 4 partiti al Senato Le novità non finiscono qui. La coalizione di centrodestra al Senato si presenta con altri 4 partiti Il Sole 24 Ore -

Alle volte la stanchezza ti afferra,dopo ore e ore di marcia elettorale nei quartieri di Roma e nella Regione Lazio.Qualche volta le interminabili ore di marcia piegano le gambe come fuscelli,la mente si annebbia,ti ritrovi al centro di un universo fatto di volti,suoni,vci,istanze,gente che ti continua a parlare e ti spiega i suoi problemi,emergenza case,sanita' ospedali,emergenza rifiuti,recessione economica,desolazione.

Si comincia presto questa mattina con la fotocopiatrice che va avanti e indietro per stampare gli articoli,volantini.E' la cronaca della giornata elettorale del giorno prima,di quello che hai fatto fino a notte inltrata,per la strada,fra la gente.Il lavoro di Roma Risorge e' incessante,comincia su Viale Trastevere parcheggiatore abusivo che abita a Corviale,nel grande serpentone sulla Via Portuense,ci alberagano migliaia di famiglie che tengono stretto ta le mani quel tetto sulla testa."Guai a chi ce lotocca,ci sta bene cosi'.Da fuori fa schifo ma e' sempre una casa." Cosi' mi dice Roberto un parcheggiatore abusivo di Viale Trastevere,e' arrivato al serpentone con la Mamma alcuni anni fa."Pareva facesse schifo davvero,ma alla fine mi ci sono abituato e si sta meglio che al Laurentino 38 o a Tor Bella Monaca."Roberto non halavoro,svolta la giornata con Porta Portese,poi impari a capire che Porta Portese e' per molti romani,sopratutto per quelli che ci lavorano come il Colosseo.Le storie di Roma le conosci se le vivi e se parli con le persone,rendendo meno impersonale la campagna elettorale ma anche i lavoro di giornalista.Siamo nel territorio,ascoltiamo i racconti delle persone in fondo e' il nostro unico mestiere.Sentire e capire gli altri.

Porta Portese si vende di tutto anche per 1 euro,casalinghi,rotoli di carta,utensili,scarpe,vestiti,anfibi militari,giacche militari.Trovi cannocchiali,libri antichi,bancarelle invase da migliaia di persone,per lo piu' senti parlare tutte le lingue del mondo e' il variegato universo di Roma,metropoli moderna finita nella centrifuga della crisi economica del 2013,un anno che si attende ancora difficilissimo.

C'e' molta gente indaffarata per cercare l'abito,il maglione,le scarpe.Sono sguardi veloci,rapiti dalle occasioni della giornata e non importa se comincia a piovere,Porta Portese e' un univrso a se stante,dove le cose girano con una velocita' impressionante,come queste migliaia di persone volessero fermare la ruota che gira al contrario,riportarla nella direzione giusta.Incontro molta gente,stringo le mani a decine di persone,molti sono disgustati dalla politica,cittadini che si sentono abbandonati come Elena che incontro a passeggio con il padre e' di Piazza della Radio,mi parla subito dei rifiuti,i cassonettidi Vi Blaserna i posti auto che mancano,le vicissitudini negli ospedali.Il padre finito al San Camillo,sordo muto legato al letto.La sua storia e' intermittente,e' come una ferita ancora aperta che non si rimargina.Questa e' la storia degli italiani abbandonati a se stessi,quando nessuno se ne occupa.La politica deve rispondere a queste istanze,reagiare,ribattere colpo su colpo.E' difficile.Non sai da doe cominciare a prendere quelal matassa che trasuda storie assurde,infami,allucinanti.Eppure in questa Roma che mischia le carte alla velocita' del suono c'e' spazio anche per queso,per i sentimenti,le parole di abbandono.La speranza e' la giostra che si insegue da queste parti,insieme alla gente che ci incrocia anonima,senza conoscere la storia dell'uno e dell'altro.Mi noi le afferriamo,almeno qualcuna,le ascoltiamo,cerchiamo di capire,di andare a fondo.

Poi a Porta Portese inconti Diomira,ch vende macchine per fare le fritelle,le offre da gustare al banco,mentre con microfono da centralinista infilato nell'orecchio,spiega ai passanti potenziali clienti,come si usa il macchinario per fare le frittelle.E' la storia diuna venditrice ambulante di Roma,mi parla del sito di Facebook Goya Il mercato non si Tocca.Qualcuno vuole togliere le licenze ai venditori ambulanti,anzi metterle all'asta.E' un problema,ce ne occuperemo.

Quando la stanchezza ci prende ci fermiamo con una figura storia del mercato di Porta Portese Stefano il facchino,che mi racconta del mercato anche di Via Sannio,di Mario Monti il marziano,venuto chissa' da dove a spremere i cittadini con le imposte e le tasse.Mi offre da mangiare all'Isola del Panino,salsicce alal piastra condite con verdure alla griglia,una squisitezza che non si mangia neanche nei ristoranti di lusso del quartiere Parioli.C'e' vento forte,ancora scrosci di pioggia.Stefano parla e mangia,beve un peroncino e' vivo,combattivo,difende il suo posto di lavoro.Per i comemrcianti di Porta Portese e' crisi,ci sono molti banche di extracomunitari che non si sa da dove arrivano.La Polizia Municipale e' attiva,effettuano minuziosi controlli sulla regolarita' delle licenze dei banchi.Qui le cose funzionano,almeno mi pare.

"Porta Portese non si tocca,per noi e' come il Colosseo,un monumeto,la nostra bandiera." Stefano i facchino di Porta Portese e' arrivato questa notte,per alzare il banco,prediposrlo per la vendita della merce."Fatemi lavorare e' l'unica cosa che vi chiedo."

Parlo con Andrea : "Qui i poltici non si vedono,voi siete i primi.Qui non viene nessuno a capire cosa si deve fare.Ma noi dobbiamo resistere da soli,combattere giorno per giorno,affrontare la crisi.Poi comincera' la rivoluzione,prima o poi qualcuno riprendera' a farsi sentire."

Il sentimento di rabbia nei confronti della politica e' comune,i politici sono odiati.Non e' facile riprendere la campagna elettorale.Lascio sfogare la gente,mi parlano come fossi uno psicoanalista.Si sparge la voce,"C'e' un giornalista venite a parlare anche voi." Dopo pochi minuti ci sono trenta persone intorno a noi che attendono il loro turno per parlare con il giornalista del Corsera.it.Tutti vogliono dire la loro,mi stringono le mani,si informano sul  da farsi,sulla Merkel,la BCE.La gente sa molte piu' cose di quanto noi pensiamo.Il viaggio e' profondo dentro l'animo umano,nel cuore della gente,perche' questa recessione economica ha colpito tutti ha ferito tutti.

Con il gruppo di miitanti di Roma Risorge siamo partiti alle 08.00 questa mattina,sono le quattro del pomeriggio e non ce ne siamo resi conto.Il tempo passa in fretta parlando dei problemi della gente.Andiamo verso Trastevere,il cuore pulsante della vecchia Roma.Ma questa e' un'altra puntata che vi raccontiamo tra poco.

MATTEO CORSINI MIR MODERATI ITALIANI IN RIVOLUZIONE TELEFONO DEL COMITATO ELETTORALE 068086058 OPPURE SCRIVI A REDAZIONE@CORSERA.IT

 

 

 

 


Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.