Martedi' 30 Novembre 2021
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • Politica
  • ELEZIONI POLITICHE BEPPE GRILLO PERICOLO TERRORISMO NELLE BORGATE ROMANE SI RISCHIA LA RIVOLTA ARMATA...

ELEZIONI POLITICHE BEPPE GRILLO PERICOLO TERRORISMO NELLE BORGATE ROMANE SI RISCHIA LA RIVOLTA ARMATA

Roma 11 Febbraio 2013 Corsera.it di Antonio Pulito

Mi domando, fin dove una secessione politica puo' spingersi senza alterare i lineamenti della democrazia.Mi chiedo se alla fine la spinta propulsiva del Movimento Cinque Stelle,la violenza verbale del suo leader,non possano in qualche maniera condurre il paese al patatrac.In fondo,molti di quelli che seguono Grillo,lo fanno per partito preso,si assalta la Bastiglia,poi si vedra'.

A Beppe Grillo potrebbe scappare il giocattolo di mano.La sua tempesta politica,le urla,gli spropositi, galvanizzano le folle,ma come spesso accade,dall'euforia qualcuno poi potrebbe decidere di passare ai fatti.Qualcuno potrebbe decidere di cominciare a sparare,per spingere il moto rivoluzionario oltre,oppure condizionarlo per deviarne il corso della storia.Terrorismo per far esplodere il panico,la paura di un sistema che flette,si piega,tracolla.Urla e pistole.Beppe Grillo pare non percepire il confine della sua azione,crede forse nello schianto,ma non si avvede del pericolo insito nelle sue azioni.Quando un sistema si rompe,perde l'equilibrio,gli effetti sono inevitabili.Le due forze contrapposte potrebbero attirarsi per colpire verso lo stesso obiettivo,annientare la lucidita' della gente.

Nel corso di alcuni miei viaggi interviste nelle borgate romane,mi sono visto piu' volte rispondere cosi':"Altro che rivoluzione dei forconi,dobbiamo scendere con i mitra.Dobbiamo sparargli alle gambe.Basta con Grillo,l'ho gia' votato,adesso servono i kalashnikov."

Possono sembrare battute,al contrario descrivono i sentimenti della gente comune.Sono moti di rabbia,rancore,voglia di farla finita.Dobbiamo porci l'interrogativo se dalle parole qualcuno decidera' di...

passare ai fatti.Se nel clima di recessione economica nuove sigle del terrorismo politico cominceranno a prendere piede,ad innestarsi in quelle che appare a tutti gli effetti la grande rivoluzione sociale del nostro paese.Cosa succedera' all'indomani della vittoria dei movimenti rivoluzionari in Italia? Si tornera' all'ordine,oppure sara' l'occasione per dare l'assalto alla diligenza? Ho paura che nel giubilo della vittoria elettorale,partiranno i primi sussulti della sommossa dei cittadini,di quelli incazzati.Ho paura che dietro le fila del Movimento Cinque Stelle qualcuno stia tramando per far partire la scintilla del caos.

Le mie sono semplicemente congetture,ipotesi,ma realisticamente immagino che una rivoluzione non finisce con la presa della Bastiglia,ma comincera' appena dopo,perche' le porte successive conducono al potere,alle leve di comando.

Antonio Pulito

Corsera


Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.