Mercoledi' 28 Luglio 2021
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • Politica
  • CORSERA ELEZIONI MONTI BERSANI LA FAMIGLIA E IL CONTADINO IL BLOCK NOTES DI RENATO CORSINI...

CORSERA ELEZIONI MONTI BERSANI LA FAMIGLIA E IL CONTADINO IL BLOCK NOTES DI RENATO CORSINI

Roma 16 Febbraio 2013 Corsera.it di Renato Corsini

Elezioni. Monti gioca al ruolo del buon padre di famiglia. Bersani il contadino saggio lavora il campo per la semina. L’innominato di Arcore ridicolizzato da Crozza teme per le sue aziende in rosso. Grillo focoso, esuberante, arrembante, populista. Il suo è un movimento più politico che sociale. L’obiettivo di rompere l’emarginazione della povertà per una vita dignitosa appare più attenuato rispetto alla necessità di distruggere l’apparto dei partiti tradizionali. Teoria iconoclasta . I partiti rappresentati in sacre icone. Riempie le piazze con un linguaggio istrionico efficace condito d’insulti e volgarità. Il lato oscuro del suo movimento è il vuoto operativo sul piano delle realizzazioni programmatiche ...

urlate. La redistribuzione  della ricchezza prodotta. Non si inventa la politica economica.Sicuramente non ne ha nemmeno una pallida idea. L’impulso iconoclastico va aldilà  delle icone, colpisce il sistema nel suo insieme. In particolare la moneta unica e l’Unione Europea. Elementi simmetrici alla politica economica della Lega di Maroni che si spinge in avanti proponendo la macroregione del Nord e la istituzione di una Zecca lombardo-veneta-piemontese. Tra i due le differenze sono marcate. Maroni un’icona da distruggere, Grillo un iconoclasta.Grillo ha la possibilità realistica di piazzare il suo movimento al secondo posto dopo il PD. Maroni in Lombardia ha già perso.

L’innominato di Arcore è un populista ante litteram fallito. Si ripresenta sviluppando un vecchio copione di annunci pirotecnici  in un contesto politico diverso dai bei tempi della cuccagna. E’ decisamente demodè, patetico, superficiale e volgarmente maschilista nel linguaggio goliardico condito spesso di barzellette talune oscene. Ricorda i guitti degli avanspettacoli del dopo guerra. Ha perso per strada la credibilità del politico in casa nostra e a livello internazionale. Non è uno statista. L’innominato è colui di cui è preferibile non nominare il nome nelle Cancellerie europee. Il prof. Monti gioca al ruolo del buon padre di famiglia. Un’immagine reclamizzata da scenette familiari a dire il vero un tantino ridicole di scarsa efficacia in un momento di carestia di lavoro con redditi a picco. Un padre rigoroso,austero. Ha salvato la casa Italia dal pignoramento. Ai figli ha dato da mangiare pasta e ceci e pane raffermo. Li ha affamati per non  perdere la casa. I figli lo rimproverano. Poteva evitare di mal nutrirli e nello stesso evitare la bancarotta. Cerca di spezzare l’abbraccio del contadino saggio. Non gli piace arare e seminare i campi con lui alla guida del trattore. Orgoglio e pregiudizio nei confronti di Vendola un buon amministratore della cosa pubblica nella regione  Puglia. Il borghese ex professo con cognizione di causa, con competenza affronta i problemi economici, perde di vista gli effetti collaterali.

Vendola e Bersani si preoccupano degli effetti collaterali. C’è molto da fare per ridare lavoro rilanciando la produzione e i consumi. La politica economica del PD è incentrata nell’ambito della UE. Bersani a Torino ha ottenuto l’adesione (endorsement )  della socialdemocrazia europea. Hollande, Schroeder, Di Rupo, Swoboda, Schultz hanno voluto manifestare il loro sostegno personale a Bersani. L’Italia deve rimanere nella UE. E’ irrinunciabile il suo contributo per una politica progressista europea. Reintroduzione della tassazione ottimale, struttura tributaria che integra elementi di efficienza economica con elementi di giustizia distributiva. Per evitare la perdita di benessere sociale l’imposta deve essere progressiva.” Tutti sono tenuti a concorrere alla spesa pubblica in ragione della loro capacità contributiva. Il sistema tributario è informato ai criteri di progressività” (art. 53 Cost. ). La poltica economica del contadino saggio tende a perseguire la via del risanamento con una campagna elettorale seria e responsabile. Miglioramento dell’efficienza produttiva. Redistribuzione del reddito allo scopo di accrescere le condizioni di benessere dei meno abbienti con particolare riguardo alle fasce più deboli. Politica industriale per agire con effetti di lungo periodo sulle condizioni in cui opera il sistema delle nostre aziende favorendo le innovazioni e la ricerca. La scuola da riportare a livelli di formazione ottimali. Il libertinaggio fiscale favorisce  l’evasione i ceti più abbienti impoverendo il ceto medio e le fasce di povertà. Il vecchio adagio dei ricchi sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri. Il rimorso dell’Imu sulla prima casa? A conti fatti la restituzione consegnerebbe 1,7 miliardi al 20% dei contribuenti proprietari di appartamenti di lusso e mega ville e soltanto 203 milioni ai proprietari di abitazioni di più modesto valore catastale.

Renato Corsini

 


Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.