Venerdi' 25 Settembre 2020
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • Politica
  • CORSERA EUR PARCO DEI PINI MOVIMENTO 5 STELLE MOZIONE DI APPOGGIO A GOVERNO PIERLUIGI BERSANI...

CORSERA EUR PARCO DEI PINI MOVIMENTO 5 STELLE MOZIONE DI APPOGGIO A GOVERNO PIERLUIGI BERSANI

Roma 10 Marzo 2013 Corsera.it

Sebbene di minoranza, e' apparsa oggi in forma scritta una mozione di appoggio ad un eventuale prossimo governo di Pierluigi Bersani.Iniziano gli strappi all'interno del Movimento 5 Stelle.Lo stesso Roberto Casaleggio oggi ha dichiarato ai giornali che qualsiasi appoggio al PD,costituirebbe motivo per convincerlo ad abbandonare il M5S.

Alla riunione è spuntata una proposta di minoranza per dare l'appoggio a un governo guidato da Pier Luigi Bersani. Ad avanzarla è stato un gruppo minoritario di parlamentari 5S che propone di sottoporre la questione a un referendum on line. Questa mattina, arrivando alla riunione ancora in corso all'Eur, era stato Ivan Catalano, eletto alla Camera in Lombardia, ad ammettere che sulla questione il movimento "e' in fermento da giorni". "Un governo va fatto se no non va avanti il Paese" ha sottolineato Catalano. Riunione dei parlamentari ' del Movimento 5 Stelle oggi a Roma all'Eur, al Parco dei pini. Sul tavolo alcuni temi centrali per i prossimi giorni, tra questi la composizione delle commissioni parlamentari e l'elezione dei presidenti di Camera e Senato. In tutto sono un centinaio i parlamentari giunti da tutta Italia per l'incontro.

Alla riunione è spuntata una proposta di minoranza per dare l'appoggio a un governo guidato da Pier Luigi Bersani. Ad avanzarla è stato un gruppo minoritario di parlamentari 5S che propone di sottoporre la questione a un referendum on line. Questa mattina, arrivando alla riunione ancora in corso all'Eur, era stato Ivan Catalano, eletto alla Camera in Lombardia, ad ammettere che sulla questione il movimento "e' in fermento da giorni". "Un governo va fatto se no non va avanti il Paese" ha sottolineato Catalano.

I neoeletti hanno deciso di riunirsi nuovamente mercoledi' alla Camera e al Senato per decidere su come e chi votare per le presidenze delle due assemblee. Quella di oggi, assicurano gli esponenti del M5S, e' semplicemente una riunione tecnica-organizzativa per decidere ruoli e compiti eventuali all'interno delle commissioni parlamentari. Sul tavolo, garantiscono inoltre, al momento non ci sarebbe alcuna ipotesi di una alleanza con il Pd.

Alle 19.30 i capigruppo in pectore del M5S di Camera e Senato, Roberta Lombardi e Vito Crimi, terranno una conferenza stampa. Crimi intanto ha annunciato di essere stato contattato "da un esponente di rilievo del Pd per anticiparmi che lunedi' terranno una riunione congiunta dei gruppi da cui proporranno i loro nomi per le presidenze e nei giorni successivi incontreranno i gruppi per comunicarlo e confrontarsi". Più tardi, Crimi replica a quanti già parlano di inciucio. "E' un normalissimo e corretto passaggio istituzionale, che ci aspettavamo, e non e' un tentativo di inciucio, neanche un invio di pontieri".

Riguardo all'ipotesi della 'marcia' con cui i grillini, partendo dal Colosseo, vorrebbero dare inizio al loro esordio in Parlamento venerdì prossimo, Crimi spiega che "non è stato ancora deciso nulla, oggi ne parleremo". Il capogruppo al Senato non nasconde il nervosismo sulle modalita' con cui le potenziali iniziative del movimento finiscono sulla stampa. "Ogni volta che qualcuno dei nostri dice una cosa, fa una proposta -spiega- che puo' essere una cosa bellissima o una p.......a, la stampa titola: 'i grillini hanno deciso ...'.No, non va bene così". L'ipotesi di una 'marcia' che precedesse l'avvio delle prime sedute delle assemblee parlamentari era stata lanciata ieri da Simone Vignaroli, eletto alla Camera nella circoscrizione laziale. Ma, a quanto pare, e' tutto ancora da decidere. Lo stesso Vignaroli chiarisce: "Io non ho organizzato nulla". Nello staff del movimento assicurano comunque che qualcosa i 'grillini' faranno per lanciare un segnale all'inizio di questa nuova avventura parlamentare.

Intanto, a dirsi favorevole a un governo Pd-M5S è il segretario della Cgil, Susanna Camusso, che dice invece no a esecutivi tecnici e al governissimo. Per Camusso non si sono alternative al dialogo con il movimento 5 stelle. Secondo il leader di corso d'Italia, che interviene al programma di Rai3 'In mezz'ora', ''il voto ha detto che c'e' un partito maggioranza per numero di voti e un secondo partito, e quella e' la volonta' maggioritaria degli elettori'' e ''bisogna rispettare il voto degli elettori''. Rispondendo alle domande di Lucia Annunziata sulla possibilita' di arrivare a un 'governissimo', Camusso dice: ''Penso che gli italiani abbiano gia' detto di no''. A sull'ipotesi di un governo tecnico scherza: ''Non abbiamo gia' dato?''. Secondo Camusso, inoltre, ''non bisogna continuare a moltiplicare le ipotesi, ma concentrare l'attenzione'' su una soluzione che ''sia la piu' rispettosa della volonta' popolare''.


Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.