Sabato 23 Gennaio 2021
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • Politica
  • CORSERA PRESIDENTI CAMERA SENATO PIERLUIGI BERSANI PREVALE LA LINEA DEL COMBATTIMENTO A CAMPO APERTO...

CORSERA PRESIDENTI CAMERA SENATO PIERLUIGI BERSANI PREVALE LA LINEA DEL COMBATTIMENTO A CAMPO APERTO

Roma 18 Marzo 2013 Corsera.it

Bersani. Prevale la linea del combattimento in campo aperto.Ha  tenuto duro e continua a farlo nei confronti di Grillo e dei suoi detrattori interni al partito. Dal governo Monti al governo Bersani anche senza la fiducia per l’ordinaria amministrazione.Una situazione drammatica per l’Italia per l’economia e per le istituzioni prese d’assalto dai bravi dell’innominato di Arcore. Senza esecutivo si può andare avanti anche nella formulazione dell’ordinaria amministrazione fino alla elezione del Presidente della Repubblica entro il 15 aprile. Poi si potrebbe aprire un altro scenario.La prima mossa al Parlamento.Il capo gruppo al Senato Vito Crimi sostiene fattibile l’ipotesi di un Parlamento che legiferi in assenza di un esecutivo nella pienezza dei suoi poteri costituzionali. E’ successo in Belgio per oltre un anno.La nostra Costituzione dispone “L’iniziativa delle leggi appartiene al Governo,a ciascun membro delle Camere ed agli organi ed enti ai

quali sia conferita da legge costituzionale” ( art.71,primo comma ). In pratica gli otto e più punti del programma di Bersani da proporre al Parlamento nella forma del disegno di legge potrebbero tramutarsi con l’approvazione in legge. Taluni ricorrendo alla procedura d’urgenza. In via astratta Bersani ottenendo l’incarico di formare il governo si presenterebbe con le sue proposte senza chiedere la fiducia al suo esecutivo ponendo sul tavolo l’accoglimento di quelle proposte. Non è che la fiducia o la mezza fiducia debba costringere Bersani a rinunciare all’incarico. Il vuoto non può colmarsi con il precedente governo Monti dimissionario quindi decaduto nella precedente legislatura. L’ordinaria amministrazione del governo Monti permane fino all’insediamento del nuovo Parlamento e al conseguente incarico del governo subentrante. A quel punto è il governo Bersani a garantire l’ordinaria amministrazione a prescindere dalla fiducia. Soluzioni alternative non se ne possono prospettare se non dopo l’elezione del Presidente della Repubblica.Di fronte alla probabile soluzione dello scioglimento delle Camere e all’incalzare della povertà, della disoccupazione dilagante, della recessione, l’ostracismo dei 5Stelle dovrebbe attenuarsi per non pagarne le conseguenze sul piano elettorale. Non c’è tempo da perdere.Una garanzia comunque c’è per il passaggio di mano dal governo Monti a quello Bersani dell’ordinaria amministrazione operando ove possibile sulla leva fiscale e sulla flessibilità del patto di stabilità. Renato Corsini.


Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.