Sabato 23 Gennaio 2021
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • Politica
  • CORSERA GOVERNO NUOVE ELEZIONI MATTEO CORSINI RR NOI PRONTI A CORRERE CON MATTEO RENZI...

CORSERA GOVERNO NUOVE ELEZIONI MATTEO CORSINI RR NOI PRONTI A CORRERE CON MATTEO RENZI

Roma 11 Aprile 2013 Corsera.it

E' ormai chiaro che Matteo Renzi potrebbe uscire dal Pd,sebbene ieri sera a Porta a Porta,il sindaco di Firenze ha dichiarato che “nessuno mi cacciera' dal PD neanche a pedate nel sedere”.

La situazione politica in Italia sta precipitando e la delusione e' fortissima anche nei sostenitori del Movimento 5 Stelle,che pur avendo dato un fortissimo sostegno alla rivoluzione dei grillini,percepiscono che neanche questo e' in grado di fronteggiare la crisi con idee e progetti innovativi.

Alla crisi dunque sopravviene la delusione,lo scoramento di ampie frange della cittadinanza italiana. Il paese attende una risposta chiara,forte,e sopratutto l'arrivo di un leader che possa unire gli italiani.

Matteo Corsini."Per quanto ci riguarda,il movimento politico di Roma Risorge,intende affrontare i territori per dare risposte concrete alla popolazione,sviluppare progetti,ma sopratutto si prepara a schierarsi a fianco di Matteo Renzi,non appena avra' deciso di mettersi in gioco,con o senza il PD."

Per Roma Risorge non c'e' tempo di attendere,la crisi deve essere presa di petto e non c'e' piu' molto tempo,tutti gli indicatori danno il paese in forte decrescita,la recessione economica continua a mietere vittime tra imprese e lavoratori.Cosa altro dobbiamo aspettare?

In televisione vanno in onda i balletti dei politici della vecchia guardia,senza leader e senza idee.La gente e' preoccupata. Cosa stiamo aspettando?

ROMA - Uno che di Pd se ne intende, l'ex deputato Peppino Caldarola, ha notato un particolare che a tutti è sfuggito: da qualche tempo in qua Pier Luigi Bersani «ha un tic al naso quando è nervoso, cioè sempre». È dai piccoli dettagli, alle volte, che si afferra quello che sta succedendo. Il segretario del Pd è sotto pressione. E ne ha ben donde: «Rischiamo l'implosione», avverte Beppe Fioroni.
Già nel Partito democratico è ormai il tutti contro tutti: la presidente Bindiattacca il segretario, il segretario tenta di mettere sotto tiro Renzi, l'ex capogruppo Franceschini ventila la possibilità di una scissione. E il sindaco di Firenze si è convinto che qualcuno dentro il Pd stia lavorando, di provocazione in provocazione (l'ultima è la vicenda che riguarda i grandi elettori del Quirinale), per costringerlo a uscire dal partito. Lo ha spiegato ieri a qualche fedelissimo: «Ho la certezza che i bersaniani vogliono che io me ne vada. Questo è il loro obiettivo. Ma io rimango».

Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.