Domenica 16 Gennaio 2022
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • Televisione
  • AGCM ROMA ELEZIONI COMUNALI BALLARO' GIOVANNI FLORIS INDUZIONE SUBLIMINALE E PRESUNTA INGANNEVOLEZZA ECCO L'ESPOSTO DI ROMA RISORG...

AGCM ROMA ELEZIONI COMUNALI BALLARO' GIOVANNI FLORIS INDUZIONE SUBLIMINALE E PRESUNTA INGANNEVOLEZZA ECCO L'ESPOSTO DI ROMA RISORGE

Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato

Piazza G. Verdi,6/a

00191 Roma

 

Roma, 13 maggio 2013.

 

Segnalazione di presunta ingannevolezza.

Il fatto.

Nella punta di Ballarò  7 maggio 2013 trasmessa dal terzo canale della Rai-Tv alle ore 21,05, è accaduto quanto segue. Nella trasmissione erano presenti due candidati alle elezioni comunali di Roma indette per il 26-27 maggio.Gianni Alemanno e Alfio Marchini.Il conduttore Giovanni Floris nell’introdurre l’argomento non ha mai menzionato anche i nomi degli altri candidati e le relative liste che partecipano alla competizione elettorale. Sono 19 le liste presentate e ammesse. Congiuntamente hanno raccolto oltre 20 mila firme di sottoscrittori. Durante la trasmissione Marcello Sorge editorialista del quotidiano La Stampa nel rispondere ad una domanda di Floris ha detto testualmente “ Qui presenti il candidato a sindaco Gianni Alemanno e lo sfidante Alfio Marchini”. Lo stesso conduttore introducendo una successiva domanda al sindaco uscente Alemanno ha testualmente detto “ Come immagina lei di affrontare una campagna elettorale avendo avversari come Alfio Marchini, Ignazio Marino e il movimento 5 Stelle?”

 

Ora appare evidente la pervicacia e arbitraria esclusione dalla competizione elettorale degli altri candidati. Il linea di principio deontologico il comportamento del giornalista appare censurabile per il profilo dell’omessa informazione sugli altri candidati. Ma è rilevabile un altro profilo. L’ingannevolezza del messaggio nella specie del “product placement” o nella induzione subliminale. Più pertinente nel caso di specie è l’induzione subliminale. Il messaggio non raggiunge paradossalmente il livello della coscienza ma il messaggio è percepito inconsciamente e agisce nella direzione voluta dal conduttore della trasmissione. Occorre osservare che questo sistema di ingannevolezza si basa sulla esclusione degli altri concorrenti alla competizione elettorale concentrando l’interesse su alcuni candidati.Nell’ambito di una trasmissione di larga udienza televisiva di un servizio pubblico sostenuto anche con le risorse della collettività non si può non osservare la sussistenza di un danno d’immagine in capo agli altri concorrenti.

Se si considera la televisione di Stato un operatore pubblicitario e lo è quale tramite degli interessi di prodotti e di servizi degli inserzionisti, non si può a priori sostenere che i candidati alle elezioni non rientrino nella categoria degli inserzionisti. La loro stessa apparizione in televisione a titolo gratuito ne qualifica il fine che non è soltanto politico ideologico anche e soprattutto personale. La stessa definizione del termine concorrenza è sufficiente a giustificare il fumus di un  messaggio ingannevole trasmesso agli ascoltatori dalla.....

 trasmissione Ballarò. I competitori alla elezioni si possono qualificare imprenditori nell’ottica della legge che disciplina la pubblicità ingannevole. Muovono risorse economiche per il fine che si intendono prefiggere.Il punto dolente è che il conduttore Giovanni Floris nel sottacere gli altri concorrenti ha inconsapevolmente trasmesso un messaggio ingannevole. Rimane il fatto accertabile e incontrovertibile. Gli amministratori degli enti locali sono imprenditori si  muovono nell’ottica imprenditoriale sempre che ne abbiano la capacità.

 

Si chiede l’intervento della Autorità.

 

Dr.Matteo Corsini candidato a Sindaco di Roma

Co.el. Roma Risorge

Via Eustachio Manfredi 21

Roma 00197

Tel.068086058

 


Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.