Domenica 16 Gennaio 2022
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • FIOM MANIFESTAZIONE 18 MAGGIO ROMA ELEZIONI SINDACO SONDAGGI MATTEO CORSINI ROMA RISORGE UNA NOSTRA DELEGAZIONE AL CORTEO PER LA D...

FIOM MANIFESTAZIONE 18 MAGGIO ROMA ELEZIONI SINDACO SONDAGGI MATTEO CORSINI ROMA RISORGE UNA NOSTRA DELEGAZIONE AL CORTEO PER LA DIFESA DEL LAVORO

ROMA 18 MAGGIO 2013 CORSERA.IT

La Fiom scende in piazza contro la crisi e le politiche di austerità e per "il diritto al lavoro, all'istruzione, alla salute, al reddito, alla cittadinanza, per la giustizia sociale e la democrazia". 

ROMA ELEZIONI COMUNALI 2013.MATTEO CORSINI ROMA RISORGE UNA NOSTRA DELEGAZIONE OGGI HA PARTECIPATO AL GRANDE CORTEO DELLA FIOM A ROMA DA PIAZZA ESEDRA A SAN GIOVANNI.CREDIAMO CHE LE TEMATICHE SUL LAVORO E LA GIUSTIZIA SOCIALE SIANO BATTAGLIE POLITICHE COMUNI CON I LAVORATORI E SONO D'ACCORDO CON LANDINI QUANDO DICE CHE DOBBIAMO RISPARMIARE DALLE SPESE MILITARI PER TROVARE I SOLDI PER I SERVIZI SOCIALI,IL LAVORO.NON C'E' DUBBIO ROMA RISORGE FA PARTE DI QUESTI LAVORATORI.IL DIALOGO TRA LE PARTI SOCIALI E' LA PIATTAFORMA SU CUI ELABORARE UN PERCORSO POLITICO PER IL FUTURO,CHE SIA MENO DENSO DI CONTRAPPOSIZIONI E GUARDI AL CONCRETO DELLE NECESSITA' DELLA GENTE,AGLI INTERESSI PRIMARI.

(LaPresse) - La Fiom scende in piazza contro la crisi e le politiche di austerità e per "il diritto al lavoro, all'istruzione, alla salute, al reddito, alla cittadinanza, per la giustizia sociale e la democrazia". Migialia in corteo sfilano da piazza della Repubblica fino a piazza San Giovanni. "I metalmeccanici - spiega la Fiom nella convocazione - si mobilitano e scendono in piazza a Roma perché cinque anni fa con il governo Berlusconi ci avevano detto che la crisi non c'era, era passeggera, addirittura superata. Negli ultimi due anni col governo Monti, visto che la crisi non si poteva più negare, si è passati a un uso della crisi per legittimare le politiche di austerità in tutta Europa. La scelta di non intervenire sulle cause ha determinato che il 10% della popolazione ha il 50% della ricchezza: i responsabili hanno quindi continuato ad aumentare le proprie rendite. Inoltre le banche hanno ridotto il credito e investito in titoli spazzatura e la Confindustria ha puntato sulla cancellazione dei diritti e la riduzione del salario".

 

"Risultato? - prosegue la Fiom - Hanno cancellato l'articolo 18, derogato ai contratti e alle leggi, tagliato la spesa sociale, chiuso ospedali e per 9 milioni di persone non è più garantito il diritto alla salute, chiuso scuole e università, posticipate e ridotte le pensioni. Hanno addirittura provato a generare una guerra tra inoccupati, disoccupati e precari, giovani e non, donne e uomini. L'Italia continua a essere il paese con la massima evasione fiscale e la minore tassazione delle rendite finanziarie mentre attraverso le politiche fiscali hanno continuato a spremere pensionati e lavoratori dipendenti. I risultati di questa scelta sono: licenziamenti, aumento delle disuguaglianze sociali, impoverimento e inaccessibilità al lavoro. Questa condizione di solitudine ha addirittura portato persone a togliersi la vita".

 

Ecco tutti gli obiettivi della manifestazione: riconquistare il diritto del e nel lavoro; la riconversione ecologica del nostro sistema industriale per valorizzare i beni comuni acqua, aria e terra; un piano straordinario d'investimenti pubblici e privati e il blocco dei licenziamenti anche attraverso l'incentivazione della riduzione dell'orario con i contratti di solidarietà e l'estensione della cassa integrazione; un contratto nazionale che tuteli i diritti di tutte le forme di lavoro con una legge sulla democrazia che faccia sempre votare e decidere i lavoratori; un reddito per una piena cittadinanza di inoccupati, disoccupati e studenti; fare in modo che la scuola, l'università e la sanità siano pubbliche e per tutti; combattere le mafie e la criminalità organizzata che si sono infiltrate sia nella finanza che nell'economia; la rivalutazione delle pensioni e per un sistema pensionistico che riconosca la diversità tra i lavori; un'Europa fondata sui diritti sociali e contrattuali, su un sistema fiscale condiviso e sul diritto di cittadinanza e sulla democrazia delle istituzioni.

Pubblicato il 18 maggio 2013

Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.