Lunedi' 10 Agosto 2020
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • News Mondo
  • CORSERA MICHAEL JACKSON IL RE DEL POP UCCISO DALLE DROGHE DA COMA INDOTTO...

CORSERA MICHAEL JACKSON IL RE DEL POP UCCISO DALLE DROGHE DA COMA INDOTTO

Se il 25 giugno del 2009 non fosse morto per un'overdose di anestetico, il Propofol, Michael Jackson se ne sarebbe andato comunque, di lì a poco. Per mancanza di (vero) sonno. E' quanto sostiene Charles Czeisler, perito medico al processo che la madre Katherine (e i figli) del re del pop, hanno intentato al promoter, AEG, di quelli che sarebbero dovuti essere gli ultimi concerti di Jacko.

 

RECORD - Ebbene, Michael, prima di quella fatidica notte, non avrebbe dormito (per davvero) per ben sessanta giorni: un record per un essere umano, secondo Czeisler. Ovvero non avrebbe mai raggiunto la cosiddetta «fase Rem». Che non è solo quella in cui notoriamente si sogna, ma anche quella in cui si rigenerano le cellule e l'organismo in generale.

«COMA INDOTTO» - Jacko, per combattere l'insonnia che lo tormentava da anni, avrebbe invece conseguito una sorta di coma indotto, proprio grazie a quel Propofol che poi gli sarebbe stato fatale. Cioé avrebbe avuto la sensazione artificiale dei benefici del sonno, senza aver mai dormito veramente. O, in altre parole, ha spiegato Czeisler :«E' come se il cantante avesse ingerito dei trucioli di legno invece che del cibo. Lo stomaco si riempie e uno non sente la fame, ma le calorie sono zero e non si assimila nessun principio nutritivo».

ACCANIMENTO TERAPEUTICO - E, secondo l'accusa del processo, sarebbe stato proprio l'AEG a spingere presso il famigerato dottor Murray (colui che è stato accusato di omicidio involontario per la morte della popstar) perché Jacko potesse dormire prima della serie, anch'essa record, di concerti che Michael avrebbe dovuto tenere a Londra nel luglio del 2009. Un accanimento terapeutico che ha probabilmente contribuito a ucciderlo.

Inserisci il testo della notizia

Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.