Martedi' 11 Agosto 2020
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • Finanza
  • CORSERA REAL ESTATE MATTEO CORSINI THE BLACK SWAN PERCHE' L'EURO POTREBBE ANCORA IMPLODERE...

CORSERA REAL ESTATE MATTEO CORSINI THE BLACK SWAN PERCHE' L'EURO POTREBBE ANCORA IMPLODERE

Roma 16 Settembre 2013 Corsera.it Crisi euro.Matteo Corsini Presidente di Abramovich real estate.Perche' l'Euro potrebbe ancora implodere. La Grecia si potrebbe salvare,dopo la crisi dell'anno scorso il paese ellenico e' riuscita ad evitare l'oltretomba,ma per l'Italia la situazione peggiora di giorno in giorno,non soltanto per l'economia in stallo,ma anche in virtu' del piu' grande crollo immobiliare di tutti i tempi.La bolla speculativa immobiliare e' esplosa,fragorosa,trascinando al ribasso tutti gli indicatori fondamentali del paese,quelli che fino a ieri reggevano l'economia di un paese ampiamente tradizionalista,conservatore,che poggiava l'idea del suo risparmio esclusivamente sul mattone.La grande speculazione comincio' nel corso del 1999,a cavallo dell'entrata dell'euro.Un vortice che intendeva risucchiare dall'Italia ogni capitale da attrarre nella piu' grande slot machine della speculazione finanziaria. Non dimentichiamoci che anche la bolla speculativa italiana e' partita dal trampolino di lancio della grande finanza internazionale.Erano i grandi fondi anglosassoni e tedeschi che sono arrivati in Italia come avvoltoi,certi che sul raddoppio dell'euro sul valore della lira,l'incremento del mercato immobiliare si poteva drogare,bastava soffiare sulla brace che ardeva sotto la cenere. Dove far partire una speculazione immobiliare se non nel paese che vanta il maggior numero di proprietari di case? L'Italia era la preda perfetta,nel sillogismo storico perfetto:dopo lo sboom della bolla internet,la paura di investire nella finanza,quale maniera migliore era convincere un popolo di innamorati del mattone che spingere i prezzi al rialzo? Una girandola partita da lontano,con i fondi che facevano man bassa delle proprieta' immobiliari,gli speculatori che acquistavano con i soldi delle banche facendo girare milioni,un gioco durato anni,che pareva non finisse mai.E invece poco dopo,un colpo di tosse ed ecco cadere anche l'Italia sotto il macigno del suo debito pubblico.E' bastata affondare le principali banche italiane,ricordate il basket su Unicredit e Intesa san Paolo partito all'improvviso un pomeriggio,come tanti altri? Nelle sale dei principali brokers finanziari tutti si domandavano cosa potesse essere successo.Era il segnale per tutti di libera uscita,chi sapeva e' cominciato a darsela a gambe levate.Il crollo del sistema finanziario italiano,da Unicredit a Monte dei Paschi di Siena,per non parlare delle banchette popolari,e' stato l'effetto domino per il mercato immobiliare in Italia,ha travolto tutto.E' bastata un'estate,perche' gli ignari venditori storditi da tanto clamore finanziario,pensate il crollo di Unicredit,arrivata a sfiorare 0.21 in asta il primo giorno del suo nuovo aumento di capitale.Aveva perduto oltre l'80/ della sua intera capitalizzazione.Dietro di lei MPS,poi Intesa e tutte le altre.Un massacro.Investitori che agonizzavano,gente che si disperava per le ingenti perdite in borsa.Ma era il carosello del preludio della caduta degli Dei,la razza di immobiliaristi,che per dieci anni avevano goduto ininterrottamente dell'aumento vertiginoso del mattone. Societa' che annunciavano quotazioni alla borsa di Londra per 1 miliardo di Euro,altre che sognavano di varcare l'oceano finendo di agganciare anche il mercato americano.Ma la strada non era quella,perche' chi saliva stava anche scivolando verso l'Inferno.Le grandi protagoniste degli anni d'oro del Ballo del Mattone,sono scomparse,il loro patrimonio distrutto,ricordate ad esempio Pirelli real estate del cavalier Puri Negri? Aedes di Luca Castelli? E con loro se la davano a gambe levate anche le principali banche anglosassoni i fondi di Morgan Stanley,Deutsche Banck, Jp Morgan.I grandi costruttori milanesi e romani,finivano nella gabbia che si stringeva intorno a loro,senza capire,dopo aver ingoiato per anni finanziamenti da parte delle principali societa' di leasing.Ricordiamo Italease? Implosa come una delle torri gemelle,portando nella polvere il fior fiore della razza degli immobiliaristi di razza,anche coloro che scalarono la BNL. Avete piu' sentito parlare di loro? Scomparsi come dinosauri estinti.Si nascondono nei sottoscala delle loro grandi imprese. Questa brutale discesa del mercato immobiliare in italia non e' altro che il preludio dell'implosione dell'euro,della moneta unica,perche' se il mattone e' il piu' sofisticato termometro del mercato economico del nostro paese,i valori del mattone ormai si prezzano in lire.Per chiunque voglia cercare di capire quale sia il valore esatto,basta trasformare l'euro in lire,per identificarne il valore reale.Non parliamo piu' dunque di un milione,ma di due miliardi.Non parliamo di 10 milioni ma di venti miliardi.Diciamo che per avere un'idea si dovrebbe coniare un'euro in lire,vale a dire una moneta che imprima il reale valore del denaro.Vi ricordate la prima mancia in euro al barista? chi lasciava 50 centesimi,chi addirittura un euro.Erano duemila lire. Oggi credo che nel mercato immobiliare ci sia impresso il virus di una potenziale rottura dell'euro,sopratutto di un lungo periodo di asfissia,che la Germania,anche dopo le prossime elezioni,vorra' farci ingoiare.E' piu' che mai urgente uscire da questa pressa,tornare alla lira,con velocita'.Il mercato immobiliare dice questo e chiunque vorra' forzare la mano,cercando di resistere alle intemperie dell'euro condurra' il paese allo sfascio.Siamo indietro di venti anni,siamo senza ossigeno,con le principali banche che si parano il culo lasciando le aziende morire di asfissia.L'economia non risale,il mattone precipita.Cosa vogliamo aspettare che qualcuno ci venga a trovare al camposanto? L'Italia implodera' sotto le sferzate dell'euro e della prossima speculazione finanziaria che ci prendera' d'assalto.nessuno vuole la nostra sopravvivenza,nessuno forse ci ama davvero,dobbiamo fare da noi.Fare in fretta.I Sintomi di una tragedia sono nel mattone italico,ormai alle macerie,come calpestassimo gia' gli scheletri delle nostre citta'.

Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.