Mercoledi' 12 Agosto 2020
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • Cronaca
  • CORSERA SILVIO BERLUSCONI RESIDENZA A PALAZZO GRAZIOLI UNA FORTEZZA COME JAMES BOND...

CORSERA SILVIO BERLUSCONI RESIDENZA A PALAZZO GRAZIOLI UNA FORTEZZA COME JAMES BOND

Roma 25 Settembre 2013 Corsera.it Palazzo Grazioli un labirinto d'oro,una fortezza predisposta per fuggire. Silvio Berlusconi il leone ferito non si da per vinto e sposta la sua residenza a Palazzo Grazioli.Dal 15 Ottobre potrebbe trascorrere il periodo degli arresti domiciliari proprio nella sua fortezza incantata.Il palazzo e' quasi tutto suo,gli appartamenti sono collegati tra di loro,sia per ragioni di sicurezza,ma sopratutto per far entrare ed uscire persone che si vogliono celare alla vista dei curiosi.Palazzo Grazioli ha inoltre diverse uscite che conducono per la strada,quattro lati liberi,attraverso i quali Silvio Berlusconi potrebbe sgaiattoalare fuori notte tempo,anche per fare una passeggiata inosservato dai piu'.Difficile controllare l'ex premier,a notte fonda,dopo il rituale controllo dei suoi piantoni.Molti degli appartamenti conducono nelle cantine e da queste a vie di fuga insospettabile.Palazzo Grazioli assomiglia alla residenza di James Bond e le fughe del cavaliere saranno spettacolari.Prepariamoci al teatrino della fuga di mezzanotte. Silvio Berlusconi ha trasferito la propria residenza a Roma, in Via del Plebiscito, dove è Palazzo Grazioli, nel quale il Cavaliere alloggia e tiene le sue principali attività politiche nella Capitale. Lo hanno riferito all'agenzia Radiocor fonti dell'Anagrafe capitolina. Il cambio di residenza rispetto a quella precedente lombarda, ad Arcore, secondo fonti politiche, si inquadra nel ventaglio delle valutazioni che Berlusconi sta compiendo per la esecuzione della condanna (arresti domiciliari o affidamento ai servizi sociali) per frode fiscale a seguito del processo Mediaset-diritti tv. DOMICILIARI O SERVIZI SOCIALI - Della condanna a quattro anni di reclusione, tre sono cancellati in partenza dala legge sull'indulto, approvata nel 2006 in un clima di larghe intese. Rimane l'anno di pena residua, che il condannato dovrà in qualche modo scontare, a meno di una grazia presidenziale. Dodici mesi destinati a scendere a dieci e mezzo con la liberazione anticipata per buona condotta. Dove li trascorrerà, lo si dovrebbe capire tra ottobre e novembre. Fino al 15 settembre, infatti, era in vigore la sospensione feriale dei termini. Poi è scattato il conto alla rovescia. Silvio Berlusconi ha ora tempo fino al 15 ottobre per chiedere «l'affidamento ai servizi sociali». Una «misura alternativa» che prevede che il condannato resti libero, impiegando alcune ore alla settimana in lavori socialmente utili. RIUNIONI - Nel frattempo, l'ex premier ha deciso congelare l'affondo in programma per i prossimi giorni: questa sera era atteso a Porta a Porta e aveva previsto una conferenza stampa: occasioni nelle quali avrebbe presumibilmente sparato a zero sulla magistratura. Continuano però le riunioni a palazzo Grazioli. Dopo il vertice di ieri sera, Silvio Berlusconi ha convocato a pranzo capigruppo, coordinatori e big del partito per fare il punto sulle tappe organizzative da prevedere per la rinascita di Forza Italia. Poi, il Cavaliere incontrerà (l'appuntamento è per le 19) i gruppi parlamentari alla Camera.

Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.