Sabato 23 Gennaio 2021
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • Politica
  • M5 NUOVE ESPULSIONI GOLGOTA PER MASSIMO ARTINI PAOLO PIGNA GRILLO CASALEGGIO NOSTRI DEPUTATI ALLA GOGNA...

M5 NUOVE ESPULSIONI GOLGOTA PER MASSIMO ARTINI PAOLO PIGNA GRILLO CASALEGGIO NOSTRI DEPUTATI ALLA GOGNA

Milano 27 Novembre 2013 Corsera.it Movimento cinque Stelle la liberta' di non essere.Beppe Grillo Casaleggio come Stalin e Lenin alla gogna i deputati del movimento politico.Liberi si ma ricattabili dai leader del movimento politico. Ancora aria di tempesta nel M5S e nuove espulsioni in vista. A finire nel mirino di Grillo e Casaleggio questa volta sono di deputati Massimo Artini e Paola Pinna, da tempo considerati dissidenti. In un lungo post pubblicato sul blog, la loro espulsione viene sottoposta al voto della rete. Come motivazione viene spiegato che i due non hanno rispettato il regolamento dei Cinque Stelle in cui viene imposto ai deputati e ai senatori di restituire parte della diaria e delle eccedenze dello stipendio parlamentari. «Massimo Artini da gennaio ha applicato un sistema di rendicontazione personale dove, mancano all’appello 7.000 euro», si legge. E vengono anche allegate le mail di sollecito inviate al deputato «Nonostante i solleciti del capogruppo e dello staff ad attenersi alle regole, come potete verificare , il cittadino deputato Artini continua a non utilizzare il portale online per le rendicontazioni e quindi a non restituire i rimborsi spese», scrive lo staff della Casaleggio. Stessa motivazione per Pinna: «è inaccettabile che la cittadina deputata non faccia bonifici sul fondo per il microcredito da quasi un anno al contrario di tutti gli altri parlamentari che hanno restituito Ancora aria di tempesta nel M5S e nuove espulsioni in vista. A finire nel mirino di Grillo e Casaleggio questa volta sono di deputati Massimo Artini e Paola Pinna, da tempo considerati dissidenti. In un lungo post pubblicato sul blog, la loro espulsione viene sottoposta al voto della rete. Come motivazione viene spiegato che i due non hanno rispettato il regolamento dei Cinque Stelle in cui viene imposto ai deputati e ai senatori di restituire parte della diaria e delle eccedenze dello stipendio parlamentari. «Massimo Artini da gennaio ha applicato un sistema di rendicontazione personale dove, mancano all’appello 7.000 euro», si legge. E vengono anche allegate le mail di sollecito inviate al deputato «Nonostante i solleciti del capogruppo e dello staff ad attenersi alle regole, come potete verificare , il cittadino deputato Artini continua a non utilizzare il portale online per le rendicontazioni e quindi a non restituire i rimborsi spese», scrive lo staff della Casaleggio. Stessa motivazione per Pinna: «è inaccettabile che la cittadina deputata non faccia bonifici sul fondo per il microcredito da quasi un anno al contrario di tutti gli altri parlamentari che hanno restituito una media di 50.000 euro a testa». Con Artini in passato ci sono stati contrasti sulla gestione della piattaforma mail dei parlamentari data in gestione al deputato, mentre Pinna è sempre stata considerata una dissidente e una voce critica della gestione autoritaria di Casaleggio e Grillo. «Io le regole le ho sempre rispettate, i soldi li ho restituiti come previsto. Sono loro che le stanno violando visto che sulla procedura di espulsione non stanno passando per l'assemblea come previsto da Statuto M5S», si è difesa Pinna che ha poi pubblicato gli screenshot dei bonifici su Facebook.

Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.