Lunedi' 02 Agosto 2021
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • Cronaca
  • ROMA FEYENOORD GUERRIGLIA A PIAZZA DI SPAGNA GLI HOOLIGANS STAVANO NEGOZIANDO L'USCITA PACIFICA DA PIAZZA DI SPAGNA...

ROMA FEYENOORD GUERRIGLIA A PIAZZA DI SPAGNA GLI HOOLIGANS STAVANO NEGOZIANDO L'USCITA PACIFICA DA PIAZZA DI SPAGNA

Roma  19 Febbraio 2015 Roma Feyenoord .La battaglia di Piazza di Spagna.dal nostro corrispondente Matteo Corsini candidato sindaco di Roma

La battaglia di Piazza di Spagna lo scontro violento tra reparti della celere e gli Hooligans del Feyenoord poteva essere evitata.Intorno alle 15.10 un reparto della celere risaliva da Via dei Condotti per chiudere la strada del lusso agli hoolingans che si trovavano in Piazza di Spagna urlanti ubriachi beceri avevano gia' riempito il selciato con centinaia di bottiglie rotte.Ma a quell'ora come testimoniano anche le fotografie uscite su tutti i siti del mondo l'acqua della Barcaccia era ancora azzurra trasparente nessuno vi aveva lanciato bottiglie gli Hooligans avevano rispettato il  monumento.Intorno e precisamente alla destra della Barcaccia guardandola dalla Scalinata di Trinita' dei Monti gli hooligans ubriachi avevano fatto il loro bivacco:buste pezzi di carta bottiglie di acqua e centinaia di pezzi di vetri delle bottiglie di birra lanciate sul selciato.La situazione era del tutto sotto controllo malgrado l'ovvio disappunto dei romani che vedevano imbratta la Piazza.Ma fino a quel momento non si erano registrati atti di violenza le vetrine dei negozi erano indenni.Il giustificato arrivo del reparto della celere su V ia dei Condotti chiudeva gli ultras della squadra olandese del Feynoord in un cul de sac.I reparti della celere presidiavano infatti l'entrata di Via del Babuino Piazza Mignanelli e la Scalinata di Trinita' dei Monti.

invia le tue fotografie a direzione@corsinihouses.com 

Segno evidente che il piano della prefettura era di farli sfilare verso la Salita di San Sebastianello.Mi trovavo alla testa del reparto della celere schierata alla fine dei Via dei Condotti proprio sulla Piazza di Spagna,una fila serrata di una cinquantina di celerini che si estendeva dal negozio Moncler a Dior.La sassaiola di bnottiglie di birra cominciava ad avere il suo effetto letale sia contro gli agenti del reparto Bologna schierato a testuggine sia contro la famosa fontana della Barcaccia.Ma gli hooligans fino a quel momento non avevano esternato comportamenti violenti con i celerini si guardavano in cagnesco.A quel punto alcuni dei leader delal tifoseria si sono avvicinati ai celerini chiedendo in inglese se avrebbero potuto sfilare verso lo stadio senza essere colpiti dai reparti.Parlavano in inglese nessuno dei celerini parlava l'inglese e dunque mi sono deciso a fare da traduttore.Le trattative per l'uscita pacifica dal cul de sac di Piazza di Spagna erano cominciate con ampie assicurazioni da parte del capo reparto che ha condiviso con me la negoziazione.Ad assistere al dialogo anche una televisione forse locale.L'atteggiamento dei capi tifoseria era molto amichevole e piu' di una volta hanno intesto stringermi la mano in segno di amicizia " you are a good boy" mi ha anche detto uno di loro.Ho cercato di assicurarli che nulla sarebbe successo e che l'intenzione della celere non era quella di caricare.I capi della tifoseria ci hanno salutato e sono andati a parlare con gli altri compagni tifosi e poco dopo un centinaio di loro accompagnandosi con canti laceranti aveva preso la via di uscita indicata in Via del Babuino da parte del capo della celere.Poco piu' avanti al contrario di quato sostenuto dal capo del reparto della celere i tifosi si sono visti ostacolare il passaggio da parte di un altro repaprto schierato a presidio dell'entrata di Via del Babuino.Gli hooligans nella gran massa erano ormai oltre la Barcaccia verso la Via di fuga indicata dal capo della celere,ma senza poter uscire tornavano indietro a spirale ormai chiusi nel cul de sac predisposto dalla prefettura.Quell'onda maledetta pareva girare su se stessa tra canti urla alcuni lanci di bottiglie di birra.Tra gli hooligans e i celerini c'erano almeno duecento metri di spazio quando i reparti antiguerriglia dei carabinieri schierati hanno cominiciato a muovere verso la tifoseria olandese che non risaliva verso la salita di San Sebastianello forse temendo un imboscata.A quel punto si sono accese una o due sirene dei blindati della celere a seguito dei reparti che sono avanzati improvvisamente verso gli hooligans come fosse il segnale della carica dei reparti della celere.I tifosi olandesi a quel punto hanno reagito lanciando in aria un nugolo impressionante di bottiglie di birra che colpivano gli agenti dei reparti.La carica a quel punto era inevitabile i tre reparti schierati tra Babuino Condotti Mignanelli partivano all'attacco dei tifosi e cominciava una vera e propria violentissima battaglia con la tifoseria ubriaca.I tifosi olandesi rispondevano violentemente alla carica dei reaprti della calere lanciando bottiglie contro gli agenti facendo espldodere bombe carta.Salita di San Sebastianella si trasformava in un budello come il passo delle Termopili dove alcune centinaia di feroci holligns del Feyenoord si scontravano con i reparti della celere.Chiusi nell'imbuto lo scontro assumeva contorni violentissimi con gli agenti dei reparti della celere che si aprivano la strada a colpi di manganello.A quel punto esplodevao i volti dei tifosi il sangue era ovunque la strada intrisa di fumo dei lacrimogeni cella celere i fumogeni dei tifosi.Poteva essere un massacro una tragedia che forse e' stata sfiorata per miracolo.Una battaglia a cui la gente assisteva inorridita forser anche terrorizzata.Piazza di Spagna era in fiamme ardeva l'odore acro era ovunque il selciato romano cosparso di bottiglie rotte immondizia come fosse un campo nomade lasciato all'improvviso dai suoi occupanti.Era il centro di Roma ikl nostro fiore all'occhiello invaso da migliaia di tifosi urbiachi dei teppisti forse anche criminali che qualcuno irreponsabilmente ha lasciato che entrassero esponendola ad un massacro devastante il suo monumento l'opera artistica piu' famosa del mondo la fontana del Bernini la Barcaccia colpita al volto sfregiata piegata alla violenza come la sua intera citta' i suoi cittadini inermi difronte a questo spettacolo raccapricciante.

Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.