Lunedi' 06 Luglio 2020
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • Cronaca
  • OMICIDIO MARCO VALERIO CORINI AVVOCATO DI GIGI BUFFON FORSE LA MORTE PROVOCATA DA UN DOSAGGIO ECCESSIVO DI OPPIACEI ...

OMICIDIO MARCO VALERIO CORINI AVVOCATO DI GIGI BUFFON FORSE LA MORTE PROVOCATA DA UN DOSAGGIO ECCESSIVO DI OPPIACEI

L’accusa mossa dalla Procura è pesantissima, omicidio volontario aggravato, Marzia Corini, anestesista nelle strutture sanitarie di Pisa, avrebbe provocato la morte del fratello, colpito da un tumore devastante, somministrandogli oppiacei in dosi massicce per accelerarne la fine. Insieme all’anestesista è stata indagata per circonvenzione di incapace un’avvocatessa, Giuliana Feliciani, che — sempre secondo le indagini condotte dai carabinieri su ordine dei pm spezzini — avrebbe indotto Marco Valerio Corini ormai prossimo alla fine a distruggere un testamento per redigerne un altro in netto favore della sorella. L’uomo, cinquantenne, avrebbe manifestato la volontà nelle ultime settimane di vita di sposare la compagna poco più che ventenne, conosciuta qualche anno prima. Il matrimonio non c’è stato. C’è stato invece un testamento modificato. È questo il punto su cui si incardina l’accusa contro Marzia Corini che ha assistito il fratello nel settembre scorso. Marco Valerio, la cui malattia si è manifestata poco prima dell’estate, è morto il 25 dello stesso mese. L’accusa mossa dalla Procura è pesantissima, omicidio volontario aggravato, Marzia Corini, anestesista nelle strutture sanitarie di Pisa, avrebbe provocato la morte del fratello, colpito da un tumore devastante, somministrandogli oppiacei in dosi massicce per accelerarne la fine. Insieme all’anestesista è stata indagata per circonvenzione di incapace un’avvocatessa, Giuliana Feliciani, che — sempre secondo le indagini condotte dai carabinieri su ordine dei pm spezzini — avrebbe indotto Marco Valerio Corini ormai prossimo alla fine a distruggere un testamento per redigerne un altro in netto favore della sorella. L’uomo, cinquantenne, avrebbe manifestato la volontà nelle ultime settimane di vita di sposare la compagna poco più che ventenne, conosciuta qualche anno prima. Il matrimonio non c’è stato. C’è stato invece un testamento modificato. È questo il punto su cui si incardina l’accusa contro Marzia Corini che ha assistito il fratello nel settembre scorso. Marco Valerio, la cui malattia si è manifestata poco prima dell’estate, è morto il 25 dello stesso mese.

Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.