Lunedi' 13 Luglio 2020
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • Cronaca
  • GIULIO REGENI OMICIDIO MASSACRATO DA UNO PSICOPATICO PER VENDICARE UN AFFRONTO INTOLLERABILE ...

GIULIO REGENI OMICIDIO MASSACRATO DA UNO PSICOPATICO PER VENDICARE UN AFFRONTO INTOLLERABILE

Il delitto di Giulio Regeni e' troppo efferato, quasi qualcuno avesse inteso vendicare un affronto insopportabile .La pista del sequestro da parte di agenti segreti, milizie deviate, non regge perche' Giulio Regeni non era un oppositore del regime militare,tantomeno un infiltrato una spia.Uno studente, forse un cronista attento alle vicende dei sindacati, ma nulla di piu'.Per giungere a compiere un delitto cosi' efferato significa che qualcuno lo odiava a tal punto da volerlo massacrare usando tutta la ferocia di cui era capace.Sfregiarlo seviziarlo nella carne nel cuore nei sentimenti.Siamo difronte ad un omicidio avvenuto per mano di uno psicopatico che ormai aveva inviso Giulio.Un amico qualcuno che Giulio frequentava all'insaputa degli stessi amici perche' non v'e' dubbio che la sua era una vita misteriosa profondamente segreta che qualcuno e' arrivato a massacrarlo.L'ipotesi dei servizi segreti e' remota possibile ma non l'unica ipotesi investigativa.Chi era Giulio Regeni ,cosa faceva nella sua vita privata? Chi aveva incontrato al Cairo?

Proprio l'incontro dell'11 dicembre e il successivo articolo pubblicato il 14 nel quale Giulio aveva fatto espliciti riferimenti alla riunione di tre giorni prima, potrebbero infatti aver messo il giovane in serio pericolo. Quella era la prima riunione dei sindacati indipendenti urbani da due anni a questa parte è la presenza di Giulio di certo non è passato inosservata.

Gli amici del giovane hanno confermato davanti al pm che il ragazzo faceva una vita molto ritirata tra casa e università. L'American University del Cairo fu uno dei poli attorno al emersero, cinque anni fa, le rivendicazioni che portarono alla rivoluzione di piazza Tahrir. I ricercatori che hanno raccontato dell'episodio hanno affermato diessere impauriti: per il momento non se la sentono di tornare in Egitto.

La salma di Giulio arrivata a Fiumicello - Il feretro di Giulio Regeni è arrivato a Fiumicello. Venerdì nella cittadina in provincia di Udine, si terranno le esequie del 28enne. I familiari hanno chiesto che non siano presenti né telecamere, né fotografi: la situazione in paese al momento sarebbe tranquilla e non ci sarebbero capannelli di giornalisti e di cine foto operatori.


Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.