Martedi' 05 Luglio 2022
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • Economia
  • BREXIT OUT MATTEO CORSINI GLI EFFETTI SUL MERCATO IMMOBILIARE IN ITALIA E IN EUROPA...

BREXIT OUT MATTEO CORSINI GLI EFFETTI SUL MERCATO IMMOBILIARE IN ITALIA E IN EUROPA

intervista a Matteo Corsini di Corsini real estate Italia 

Brexit, non c'e' dubbio che ci ritroviamo difronte allo scenario di una tempesta perfetta, un tipico Black Swan, che questa volta non passera' come un uragano estivo.Gli ingredienti di questa ennesima crisi sembrano perfetti, perche' il Brexit arriva alla fine di un lungo periodo di tsunami finanziari originatisi dalla crisi dei mutui subprime, il fallimento della banca d'affari Lehman Brothers e poi la crisi dell'euro.Ingredienti di un preparato esplosivo,che qualcuno riesce a dosare con efficacia al solo unico scopo di alterare il normale andamento dei mercati finanziari rispetto al cammino dell'economia reale.I maggiori danni che si sono generati nel corso degli ultimi anni sono caratterizzati dalla speculazione finanziaria non altro.Se guardiamo bene anche ora la decisione dei cittadini britannici appare come la normale conseguenza a questo scenario,una risposta efficace per allontanare la Gran Bretagna dalle prossime crisi finanziarie europee.L'Italia e' sotto la pressione di un debito pujbblico enorme e prima o poi dovranno scendere in campo gli Eurobond per difendere i paesi membri dell'Unione.Eurobond che avranno la funzione di garantire i debiti immensi di molti paesi,dunque una palla al piede per le economie solide come quella tedesca e quella inglese.Ma il destino dell'Europa,come del resto sostiene anche Soros-e' ormai difornte a noi,qualcuno ha tagliato la cima di ormeggio e lo scafo comincia a picchiare in banchina ,sobbalzando alla spinta delle onde che investono le murate.

Tanto piu' la costruzione dell'unione monetaria andava avanti, tanto piu' la Gran Bretagna era un tappo che sarebbe saltato ,perche' i britannici non hanno alcuna intenzione di garantire il debito pubblico italiano o quello spagnolo .Per la Germania, l'Europa rappresenta la sua formazione d'attacco ,il mercato domestico su cui generare profitti ,inglobarne le aziende ,le infrastrutture .Ma questa espansione sistematica ha uno svantaggio , quello che prima o poi dovra' reggere l'urto di altre crisi, e alla fine dovra' piegarsi e difendere i suoi territori,anche se questi si chiamano Italia o Grecia.

Il futuro immobiliare in Italia appare dunque cupo,perche' i valori sono destinati a scendere ancora ,sebbene il mattone rappresenti il bene rifugio per eccellenza soltanto dopo l'oro.Ma l'uscita della Gran Bretagna dall'Europa, spinigera' in basso l'economia ,la stagnazione da cui immaginavamo di uscire, sara' colpita addormentata ancora per i successivi due anni,almeno fino a quando non saranno chiare le posizioni tra Europa e i britannici.

Difficile immaginare uno scenario diverso ,positivo,perche' il mercato immobiliare si muove anchesso nella scia della speculazione finanziaria,che per adesso ha un solo obiettivo:colpire i paesi deboli europei per tentare di fare saltare l'Euro e guadagnarci miliardi di dollari scommettendoci contro.

 

CORSINICASE@GMAIL.COM

 


Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.