Lunedi' 24 Gennaio 2022
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • Immobiliare Roma
  • NATALE 2012 IMMOBILIARE ROMA SERGIO RIVOLTA SAVERIO IOVINO LA STORIA DEL GATTO & LA VOLPE E L'ALBERO DELLO ZECCHINO D'ORO...

NATALE 2012 IMMOBILIARE ROMA SERGIO RIVOLTA SAVERIO IOVINO LA STORIA DEL GATTO & LA VOLPE E L'ALBERO DELLO ZECCHINO D'ORO

ROMA 23 DICEMBRE 2012

NATALE 2012 UNA STORIA IMMOBILIARE A ROMA.L'ATTICO DI VIA DEI CONDOTTI.

RICEVIAMO DA UN NOSTRO LETTORE E VOLENTIERI PUBBLICHIAMO SUL FENOMENO DELLA PIAGA DELL'ABUSIVISMO NELLE PROFESSIONI.LA STORIA DELL'ALBERO COLMO DI ZECCHINI D'ORO,IL CAMPO DEI MIRACOLI.L'INGEGNO DI DUE AFFABULATORI NAPOLETANI NEGLI AFFARI IMMOBILIARI A ROMA.

RICORRE L'ABUSIVISMO NEL MERCATO IMMOBILIARE NON ULTIME LE IMPRESE DI UN TAL SAVERIO IOVINO EMIGRATO A ROMA QUALCHE ANNO ORSONO E CHE OPERA PRESSO LA RIVOLTA IMMOBILIARE DAL 1956 SRL  DI CUI E' ANCHE SOCIO.MA IL SIGNORE NAPOLETANO NON E' UN AGENTE IMMOBILIARE,FINGE DI ESSERLO,DUNQUE IMBROGLIA(DICHIARA QUALITA' CHE NON SONO SUE) IL PUBBLICO,I CLIENTI,MA SOPRATUTTO TANTI AGENTI IMMOBILIARI ISCRITTI.MA LA COSA PEGGIORE,CHE CELANDOSI DIETRO LE MENTITE SPOGLIE DI UN AGENTE IMMOBILIARE,LO STESSO ADOPERA COMPORTAMENTI E METODI DAVVERO SCONCERTANTI.INNANZITUTTO ...

SI PROPONE AI PROFESSIONISTI DEL SETTORE PER REALIZZARE DELLE COLLABORAZIONI,MA POI,QUANDO CAPITA,CHIUDE GLI AFFARI SENZA RENDERE CONTO AI MALCAPITATI CHE CADONO NELLA SUA RETE.

FAMOSO IL CASO DELL'ATTICO DI VIA DEI CONDOTTI,DOVE IL SAVERIO IOVINO,PUR DI FAR FALLIRE LA COMPRAVENDITA IMMOBILIARE REALIZZATA DALLE PROPRIETARIE E FAVORE DI UN LORO ACQUIRENTE,AVREBBE DENIGRATO SENZA ALCUN FONDAMENTO,LE QUALITA' DEL PRIMO COMPRATORE,A TUTTO VANTAGGIO DI UN SUO CLIENTE,UN CHIRURGO,CHE DOPO AVER CONCLUSO L'AFFARE,SI RESE INADEMPIENTE.DANNI INGENTI CAUSATI ALLE PROPRIETARIE DELL'ATTICO LE SIGNORE PARIS RONCATI DI ROMA.NON SOLTANTO PERDETTERO LA VENDITA AL PRIMO ACQUIRENTE,SOLIDO FINANZIARIAMENTE,MA FURONO POI COSTRETTE PER LIBERARSI DELLO STESSO CHIRURGO INTRODOTTO DAL SAVERIO IOVINO,A SBORSARE UNA PENALE D 130 MILA EURO.PENALE CHE DIVENTAVA DI UTILITA' ANCHE PER IL CLAN DEI RIVOLTA,CHE PER LA VENDITA IMMOBILIARE ANDATA A IN FUMO,PRETESERO LE LORO PROVVIGIONI.OTTENNERO DUNQUE LA LORO UTILITA',SPARANDO A ZERO CONTRO IL PRIMO ACQUIRENTE,LORO CONOSCENTE E DA CUI AVEVANO ASSUNTO TUTTE LE CONFIDENZE UTILI PER FAR SALTARE IL SUO AFFARE.

UN DISASTRO,UN DANNO IMMENSO PER LE DUE MALCAPITATE.NEL FRATTEMPO IL MERCATO IMMOBILIARE COMINCIAVA A SCENDERE E DUNQUE ALLA PERDITA DEL PRIMO ACQUIRENTE,ALLA PENALE PAGATA AL SECONDO ACQUIRENTE,SI SOMMAVA ANCHE LA PERDITA DEL VALORE DELL'APPARTAMENTO.LE SIGNORE SI FIDARONO DELLE PAROLE DEL SAVERIO IOVINO,IL CUI UNICO SCOPO ERA FAR SALTARE LA PRIMA VENDITA IMMOBILIARE,AVVENUTA CON UN COMPRATORE LA CUI DICHIARAZIONE DEI REDDITI ERA DIECI VOLTE SUPERIORE A QUELLA DEL LORO CLIENTE CHIRURGO.UN ATTO DI COMPORTAMENTO SLEALE ANCHE NEI CONFRONTI DELL'AGENZIA IMMOBILIARE CHE AVEVA VENDUTO L'ATTICO AL PRIMO COMPRATORE.

IN QUESTA SUA FUNZIONE DISTRUTTIVA E DENIGRATORIA,IL TAL SAVERIO IOVINO,OPERA IN COMBUTTA CON TAL SERGIO RIVOLTA,SUO CUGINO,ANCHESSO PERSONAGGIO NOTO ALLE CRONACHE DEL CORSERA.IT.EMIGRATO DA NAPOLI INSIEME ALL'ALTRO FRATELLO GAETANO(ANCHE LUI AGENTE IMMOBILIARE ABUSIVO),HA COMINCIATO AD ACCREDITARSI PRESSO I SALOTTI DELLA ROMA BENE(SENZA GRANDI RISULTATI), AL FINE DI PROMUOVERE AFFARI IMMOBILIARI.I DUE SONO COME IL GATTO E LA VOLPE,IRRETISCONO LE LORO VITTIME,CHE PIU' CHE ALTRO SONO ALTRI AGENTI IMMOBILIARI,A CUI PROPONGONO COLLABORAZIONI PROFESSIONALI,PER POI NON RISPETTARE I PATTI ASSUNTI.TIPICO GIOCO DELLE TRE CARTE ALLA NAPOLETANA.IN REALTA' SAVERIO IOVINO COLLABORA CON SERGIO RIVOLTA,IL PRIMO CON LA FUNZIONE DISTRUTTIVA,DICIAMO REALIZZANDO IL LAVORO "SPORCO",METTERE IN CATTIVA LUCE POTENZIALI ACQUIRENTI CHE NNO TRANSITANO PER IL LORO STUDIO,PER POI PASSARE LA PALLA AL CUGINO SERGIO RIVOLTA,AGENTE IMMOBILIARE ISCRITTO,CHE PER LEGGE NON DOVREBBE DELEGARE I SUOI AFFARI AD AGENTI ABUSIVI(LO PRESCRIVE LA LEGGE ),MA DI CUI SFRUTTA A PIENE MANI LE ATTIVITA',DUNQUE SOPRALLUOGHI,TRATTATIVE CON I CLIENTI,IN DANNO DEGLI AGENTI IMMOBILIARI REGOLARI.MA UN AGENTE IMMOBILIARE PROFESSIONISTA HA IL DOVERE PROFESSIONALE DI RISPETTARE I COLLEGHI,IL LORO LAVORO,OVVERO RISPETTARE LE TRATTATIVE CON ALTRI ACQUIRENTI.IL GIOCO SPORCO E' DEMOLIRE LE QUALITA' DI COMPRATORE DI UN CLIENTE DI UN CONCORRENTE,PER POI PROMUOVERE LA VENDITA CON UN CLIENTE DEL CLAN DEI RIVOLTA,ANCHE SE QUESTO,COME NEL CASO DI VIA DEI CONDOTTI,SI RENDE INADEMPIENTE,CREANDO DANNI E SCOMPIGLIO AI MALCAPITATI VENDITORI.

MA IL COMPORTAMENTO PEGGIORE,PROPRIO COME NELLA FAVOLA DEL COLLODI,E' CHE IL PRIMO COMPRATORE INCAUTAMENTE,INFORMA I SUOI CONOSCENTI MEDIATORI (E' UN IMMOBILIARISTA E DUNQUE COLTIVA CONTATTI PROFESSIONALI CON TANTI BROKERS NELLA CAPITALE) DI AVER CONCLUSO L'AFFARE,COME FECE PINOCCHIO, MOSTRA LE MONETE RICEVUTE DA MANGIAFUOCO,AI DUE COMPARI,CONFIDA ALL'AMICO SERGIO RIVOLTA,CHE HA DEFINITO L'ACQUISTO DELL'ATTICO E DI VENIRLO A TROVARE AL MATTINO SEGUENTE ,AL FINE DI RICEVERE ALCUNE SOMME DI DENARO PER SODDISFARE EVENTUALI SPESE SOSTENUTE PER LA VENDITA DELL'ATTICO.GESTO DI ASSOLUTO ALTRUISMO E GENEROSITA',POICHE' LO STESSO SERGIO RIVOLTA E IL SAVERIO IOVINO,NON AVEVANO MAI PROPOSTO AL LORO AMICO LA VENDITA DELL'ATTICO E NE' TANTOMENO AVEVANO OTTENUTO DALLE PROPRIETARIE UN INCARICO DI ESCLUSIVA,CON LA CLAUSOLA CHE DEVE ESPRESSAMENTE PREVEDERE PER ISCRITTO IL PAGAMENTO DELLE SPESE,QUALORA GLI AGENTI LE ABBIANO SOSTENUTE.IL GESTO DI AMICIZIA VIENE ALTRESI' ASSUNTO QUALE SPUNTO PER ORDIRE A DANNO DEL LORO CONOSCENTE,UN AGGUATO,FAR SALTARE LA VENDITA AD OGNI COSTO,PROMUOVERLA A FAVORE DI  UN ALTRO ACQUIRENTE AMICO.COME DEL RESTO ACCADDE.ESATTAMENTE NELLA FAVOLA DEL COLLODI,IL GATTO E LA VOLPE,CONVINSERO LE DUE PROPRIETARIE PARIS RONCATI A DISFARSI DEL PRIMO ACQUIRENTE,LORO AMICO,REVOCARNE LA COMPRAVENDITA GIA' SOTTOSCRITTA,E SOTTERRARE LE MONETE RICEVUTE DA MANGIAFUOCO NEL CAMPO DEI MIRACOLI,DOVE SECONDO SERGIO RIVOLTA E SAVERIO IOVINO,SAREBBE CRESCIUTO UN ALBERO COLMO DI ZECCHINI D'ORO.NELLA REALTA' ,SECONDO SERGIO RIVOLTA E SAVERIO IOVINO,IL SECONDO ACQUIRENTE AVREBBE PAGATO UN PREMIO SUL PREZZO GIA' CONVENUTO CON IL PRIMO ACQUIRENTE,COME IN REALTA' AVVENNE,MA SOLTANTO SULLA CARTA.PERCHE' QUEI 150 MILA EURO DI PREZZO ULTERIORE PROMESSI DAL COMPRATORE CHIRURGO,ALLA FINE NON VENNERO MAI PAGATI,AL CONTRARIO,NEL CORSO DEL TEMPO FURONO PROPRIO LE DUE SIGNORE PARIS RONCATI,IRONIA DELLA SORTE, A DOVER RIFONDERE QUELL'INGENTE SOMMA COME PENALE PER LA TRANSAZIONE DAL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA,AL COMPRATORE CHIRURGO.CONVINTE DA SERGIO RIVOLTA E SAVERI IOVINO, DI UNA MAGGIORE UTILITA',CHE LE LORO MONETE D'ORO(L'ATTICO DI VIA DEI CONDOTTI),UNA VOLTA SOTTERRATE NEL CAMPO DEI MIRACOLI,AVREBBERO DATO VITA AD UN ALBERO COLMO DI ZECCHINI D'ORO,ACCETTARONO DI TRASCRIVERE DAL NOTAIO SCIUMBATA UN PRELIMINARE DI ACQUISTO (DUNQUE FACENDOSI IMPICCARE-COME ACCADDE A PINOCCHIO- LA TRASCRIZIONE IMMOBILIARE  NON SI CANCELLA SE NON CON INTERVENUTA SENTENZA DEL TRIBUNALE-POSSONO TRASCORRERE ANCHE ANNI) CON SOLTANTO 30 MILA EURO,SENZA CAUTELARSI CHIEDENDO AD ESEMPIO UN BENE FONDI,DELLA SOMMA SUCCESSIVA CHE IL COMPRATORE AVEVA PROMESSO IN  PAGAMENTO DI BEN 250 MILA EURO.SOMMA CHE IL COMPRATORE CHIRURGO NON AVEVA DISPONIBILIE COME LIQUIDITA'.UN SEMPLICE BENEFONDI,CHE AL CONTRARIO,IL PRIMO ACQUIRENTE AVEVA DILIGENTEMENTE INOLTRATO ALLA SUA AGENZIA IMMOBILIARE,PER DIMOSTRARE DI POTER SODDISFARE  IL SUO IMPEGNO AL PAGAMENTO SUCCESSIVO DI BEN 450 MILA EURO AD INTEGRAZIONE DELLA SUA CAPARRA GIA' VERSATA.SOMMA DESTINATA AD ESTIGUERE UN GROSSO MUTUO GRAVANTE SULLA CASA,CHE IL PRIMO ACQUIRENTE,PROPRIO PER VENIRE INCONTRO ALLE ESIGENZE DELLE DUE SIGNORE AVEVA AVUTO LA CREANZA DI METTERE A DISPOSIZIONE.

UNA BEFFA,ANZI IL GIOCO DELLE TRE CARTE DEL GATTO E LA VOLPE,BEN CONSAPEVOLI DEL TIRO MANCINO GIOCATO A DANNO AD UN LORO CONSIDERATO AMICO O CONOSCENTE.

AD OGGI E' PENDENTE UN GIUDIZIO PRESSO IL TRIBUNALE CIVILE DI ROMA,CHE DOVRA' SINDACARE,ANCHE SUL COMPORTAMENTO DEONTOLOGICO DEL SERGIO RIVOLTA E DEI SUOI COMPARI,SAVERIO IOVINO E GAETANO RIVOLTA.LE TESTIMONIANZE DELLE VENDITRICI SIGNORE PARIS RONCATI SARANNO FONDAMENTALI,PER CAPIRE COME UN AFFARE IMMOBILIARE SFUMATO,SI PUO' TRASFORMARE IN UN GESTO IGNOBILE POICHE' VIENE MENO AI PRINCIPI FONDAMENTALI DELL'AMICIZIA,LA LEALTA',MA SOPRATUTTO SI INCENDIA A CAUSA DI QUEL VIZIO CAPITALE CHE TUTTI NOI OGGI CONOSCIAMO COME INVIDIA.

 

UNA SINTESI DELLA FAVOLA DI COLLODI TRATTA DAL PINOCCHIO. 

 Pinocchio le mostra loro incautamente e, con l'intenzione di rubargliele, lo convincono a sotterrarle nel paese dei Barbagianni, dove c'è un luogo chiamato Campo dei miracoli, dove secondo loro sarebbe cresciuto un albero colmo di zecchini d'oro. Durante il tragitto sostano all'osteria del Gambero Rosso per cenare e riposarsi; i due compari ordinano una grande cena a spese di Pinocchio, che non mangia nulla avendo preso «un'indigestione anticipata di monete d'oro». Mentre Pinocchio dorme qualche ora, il Gatto e la Volpe escono segretamente e si accordano con l'oste perché svegli a mezzanotte il burattino per riprendere il cammino verso il Campo dei miracoli. Quando Pinocchio si avvia nella notte oscura, incontra il Gatto e la Volpe che, travestiti da briganti, non riesce a riconoscere. Quindi cercano con la violenza di sottrargli le monete d'oro che il burattino aveva riposto in bocca, ma non riuscendo nel tentativo, impiccano Pinocchio ad una quercia per poter tornare l'indomani mattina a prelevare le monete dalla bocca spalancata del burattino; tuttavia Pinocchio viene salvato dall'intervento della Fata.

 


Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.