New York Hillary Clinton azzoppata dall'FBI di James Comey un omicidio politico come quello di Dallas

New York Corsera.it Matteo Corsini

Non c'e' dubbio che Hillary Clinton ha ragione.Con ogni probabilita' e' stata proprio l'FBI che ha fatto fuori la candidata democratica alla presidenza degli Stati Uniti d'America. Il killer piu' probabile e' stato James Comey, il capo dell'Fbi americana.Hillary Clinton e' stata colpita in testa dalla notizia, in piena campagna elettorale,dalla riapertura da parte dell'Fbi, delle indagini sulle emails inviate dal server personale.Come per l'assassinio di John Fitzgerald Kennedy,quella notizia si e' trasformata nei fotogrammi di un omicidio in diretta planetaria.Una notizia che ha confezionato in diretta tv, la disfatta personale e l'eliminazione politica di Hillary Clinton,perche' il dubbio di potenziali complotti orditi contro qualcuno e' la sola cosa che scuote fino in fondo la coscienza della classe media americana.

Hillary Clinton si e' piegata sulle ginocchia per ben due volte nel corso di questa campagna elettorale: la prima, quando accuso' i primi sintomi della bronchite,la seconda quando la notizia delle nuove indagini dell'FBI, la consegnavano irrimediabilmente ai libri della piu' oscura storia americana,come quelli dei giorni del Watergate,forse il piu' grande scandalo politico della recente storia americana.

 

Se la politica viene letta e sentita emozionalmente, tramite cio' che ci trasmettono i media,i fotogrammi di questo shock mediatico ci sono tutti e devo dire abilmente miscelati tra di loro.Il cocktail mortale che gli amici repubblicani hanno fatto bere a Hillary Clinton, ha finito per distruggere quella che a detta di tutti sarebbe diventata la prima donna Presidente degli Stati Uniti d'America.Quel sogno che si e' infranto improvvisamente sotto la scure del complotto istituzionale,nella ruvida morbosa idea che Hillary  fosse un personaggio corrotto,dedito al gioco del potere,oltre ogni limite umano.

Se dobbiamo rivisitare la campagna elettorale di Hillary Clinton non possiamo fare altro che rivedere le immagini dell'omicidio piu' famoso della storia quello del presidente americano John Fitzgerald Kennedy. 

Hillary Clinton e' stata assassinata sulle scena politica,forse da un clan molto piu' attrezzato di quello dei Clinton,un potere trasversale che in America mette insieme lobby banche i veri padroni della Terra.Donald Trump e' il burattino in mano ad un potere molto profondo viscerale che si muove in gran segreto negli USA.Il messaggio e' chiaro e con esso anche il complotto ordito alle spalle della vecchia signora Hillary Clinton.(Corsera.it)

Prima c’era stato ilfair-play ufficiale, gli auguri alpresidente-eletto Donald Trump, per il bene della nazione. Ma quando Hillary Clinton si è trovata in un consesso più intimo, parlando ai grandi donatori della sua campagna elettora ha vuotato il sacco: ha incolpato della sua sconfitta il direttore dell’Fbi James Comey, repubblicano. Quasi un golpe, insomma, da parte del capo del più importante corpo di polizia. Un uomo peraltro legato a Rudolph Giuliani e già viceministro di Giustizia nell’Amministrazione Bush.

Commenta questo articolo

Tutti i commenti