Roma Virginia Raggi er Batman e tanti soliti idioti.Beppe Grillo commissaria la giunta

CorSera.it  Politica quando il fattore cambia,ma tutto rimane uguale a prima,anzi peggio.

Virginia Raggi salva la faccia in extremis ,l'anatema del Movimento 5 stelle si abbatte soltanto sui suoi fedelissimi Frongia e Romeo,la praticante dello studio di Cesare Previti andrà avanti.Beppe Grillo ha deciso di salvare la giovane sindaca e di andare avanti ,si chiama realpolitik.Non c'era niente altro da fare,perchè spingere la sindaca alle dimissioni, avrebbe voluto dire crisi per l'intero Movimento 5 Stelle, che non può certo permettersi di perdere Roma proprio adesso, con le elezioni politiche alle porte.

D'altronde i fatti che si accavallano sono potenzialmente devastanti per un movimento politico che ha fatto dell'etica la sua bandiera di battaglia.Ma qui è culpa in vigilando,si tratta di idiozia politica,personale,diremmo demenziale.Non dobbimao dunque farci illusioni,sebbene il fattore sia cambiato,il Movimento 5 Stelle ha preso il potere a Roma,tutto è come prima,forse peggio di prima.Qualche anno fa si sarebbe potuto dire " ad ognuno il suo batman " ,oggi ripetiamo a noi stessi quel ritornello,come guardarsi in uno specchio che deforma ogni cosa,anche quei sani principi tanto sbandierati dagli avventurieri del Movimento 5 Stelle.Beppe Grillo deve essere davvero furioso con la Virginia Raggi e il Di Maio ,che senza dubbio sono responsabili di aver accettato di imbarcare personaggi notoriamente compromessi con le ammucchiate affaristiche della Capitale.Virginia Raggi diventa ad ora l'anello di congiunzione tra la vecchia e la nuova politica,dove gli interessi per la discarica degli amici potenti è l'ombra che si proietta dietro le spalle della sindaca e del Di Maio.Affari,politica,batman,tanti soliti idioti che si avvicendano sulla scena politica,non sapendo cosa altro fare,essendo dei falliti,giocano con le carte della democrazia per arricchirsi personalmente.Roma e' in pericolo,dobbiamo salvarla.Lo faremo.

 

CorSera.it 

 
Commenta questo articolo

Tutti i commenti