Venerdi' 09 Dicembre 2022
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • News Mondo
  • BAN KI-MOOM IMMIGRAZIONE CLANDESTINI.I CONFINI D'ITALIA VANNO DIFESI A QUALSIASI COSTO....

BAN KI-MOOM IMMIGRAZIONE CLANDESTINI.I CONFINI D'ITALIA VANNO DIFESI A QUALSIASI COSTO.

Roma 13 Maggio 2009 (Corsera.it) di Matteo Corsini

Mi hanno scritto quelli della Lega Nord ieri risentiti per il mio articolo su Roberto Maroni Eroe italiano,immaginavano fosse un articoletto ironico,ma non lo era.Sono sempre stato critico nei confronti della Lega Nord,sopratutto per le fasi di avvio della sua strategia politica su cui ancora incombe una nuvola nera,come le inchieste della Padania sul Berlusconi Mafioso ,che condussero stranamente all'accordo politico tra i due schieramenti.Ma questo non mi impedisce di riconoscere al Ministro Roberto Maroni arguzia e splendore politico quando si cimenta in questa delicata vicenda della sicurezza nazionale.Silvio Berlusconi è mio amico personale,ha adottato molte delle mie idee nei suoi programmi politici,e sebbene sempre...

....critico anche nei suoi confronti ,non dobbiamo dimenticare che il trattato con la LIbia è interamente farina della sua bisaccia.Silvio Berlusconi è un ochestrale perfetto a livello internazionale,perchè il suo spirito garibaldino e italianesco,gli permette di sfondare la cortina fumogena che inevitabilmente si addensa tra i leader politici internazionali.La sua gestualità politica è atipica e per questo apprezzata,alle volte riesce a levigare gli attriti delle personalità tra i Capi di Stato,che non dimentichiamoci sono sempre persone umane,sempre rinculate dalla necessità del  consenso popolare.Silvio Berlusconi ha da la sua dei numeri enormi,possiede una macchina elettorale infernale,le sue televisioni macinano fidelizzazioni con milioni di italiani,sono come le ruote di quel carro che arriva nei paesi della campagna carico di cose da mangiare e sopratutto di speranze.L'Italia intera è attaccata a questo carro dell'illusione,anche quando l'opposizione attacca,lo fa controcorrente,decapitando i principi liberali della sua cultura,quelli appunto legati alla fantasia,al coraggio delle idee,che appartengono al suo dna e che al contrario incredibilmente vengono negate da interpreti politici ,oserei dire imbecilli.Silvio Berlusconi anche in questa vicenda della difesa dei confini nazionali ha saputo interpretare il desiderio degli italiani,ha capito che i confini nazionali aldilà dell'omogeneità europea,devono essere salvaguardati sempre,almeno fino a quando i francesi e i tedeschi non capiranno che non sono loro il centro del mondo,ma è ancora Roma,ancora una volta la patria dello sviluppo,il caso Fiat docet.Cosa dire o cosa rimproverare a Roberto Maroni e Silvio Berlusconi che ostinatamente difendono i nostri confini anche dalle polemiche e gli attacchi di uno come Thomas Hammerberg che cerca solo cavoli a merenda?

L'Italia in primo luogo,di come poi il nostro paese sia giunto in questa splendida forma governativa,sappiamo tutti che i contorni sono oscuri,ma la storia si legge in diverse misure e secondo angolazioni brutali,non tutto ciò che teoricamente è giusto si rivela ottimale per la crescita di un paese.


Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.