Lunedi' 10 Agosto 2020
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • Cronaca
  • CORSERA CORONAVIRUS SUPERMERCATI INADEGUATE LE MISURE IGIENICO SANITARIE. IMPIEGATI EROI DELL'ESERCITO ITALIANO ALLO SBARAGLIO SUL...

CORSERA CORONAVIRUS SUPERMERCATI INADEGUATE LE MISURE IGIENICO SANITARIE. IMPIEGATI EROI DELL'ESERCITO ITALIANO ALLO SBARAGLIO SUL FRONTE DI GUERRA

Roma 13 marzo 2020 CorSera.it by Matteo Corsini ( redazione mobile 335291766 )

Tutti gli eroi dell'Esercito Italiano in prima linea sul fronte di guerra.Il droplet sui generi alimentari sebbene confezionati sta facendo dilagare il CORONAVIRUS fin dentro le case degli italiani, se il Governo Italiano non assumerà immediate contromisure, tutto le restrizioni fino adesso adottate saranno vanificate in pochi giorni. Anzi ancora peggio, perchè il COVID -19 depositatosi sopra le confezioni dei generi alimentari, per effetto del droplet,  potrebbe infettare gli interi ambienti famigliari, i frigoriferi,  raggiungere i nostri figli sopra una merendina della Ferrero, intrise di goccioline di saliva. Ai cittadini deve essere imposto di non parlare all'interno dei supermercati, vietato l'uso del telefonino. Molti cittadini prendono le confezioni dai banchi dei supermercati parlando al telefono, senza capire che qualora fossero stati contagiati anche se asintomatici,  l'effetto droplet infetterà tutto ciò che hanno intorno a loro. Nei supermercati si deve fare la spesa senza parlare e meno che mai infilarcisi dentro senza guanti, mascherine e usando il cellulare. Incredibile che nessuno stia controllando tutto questo !!!

Coronavirus la pandemia si estende seguendo tutti i pertugi dove sfruttare la sua devastante ferocia letale. Gli impiegati dei supermercati sono trattati da ausiliari, lasciati allo sbando, eppure a pieno titolo fanno parte dell'Esercito Italiano in prima linea, che in queste ore sta  fronteggiando con ogni mezzo la guerra epidemiologica al CORONAVIRUS. Anche loro sono eroi italiani, sottopagati,senza alcuna tutela assicurativa, integrazione dello stipendio . Questi giovani meritano tutta la nostra stima, sono in prima linea, in trincea come i medici e gli ospedalieri, garantiscono a tutto il popolo italiano l'approvvigionamento, dalle retrovie al fronte di guerra, dei fondamentali  generi alimentari come pane e latte.Senza il loro sacrificio e contributo, il popolo italano morirebbe di fame. Non saprebbe dove andarsi a rifornire.  Il Governo Italiano deve intervenire a loro tutela, con indennizzi economici (almeno 5000 euro a settimana) assistenza sanitaria con operatori specializzati, piantoni dell'esercito o della polizia davanti ai negozi, con la funzione delicatissima di regolare l'afflusso e garantire l'incolumità dei cittadini in fila per i rifornimenti.

(In fotografia due giovani soldati dell'Esercito Italiano due eroi italiani. Impiegati in prima linea del PAM LOCAL in Via Antonio Mordini a Roma) . 

Ormai ogni giorno è un bollettino di guerra con centinaia di morti in tutta Italia. Il COIVD-19 non accenna a diminuire, eppure in Italia i supermercati di media superficie sono aperti e a tutte le ore accolgono i cittadini che si riforniscono dei beni di prima necessità. Le misure igienico sanitarie sono insufficienti per impedire che il virus possa trasmettersi tramite le confezioni alimentari o i generi alimentari. Ad esempio dovrebbe essere vietato parlare nel corso dell'approvvigionamento, i clienti entrano senza mascherine e parlano al cellulare, infettando tutte le confezioni di generi alimentari così come i contenitori del pane, i frigoriferi dello yogurt e del latte. Alle casse non vengono adottate misure di mrpevenzione igienica disinfettante, ad ogni carrellata si doverebbero disinfettare gli scivoli alle casse. Gli impiegati sono quasi sempre lavoratori giovani, molti dei quali con contratti di lavoro precari, si sono ritrovati in trincea a garantire un servizio primario, equivalente a quello sanitario degli ospedali, senza avere le attrezzature, mascherine guanti, e sopratutto sottoposti anche all'impegno di  regolare l'accesso nei negozi, alle volte,opporsi ad avventori male intenzionati, ubriachi, violenti che tentato di irrompere nei negozi anche miniacciando violenza. Questo quanto accaduto ieri pomeriggio davanti ad un PAM LOCAL intorno alle ore 15.00. Uno dei funzionari, un eroe del gruppo PAM LOCAL, si è trovato a fronteggiare due urbiachi che volevano entrare per acquistare delle birre. Il ragazzo era armato di un rotolone di cartone con il quale ha cercato di difendersi. Il ministero dell'interno dovrebbe garantire i presidi di polizia difronte ai negozi di generi alimentari ed operatori sanitari doverebbero presenziare alle operazioni di rifornimento, inoltre il governo dovrebbe diramare un decreto con il quale regolamentare le entrate dei cittadini , non più di due volte a settimana per impedire che la gente continui ad accedere in luoghi dove il virus potrebbe annidarsi ed essere ancora trasmissibile in via esponenziale . L'Italia è in guerra, eppure ancora adesso le misure adottate dal governo appaiono insufficienti "culpa in vigilando" , in assenza di controlli e di operatori sanitari all'interno delle aree di vendita. Tabaccai, non comprendo come mai in emergenza sanitaria polmonare , non si siano chiuse le tabaccherie, spingendo i cittadini ad interrompere il fumo da sigarette che peggiora lo stato di salute favorendo le complicazioni in caso di contagio con il CORONAVIRUS . Il Governo Italiano deve adottare misure straordinarie e regolamentari dei flussi dei cittadini all'interno dei supermercati o la pandemia non esaurirà il suo percorso, anzi prenderà nuove strade per entrare nelle case degli italiani, contaminando dall'interno del sistema adottato in seguito alla applicazione delle norme restrittive per diminuire il contagio. Troppi controlli in strada, nessuno n ei supermercati , lasciati  irresponsabilmente gestiti da impiegati allo sbaraglio, che non percepiscono alcun indennizzo dallo Stato, sopratutto non pare siano adottate misure a tutela della loro medesima salute. Incredibile. (CorSera.it copyright ) 


Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.