Martedi' 19 Ottobre 2021
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • Editoria
  • CORSERA CORONAVIRUS ARMAGEDDON LA SFIDA DELL' HOMO SAPIENS NEL FUTURO. LA QUARANTENA HA UN SENSO ?...

CORSERA CORONAVIRUS ARMAGEDDON LA SFIDA DELL' HOMO SAPIENS NEL FUTURO. LA QUARANTENA HA UN SENSO ?

Milano 18 marzo 2020 CorSera.it by Alan Parker inviato dal prossimo futuro 

Il pianeta è invaso da un nemico micidiale, un coronavirus, denominato Covid-19. Siamo all'Armageddon, al giudizio finale, ad una di quelle sfide per la sopravvivenza, cui la civiltà umana sarà sempre chiamata a cimentarsi, se vorrà sopravvivere a se stessa. Per rispondere a questa velenosa aggressione, i Governi di tutto il mondo, hanno deciso di infliggere ai propri cittadini il supplizio della quarantena, costringere popoli liberi e civilizzati a vivere dentro palazzi e grattacieli, come fossero alveari umani, carceri da cui non si può fuggire. Siamo costretti tutti dentro case, le cui dimensioni ogni giorno diminuiscono, nessuno può evadere o uscire, se non rispettando rigidi protocolli. La democrazia è finita, l'Europa, il suo concetto di libertà di condivisione di popoli e confini territoriali, è interrotto, forse per sempre. Ci domandiamo adesso, se per proteggere l'evoluzione dell'umanità, gli stati democratici possono spingere i cittadini a sacrificare ogni principio di libertà. Ci domandiamo se un uomo solo al comando, o una ristretta cerchia di ministri,  abbiamo il potere giuridico di costringere 60 milioni di Italiani nelle loro mura domestiche,senza che quel decreto sia stato ratificato dal Parlamento. Siamo in trappola, braccati dal coronavirus, e da quei principi, regolamenti, decreti, che vengono sfruttati per alimentare lo status quo di un potere dominante. Mi domando, e dobbiamo domandarci,  se la " quarantena " imposta a tutti noi, sia una risposta logica ed efficace, e se al contrario, sarebbe stato sufficiente imporre regole diverse, come ad esempio standar protettivi più avanzati tecnologicamente,  tute stagne antivirus, occhiali aderenti  e mascherine con filtro, come l'attrezzatura che vediamo vestire da medici e infermieri prima di entrare nei presidi sanitari. Forse la civiltà, noi cittadini, malgrado la grande emergenza, avremmo potuto continuare a mantenere un minimo di libertà nei movimenti e sopratutto condivisione delle relazioni umane.  Quello che ci è apparso dinnanzi all'improvviso, come un castigo divino, è un Armageddon feroce, ma non il peggiore che l'umanità nel corso della sua storia ha dovuto fronteggiare. Nel corso dei secoli, ci sono state pestilenze con migliaia di vittime, guerre senza confini, che hanno provocato la morte di milioni di soldati e di civili.  L'umanità ha vissuto pagine strazianti, c'e' stato il nazismo, con oltre 6 milioni di morti per l'olocausto e i campi di sterminio russi, i famigerati gulag siberiani.

Nel corso del tempo, la civiltà umana ha visto disperdersi milioni di esseri umani vaporizzati anche sotto i bombardamenti atomici di Hiroshima e Nagasaky. Quando nel corso delle guerre sono stati utilizzati gas micidiali, come il nervino o il napalm in Vietnam,  i giovani soldati sono stati costretti a lanciarsi all'assalto del nemico baionetta in  pugno e gli indigeni vietnamiti a gettarsi dentro le buche nel terreno per scampare alle fiamme dell'Inferno.  Molti di loro sono morti, ma la civiltà non ha perso la  battaglia finale della sopravvivenza.Il coronavirus nell'anno 2020, sta provocando migliaia di morti, come la peggiore delle pestilenze e il più spaventoso dei bombardamenti,  ma il suo principale effetto, sarà quello di indebolire le economie mondiali, creando migliaia di disoccupati, divorando i risparmi e distruggendo l'equilibrio sociale, faticosamente guadagnato da generazioni e generazioni di persone. Mi domando se vale la pena per i popoli occidentali, rischiare di perdere tutto, o quasi tutto, per non affrontare questa pandemia con altre misure di sicurezza, prescrivendo standard protettivi più audaci, che possano consentire alle persone di continuare a vivere,lavorare, incontrarsi senza per questo contagiarsi. La civiltà, nel corso del prossimo futuro, dovrà prepararsi a venire a capo di sfide sempre più improbabili e difficili, in condizioni atmosferiche disumane, forse con uno stimato aumento delle temprature senza precedenti, che ridurrano la Terra in vaste distese di sabbia spazzate via al vento,già ben rappresentato come scenario nel film hollywoodiano Codice Genesi. La civiltà vive su un pianeta destinato a spegnersi, e noi uomini Sapiens, dovremo essere pronti a lasciare alle nostre spalle, ciò che fino adesso consideriamo sia un paradiso terrestre, la grande madre Terra. Ma come vediamo, le nostre sicurezze si sono spente nel breve volgere di pochi giorni.Ci simao dovuti ricredere : la Terra è soltanto un luogo fisico nel quale viviamo, uno come tanti altri nell'universo, nella ragnatela cosmica, non è niente di più, se non un trampolino di lancio verso altre mete, altri luoghi in cui la civiltà nidificherà per altri milioni di anni. Gli Armageddon, sono disastri che si abbattono contro l'umanità ad onde sussultorie, fanno parte dell'esistenza della civiltà umana. In questo momento ne stiamo fronteggiando uno, molto violento, temibile, ma niente di più che un virus mortale. Eppure Covid-19 ci ha messo paura, ci ha costretto a fermarci, perchè la civiltà dell' Homo Sapiens, non è ancora in grado di accettare condizioni esistenziali diverse da quelle naturali e forse ancora oggi quasi preistoriche, se intendiamo la vita in un paradigma di miliardi di anni. Ma se ci guardiamo bene allo specchio, vedremo che l'essere umano non esiste più, siamo ormai degli alieni, e dobbiamo imparare a vivere come extraterrestri se vogliamo prioritariamente sopravvivere e secondariamente conquistare l'universo, senza aspettare che il nostro pianeta, la Terra, si spenga inghiottendoci tutti per sempre, così come il Covid-19 sta cercando di fare adesso. 
 

(CorSera.it 2020 Copyright) 


Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.