Martedi' 19 Ottobre 2021
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • diritto amministrativo
  • CORSERA CORONAVIRUS #IORESTOACASA – GIUSTIZIA - SOSPENSIONE DEI TERMINI E DIFFERIMENTO DELLE UDIENZE- ...

CORSERA CORONAVIRUS #IORESTOACASA – GIUSTIZIA - SOSPENSIONE DEI TERMINI E DIFFERIMENTO DELLE UDIENZE-

Roma 18 marzo 2020 edit by UFFICIO LEGALE CORSERA.IT COPYRIGHT 2020 ( REDAZIONE MOBILE 335291766 INFO DECRETO CURA ITALIA) 

 #IORESTOACASA – GIUSTIZIA - SOSPENSIONE DEI TERMINI E DIFFERIMENTO DELLE UDIENZE- PROROGHE E CHIARIMENTI INTERPRETATIVI NEL D.L. 17.3.2020, N. 18 (C.D. “DECRETO CURA ITALIA”) 

Il c.d. Decreto “CURA ITALIA” pubblicato in Gazzetta Ufficiale  in data 17.3.2020 (anno 161° - Numero 70) dispone agli art. 83 e ss. una serie di interventi urgenti per contrastare l’emergenza epidemiologica da COVID-19 e contenente gli effetti in materia di giustizia civile, penale, tributaria e militare.

Con il precedente D.L. 8.3.2020, n. 11 era stato previsto un differimento urgente delle udienze e una sospensione dei termini dei procedimenti civili, penali, tributari e militari sino al 22.3.2020.

L’art. 83 del D.L. “CURA ITALIA” considerato il “rapidissimo mutamento del quadro epidemiologico” in atto nel Paese ha prorogato il termine fissato in precedenza differendolo al 15 aprile 2020.

 

Pertanto, ai sensi dell’art. 83, c. 1, del D.L. “CURA ITALIA” tutte le udienze, civili e penali, fissate nel periodo intercorrente dal 9 marzo 2020 al 15 aprile 2020 dovranno essere rinviate d’ufficio a data successiva al 15 aprile 2020.

Inoltre, l’art. 83 effettua una importante precisazione infatti oltre a prorogare al 15 aprile 2020 il rinvio delle udienze, al comma 2 sostituisce il riferimento ai “procedimenti indicati al comma 1” dell’art. 1 del D.L. n. 11/2020 con il periodo ”procedimenti civili e penali”. Si chiarisce in questo modo il dubbio interpretativo che si era creato attorno alla locuzione contenuta nel D.L. n. 11/2020. L’art. 83 statuisce infatti inequivocabilmente che la sospensione ivi prevista, fatte salve le eccezioni previste, si riferisce a tutti i procedimenti civili e penali e non solo ai procedimenti in cui sia stato disposto un rinvio di udienza.

Inoltre, sempre al comma 2 dell’art. 83, si risolvono i problemi interpretativi sorti in merito al calcolo dei termini c.d. “a ritroso” richiamandosi di fatto al meccanismo di calcolo già delineato all’art. 164 c.p.c., tenendo tuttavia conto del fatto che non tutti i termini a ritroso sono collegati allo svolgimento di una udienza.

L’art. 83, c. 2 del D.L. “CURA ITALIA” così dispone: “Dal 9 marzo 2020 al 15 aprile 2020 è sospeso il decorso dei termini per il compimento di qualsiasi atto dei procedimenti civili e penali. Si intendono pertanto sospesi, per la stessa durata, i termini stabiliti per la fase delle indagini preliminari, per l’adozione di provvedimenti giudiziari e per il deposito della motivazione, per la proposizione degli atti introduttivi del giudizio e dei procedimenti esecutivi, per le impugnazioni e, in genere, tutti i termini procedurali. Ove il decorso del termine abbia inizio durante il periodo di sospensione l’inizio stesso è differito alla fine di detto periodo. Quando il termine è computato a ritroso e ricade in tutto o in parte nel periodo di sospensione, è differita l’udienza o l’attività da cui decorre il termine in modo da consentirne il rispetto. Si intendono altresì sospesi, per la stessa durata indicata nel primo periodo, i termini per la notifica del ricorso in primo grado innanzi alle Commissioni tributarie e il termine di cui all’articolo 17-bis, comma 2 del decreto legislativo 31 dicembre 1992, n. 546”.

The Street Lawyer

 

 

      

 


Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.