Mercoledi' 20 Ottobre 2021
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • Salute
  • CORSERA CORONAVIRUS LOMBARDIA E' GENOCIDIO, NECESSARIO COPRIFUOCO PER LA POPOLAZIONE...

CORSERA CORONAVIRUS LOMBARDIA E' GENOCIDIO, NECESSARIO COPRIFUOCO PER LA POPOLAZIONE

MILANO 19 MARZO 2020 CORSERA.IT by ALAN PARKER corrispondente dalle zone contagiate dal coronavirus

Pandemia, il bollettino della Protezione civile italiana non da tregua a nessuno, i casi sono ormai oltre 45 mila, e i morti 425 , che sommati soltanto a quelli di ieri porta il numero a 900. Il Covid-19 sta mietendo vittime in ogni angolo della bassa Lombardia e senza arrestarsi, nel corso delle ultime settimane, avrà forse contagiato oltre 100 mila persone e ormai si teme il peggio. Il cimitero di Bergamo è pieno, i camion dell'Esercito italiano entrano in città per trasferire le salme, corpi infetti che devono essere manipolati con cura per non sviluppare accidentalmente ancora altri cluster infettivi.

 

Tutti si domandano cosa sia accaduto in Italia e come mai questo maledetto coronavirus non si è ancora fermato nella sua implacabile corsa mortale. La gente sta per strada , ci sono runners, gli avventori senza mascherina nei supermercati, ma sopratutto non esiste alcun protocollo per imporre l'obbligo dei dispositivi di sicurezza personali emanato dal nostro Governo. Il motivo è semplice, mancano le mascherine ad alta protezione, così come gli occhiali protettivi. Responsabile di questa debacle è il Ministro della Salute Roberto Speranza, nessun accertamento sui dispositivi anticontagio presenti in Italia nei giorni in cui la Cina dava il via al cordone sanitario più esteso del mondo in tempo di pace. 

Nessuno ha avuto la lungimiranza di accertarsi se in Italia fossero presenti i dispositivi per la sicurezza personale, non ci sono mascherine da distribuire alla popolazione, così come mancano i respiratori. Non c'e' niente e la Lombardia è in uno stato avanzato di pandemia inarrestabile. Erdogan, un folle, ha bloccato 200 mila mascherine alla frontiera. Questa è demagogia, follia, genocidio.Il team dei medici cinesi oggi è stato molto chiaro, troppa gente per strada, troppe persone che si assembrano , ma sopratutto non ci sono mascherine, la gente continua a muoversi senza capire che il contagio è letale. Sono morti che camminano, persone irresponsabili, che si sono ritrovate nel bel mezzo di una bufera virale, senza adeguate ed efficienti protezioni. Non dobbiamo fare polemica, ma è ormai evidente che la responsabilità del ministro Speranza sono immense, accertare la presenza dei dispositivi di sicurezza personale era e sarebbe dovuto essere, un imperativo logico strategico di chi è al comando del ministero della Salute.  Roberto Speranza un ragazzino tremebondo, che non sa cosa fa e quello che dice. Deve dimettersi, qui siamo difronte alla negligenza operativa amministrativa di un organo competente per materia . Dopo Wuhan era necessario mettere in piedi una macchina utile a individuare le mascherine e farle arrivare in Italia nell'immediatezza della quarantena cinese. Siamo dentro un pandemonio inarrestabile, le vittime italiane sono già superiori a quelle cinese, e ancora siamo lontani dal picco dei contagi. Mi domando e ci domandiamo tutti cosa dovremo fare? Quanti giorni o settimane ancora saremo costretti a rinunciare alla libertà, al lavoro alle relazioni sociali, per via della irresponsabilità di tanti cittadini e della penuria dei dispositivi di sicurezza personali?

CorSera.it Copyright 2020  


Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.