Lunedi' 28 Settembre 2020
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • Covid-19
  • CORSERA CORONAVIRUS GENOCIDIO SUPERMERCATO MUORE CASSIERA 48 ANNI BRESCIA ...

CORSERA CORONAVIRUS GENOCIDIO SUPERMERCATO MUORE CASSIERA 48 ANNI BRESCIA

BRESCIA 20 MARZO 2020 CORSERA.IT by dr.Matteo Corsini Editore ( redazione mobile 335291766 )

Nella fotografie due giovani cassieri di un Palm Local Roma a cui forse ho salvato la vita .Cornavirus in Italia è una strage, la gente muore come in guerra ad ogni angolo della strada. Corsera.it da giorni stava dando seguito ad inchieste sul contagio del Covid-19 nei supermercati, che abbiamo definito e denunciato come i prossimi focolai dell'epidemia. Non ci siamo sbagliati, neanche questa volta. Da giorni denunciavamo che non vi fossero controlli della Polizia Municipale a Roma, che i clienti entravano privi delle mascherine o dei guanti.

Da giorni il Corsera.it denunciava che gli operatori alle casse e gli impiegati erano da considerare come ausiliari dell'Esercito Italiano, dei veri e propri eroi mandati allo sbando in prima linea, sul fronte di guerra .Ma pochi ci hanno dato retta. Adesso a Brescia è morta una cassiera di un supermercato, facendo esplodere a livello mediatico, il caso dei focolai di epidemia nei negozi di medie superficie all'interno delle città'. Sembrava una banalità capirlo e prevederlo, ma non è stato così neanche in questo caso. Supermercati centinaia di persone, cienti senza mascherine e senza guanti, focolai della pandemia. Era elementare noi lo scrivevamo da settimane. I sindaci sono responsabili del genocidio adesso. 

Se non si correrà ai ripari, l'intera popolazione italiana sta continundo ad infettarsi, la gente ancora non ha capito che non può entrare nei negozi di generi alimentari senza indossare le mascherine protettive, i guanti e semmai gli occhiali protettivi. I clienti che entrano privi dei dispositivi di sicurezza devono essere allontanati ed impedirgli di entrare ad ogni costo. I negozi di alimentari sono i più pericolosi focolai, quelli a conduzione familiare, in cui il pizzicagnolo , una volta tagliato il prosciutto si reca alla cassa e prende soldi contanti. Si deve abolire il pagamento dei generi alimentari con la moneta ad usco esclusivo della moneta elettronica. Siamo in un momento drammatico dell'epidemia e io continuo a vedere ancora demagogia e retorica nella Sindaca Virginia Raggi, che nel week end intende far proliferare il contagio del Covid-19 mandando in giro pattuglie della polizia Municipale prive delle mascherine protettive. Dobbiamo fermare il propagarsi del coronavirus, ma per farlo c'è necessità dei dispositivi di protezione personali , quelli che usano infermieri e chirurghi nei presidi medici

 

CorSera.it Copyright 2020  


Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.