Domenica 09 Agosto 2020
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • Covid-19
  • CORSERA CORONAVIRUS IO NON ME LA BEVO. COVID-19 ARMA BATTERIOLOGICA CINESE, COME ISOTOPO POLONIO-210 PER I RUSSI ...

CORSERA CORONAVIRUS IO NON ME LA BEVO. COVID-19 ARMA BATTERIOLOGICA CINESE, COME ISOTOPO POLONIO-210 PER I RUSSI

LOS ANGELES 31 MARZO 2020 CORSERA.IT BY ALAN PARKER corrispondente dai confini del mondo conosciuto

CorSera.it Copyright 2020

Io non me la bevo.Malgrado possa apaprire fantascienza, l'umanità è al centro di una guerra , la terza o la quarta. Le pandemie appartengono al passato, o almeno credevamo fosse così, ha giustamente detto oggi Silvio Berlusconi in un'intervista. Ma quella che stiamo vivendo non è soltano una pandemia infettiva, ma qualcosa estremamente più micidiale. Una nuova arma, capace di offendere e propagarsi nel pianeta con la velocità del vento, centomila volte più potente di ogni arsenale nucleare disponibile, capace di sterminare la civiltà dell'Homo Sapiens in un lampo e raggiungere ogni essere umano, anche il più raccapricciante, nella più impervia e profonda maleodorante grotta, in cui intedesse nascondersi.  Noi siamo dentro la più grande guerra batteriologica a cui l'essere umano abbia mai assistito. Io intendo raccontarvi la storia. Non andate via.

C'e' qualcosa che mi sfugge, che va oltre la comprensione umana, certamente siamo al centro di una aggressione virologica, la cui capacità di espansione è migliaia di volte superiore per intensità, agli effetti delle più moderne bombe atomiche stipate negli arsenali nucleari. La pandemia scaturita dal Covid-19 porta una firma chiarissima, quella cinese. L'origine sta nella  contrapposizione tra blocchi , poteri economici, qualcuno la definisce egemonia sul pianeta Terra, tra USA, Russia e Cina appunto.Gli USA di Donald Trump, i dazi, la guerra del petrolio tra Russia e Arabia Saudita. Al centro, la popolazione umana, ignara del suo destino.

Il conflitto si è originato, silenzioso, lasciato andare, serpeggiare, insinuarsi, nel tessuto delle civiltà moderne. Il suo intento, distruggerle, disseminare paura, panico, poi morte e infine, far saltare le economie, fino a riportare l'Homo Sapiens, indietro nel tempo, alla sua preistoria , alle barbarie dei conflitti interraziali, tribali, costituito da bande criminali. Zombie, la fine della civiltà.  

Il coronavirus, nella sua forma più feroce denominata Covid-19 , ha colpito prima l'Europa, facendola inginocchiare, e adesso, come miliardi di missili terra aria, ha colpito la più grande economica del pianeta, quella americana.New York è disseminata di Zombie dalla pelle blu, cianotici, che cercano aria. Le vittime accertate sono ormai maggiori di quelle dell'11 settembre 2011. C'e' qualcosa che non mi torna, che sfugge alla comprensione umana, alla logica deduttica. L' Europa ha abbandonato da decine di anni la guerra di trincea, i gas nervini, e adesso , nel giro di qualche giorno, è precipitata all'interno di un flash back da prima guerra mondiale. Un nemico invisibile, stra facendo strage degli europei, come fosse la peggiore delle guerre possibili. Migliaia di morti, intere colonne di camion militari  evacuano Bergamo,Brescia, Crema, da bare, salme, uomini e donne morti senza neanche reandersene sapere perchè. L'attacco sferrato alla Terra, all' intero sistema economico, ha radici più profonde, ragioni diverse dalla semplice pandemia virale. C'e' qualcosa nel fondo, nell'impercettibile, che non affiora nella sua angosciante pericolosità. L'umanità intera è chiamata a fronteggiare questo cataclisma, ma sulla scacchiera del potere mondiale, siamo tutti comparse, più o meno ignare, di un gigantesco braccio di ferro tra forze occulte, ordini statuali costituiti da dittature economiche, su cui si basano i grandi flussi di denaro. Cade il petrolio, ma nel giro di qualche settimana, le più grandi compagnie digitali del pianeta, da Amazon a Goggle a Facebook, potrebbero accartocciarsi su se stesse, in mancanza del liquido vitale, i soldi della pubblicità. Il combustibile sono e rimangono sempre le aziende, quelle che operano nella economia reale. Se il tessuto industriale si dovesse fermare, smettere di produrre, i giganti del web, morirebbero per asfissia, non alimentate da alcuna specie umana esistente e sopravvissuta.  Nello scenario apocalittico della quarta guerra mondiale, rimarrebbe soltanto la rete, con cui collegarsi, da un luogo all'altro del pianeta, senza che nessuno abbia la possibilità di conoscere il luogo esatto dell'esistenza dell'altro. L'origine della pandemia, nasconde una logica razionale, programamta, costruita in laboratorio, e lasciata andare, propagarsi per realizzare il suo scopo, dare prova di poter sterminare la civiltà umana, scovarla in ogni angolo sperduto della Terra, senza che nessuno sia in grado di fronteggiarla, perchè ad oggi non esiste un vaccino. Ma qualcuno forse lo conosce, il vaccino esiste, al sicuro tra le mani di chi ha voluto impressionare il mondo intero della sua potenza, così come i russi, utilizzarono il Polonio -210, per uccidere una spia di nessuna importanza, Aleksandr Litvinenko, prima agente del KGB in epoca sovietica, poi del nuovo servizio segreto russo, l'FSB,morì da cittadino inglese nel 2007, ucciso dai suoi ex compagni, con un paio dei quali prese un té di troppo in un sushi bar londinese. Fu assassinato, secondo tutti i commentatori, su mandato d'un vecchio collega, suo pari grado nell'esercito cekista: Vladimir Putin, all'epoca presidente della Federazione russa.

Anche questa volta il messaggio è chiarissimo, evidente a tutto il pianeta. Il Covid-19 non è soltanto un coronavirus impazzito, trasformatosi in breve tempo in pandemia globale,  ma un altro altrettanto terribile messaggio per l'umanità, di cui cononsciamo benissimo l'origine e il suo mandante. 

CorSera.it Copyright

 

 


Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.