CORSERA CORONAVIRUS MILANO IL GRANDE CIMITERO DELLE NONNE E DEI NONNI, CHE QUALCUNO TROPPO SPESSO DIMENTICA

MILANO 18 APRILE 2020 CORSERA.IT

La pandemia Covid-19 ha sollevato il lenzuolo sulla vita sconosciuta dei nonni d'Italia. I nostri genitori abbandonati a se stessi, nel momento più difficile della loro vita. Simo stati allevati da loro e spesso non restituiamo ciò che abbiamo ricevuto. Le loro esigenze non ci interessano, n on sono nostre, interrompono la corsa al lavoro, alla carriera, nella dinamica famigliare. Ho sempre visto spesso vecchi abbandonati in Italia, soltanto quelli ricchi sono pieni di attenzioni. 

Sale di altre 575 vittime il bilancio dei morti in Italia per conseguenze derivate dal coronavirus. Ieri il dato era di 525. È quanto ha diramato il capo del dipartimento della Protezione civile Angelo Borrelli in conferenza stampa nel consueto bollettino delle 18 di venerdì 17 aprile.

I casì in più in un giorno sono 3.493 in più (ieri erano 3.786) registrando di fatto una lieve flessione. Un dato però sempre condizionato dall'aumento dei tamponi dei giorni scorsi (ricordiamo che i risultati dei test arrivano a distanza di un paio di giorni). Anche oggi record: 65.705 tamponi in un giorno.

Leggi anche > Borrelli, addio al bollettino quotidiano in tv: solo dati giornalieri e due conferenze a settimana

Importante invece il dato dei ricoveri: sono ben 1.107 in meno i ricoverati con sintomi e 124 in meno in terapia intensiva. Si conferma quindi il trend discendente della pressione sulle strutture ospedaliere. «Il 3 aprile avevamo in terapia intensiva 4063 pazienti, oggi poco più di 2800: dà l'idea di quanto è stata alleggerita la pressione» su questi reparti, che possono ora assistere meglio anche i malati non Covid 19. Ha spiegato il professor Franco Locatelli analizzando i dati.

Commenta questo articolo

Tutti i commenti