Mercoledi' 08 Luglio 2020
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • Università
  • CORSERA UNIVERSITA' TELEMATICHE GUANO SULLE FORZE ARMATE. ESAMI, NECESSARIO CERTIFICATO DI GARANZIA ANTIFRODE...

CORSERA UNIVERSITA' TELEMATICHE GUANO SULLE FORZE ARMATE. ESAMI, NECESSARIO CERTIFICATO DI GARANZIA ANTIFRODE

Roma 23 maggio 2020 CorSera.it

Le università telematiche hanno generato nel corso degli ultimi dieci anni, circa 300 mila laureati tra le forze armate italiane, guardia di finanza, agenti di polizia, penitenziari, Carabinieri. Eppure basterebbe poco per controllare la qualità degli esami, introducendo l'obbligatorietà del Certificato di Garanzia Antifrode. Gli esami universitari, quando si svolgono in remoto, andrebbero registrati e verificati a campione, i furbetti della laurea facile, si dileguerebbero in massa.  

 Molti dei quali sono in esercizio come funzionari di Polizia Giudiziaria, quelli che predispongono le informative investigative ai PM, dunque uno dei gangli vitali della giustiazia italiana. Diventa facile immaginare, che se i funzionari di PG, non hanno studiato il diritto, non ne deducono la logica, si rischia che la macchina della giustizia produca casi di mala giustizia, dove finiscono dentro cittadini innocenti, che magari non hanno la possibilità di far valere le proprie ragioni.Le inchieste del CorSera.it hanno già messo in evidenza il livello di inquinamento della Procura della Repubblica di Roma,una vera e propria macchina del fango che in qualsiasi momento si può abbattere sui cittadini onesti. (CorSera.it)  

Dopo oltre due anni di accertamenti è stata chiusa dalla procura di Firenze l’indagine sui presunti “esami facili” alla facoltà di Scienze politiche e relazioni internazionali all’ateneo privato Link Campus University di Roma, ente presieduto dall’ex ministro Vincenzo Scotti. I pm toscani hanno iscritto nel registro degli indagati 71 persone che rispondo, a vario titolo, di falsità materiale e ideologica riguardo numerosi episodi di verbali di esame alterati e di associazione a delinquere. Tra gli indagati c’è lo stesso presidente della scuola, che rilasciava lauree riconosciute dallo Stato, ma anche vertici amministrativi dell’ente, docenti, ricercatori, dipendenti e molti studenti.

Scotti è indagato per associazione a delinquere in concorso finalizzata ai falsi esami e ritenuto dai pm “promotore, costitutore e organizzatore dell’associazione” insieme, tra gli altri, a Pasquale Russo direttore generale della Link, Claudio Roveda membro del consiglio di amministrazione e rettore, Pierluigi Matera componente del Senato accademico, Maurizio Claudio Zandri coordinatore del corso di laurea, oltre a docenti, ricercatori, amministrativi.

Po


Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.