Martedi' 11 Agosto 2020
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • News Mondo
  • CORSERA RECOVERY FUND ACCORDO FATTO TRA MARK RUTTE E GIUSEPPE CONTE. 400 MILIARDI A FONDO PERDUTO E GOVERNANCE ALL'OLANDA ...

CORSERA RECOVERY FUND ACCORDO FATTO TRA MARK RUTTE E GIUSEPPE CONTE. 400 MILIARDI A FONDO PERDUTO E GOVERNANCE ALL'OLANDA

BRUXELLES 20 LUGLIO 2020 CORSERA.IT

Ultimo aggiornamento ore 01.40.

Accordo fatto tra Giuseppe Conte e Mark Rutte. Di pochi minuti la notizia uscita dalla riunione riservatissima tra i leader dei frugali e i paesi del sud.Saranno 400 miliardi a fondo perduto e la governance anche tra le mani dell'Olanda, ma sarà una triade a ficcare los guardo nei conti italiani. Una triade di garanzia che va benone a Giuseppe Conte e all'Italia.

Nulla di fatto tra Olanda e Italia, tra i paesi frugali e quelli del sud. Il braccio di ferro si estende nel pieno della notte, mentre le due volpi Mark Rutte e Giuseppe Conte, decidono come spartirsi il bottino del negoziato. Mark Rutte incamera il consenso dell'elettorato olandese, mentre Giuseppe Conte, portando a casa un buon risultato potrebbe salvare il governo dall'incubo elezioni.I due sono come attori di teatro, fanno finta di litigare, ma ognuno dei due tornerà a casa ciò che volevano..

In serata fonti italiane parlano di "passi avanti" nel negoziato, ma di un accordo che "ancora non si è chiuso": un compromesso su 375 miliardi di trasferimenti a fondo perduto non è in vista. Troppi per i leader "frugali", troppo pochi per chi come Angela Merkel e Emmanuel Macron ritengono che 400 miliardi siano il minimo  indispensabile per investire nel futuro dell'Unione e combattere contro la crisi. In particolare Macron - spiegano fonti europee - si è rivolto ai capi di governo "frugali" esprimendo fastidio per il loro continuo alzare la posta con nuove richieste, così come tra l'altro aveva già fatto ieri la cancelliera tedesca.

"Da una parte c'è la stragrande maggioranza dei Paesi, compresi Germania, Francia, Spagna e Italia, che difende il progetto europeo e dall'altra ci sono pochi Paesi, detti 'frugali'", ha commentato nel pomeriggio Giuseppe Conte. L'esito del negoziato resta in bilico e la cancelliera Merkel non ha escluso il fallimento. "Voi avete dubbi perché le risorse finanziare vi sembrano tante. In realtà è il minimo indispensabile", ha detto Conte ai Paesi "frugali". Rivolgendosi al primo ministro olandese Mark Rutte, Conte ha poi tuonato: "Se lasciamo che il mercato unico venga distrutto, sarai chiamato a rispondere pubblicamente davanti ai cittadini europei".

Stato di diritto, governance del Recovery Fund e dimensione del fondo sono i punti su cui "dobbiamo trovare un compromesso, penso che sia possibile ma questo compromesso non può andare a discapito dell'ambizione europea. E non per principio, ma perché siamo davanti ad una situazione senza precedenti", ha sottolineato il presidente francese Emmanuel Macron, entrando al Palazzo Europa a Bruxelles. "I 27 leader responsabili nei confronti dei popoli d'Europa sono in grado di costruire unità e fiducia nell'Europa? Oppure, attraverso uno strappo, presenteremo il volto di un'Europa debole, minata dalla sfiducia?", ha chiesto il presidente Charles Michel durante la plenaria. 

Secondo fonti europee, i leader dei Paesi "frugali" nella discussione avrebbero cercato più volte di spostare il focus della discussione dalla questione delle risorse del Recovery Fund e del Bilancio Ue 2021-2027 a quella della condizionalità sullo stato di diritto. Tentativi che sono stati tutti respinti, anche con l'intervento della cancelliera tedesca Angela Merkel. La sensazione, sottolineano le fonti di Bruxelles, è che stiano provando a far naufragare il vertice, ma per evitare di esporsi al biasimo, vogliano farlo deragliare sulla questione dello stato di diritto, una motivazione certamente più nobile di fronte all'opinione pubblica.

Per cercare di superare lo stallo, nel corso della giornata è stato organizzato un incontro proprio tra i Paesi del Sud Europa (Italia, Grecia, Spagna e Portogallo) e i quattro "frugali" (Austria, Olanda, Svezia e Danimarca). Presente alla riunione anche la premier finlandese Sanna Marin. "L'obiettivo principale della Finlandia - ha detto - è quello di contenere la quota di sovvenzioni. Se entro questo fine settimana non sarà possibile raggiungere un accordo, credo che i negoziati andranno avanti fino a lunedì. E' abbastanza chiaro che le dimensioni del Recovery Fund devono scendere". 

Duro l'intervento del premier ungherese Viktor Orban in plenaria. "L'Olanda - ha detto - vorrebbe creare un meccanismo per controllare la spesa dei Paesi del Sud dal Recovery Fund. Sostanzialmente è una disputa tra italiani e olandesi. Noi siamo dalla parte dell'Italia. Bisogna dare i soldi ai Paesi che ne hanno bisogno e permettere loro di spenderli appena possibile per stabilizzare le loro economie, invece di ingaggiare lunghe dispute burocratiche. Se li aiutiamo al momento giusto li aiutiamo due volte". Orban, durante la fase negoziale a Bruxelles, ha anche scritto un sms al leader della Lega Matteo Salvini. "Ho appena dichiarato che l'Ungheria è fermamente dalla parte dell'Italia", è il testo del messaggio.


Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.