Lunedi' 18 Gennaio 2021
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • Cronaca
  • CORSERA GIALLO SABRINA BECCALLI E' ANCORA VIVA? C'ERA UN ALTRO UOMO INSIEME AD ALESSANDRO PASINI NELLA CASA DELLA EX CONVIVENTE? ...

CORSERA GIALLO SABRINA BECCALLI E' ANCORA VIVA? C'ERA UN ALTRO UOMO INSIEME AD ALESSANDRO PASINI NELLA CASA DELLA EX CONVIVENTE?

Crema (Cremona), 23 agosto 2020 -

La cisterna di Vergonzaga è stata quasi interamente svuotata, ma il corpo della ragazza non è emerso. Probabile che la ragazza sia ancora prigioniera di un aguzzino, forse un conoscente e complice dell'Alessandro Pasini. Non si spiegherebbe in altro modo il grottesco tentativo di depistare gli inquirenti. Nell'automobile della ragazza, la scientifica ha riscontrato resti di un cane carbonizzato, nulla a che vedere con quelli di un corpo umano. Come mai questa fantasiosa ricostruzione? Quella sera con Alessandro Pasini e Sabrina Beccalli c'era un terzo uomo ? Un complice che terrebbe prigioniera ancora adesso Sabrina Beccalli? Alessandro Pasini si era venduto le prestazioni sessuali di Sabrina ad un terzo soggetto? 

Il corpo di Sabrina Beccalli non si trova nella cisterna di liquami di Vergonzaga (nel Cremonese) dove si sono concentrate le ricerche degli inquirenti negli ultimi giorni. La vasca non ha restituito il cadavere della 39enne scomparsa a Ferragosto. La conferma è arrivata questa mattina grazie all'utilizzo di una sonda che ha scandagliato la cisterna questa mattina come raccontato dal comandante provinciale dei carabinieri tenente colonnello Lorenzo Carlo Maria Repetto. Intanto rimane in carcere Alessandro Pasini, 45enne accusato di omicidio e distruzione di cadavere. La sorella della vittima si era detta disposta a perdonarlo ma aveva chiesto all'indagato di dare indicazioni per ritrovare il corpo di Sabrina.

Le indagini dei carabinieri di Cremona, coordinate dal pm Lisa Saccaro, proseguiranno nell'area, ricca di rogge e canali, della zona di Crema in cui è stata ritrovata l'auto carbonizzata della ragazza, dove gli inquirenti hanno riscontrato i resti di un cane carbonizzato. Un depistaggio da parte di Alessandro Pasini che forse aveva un complice insieme a lui quella sera ? 

 

Prende corpo grazie alle indagini coordinate dalla Procura di Cremona, sotto la guida del procuratore Roberto Pellicano, la ricostruzione delle ultime ore della 39enne di Crema sparita a Ferragosto e di cui ancora non si è trovato il corpo. Anche se l'arrestato, che è accusato di averla uccisa e di aver fatto sparire il cadavere, ha negato il delitto. Nell'interrogatorio di garanzia Pasini ha raccontato di aver passato la notte con Sabrina Beccalli a casa della propria ex (che era in vacanza), di cui aveva le chiavi. I due avrebbero consumato stupefacenti insieme, poi lui avrebbe tentato di avere un rapporto sessuale con l'amica senza riuscirci. Si sarebbe addormentato e risvegliato, trovando Sabrina riversa in bagno vittima di una overdose. Il 45enne, preso dal panico, nel primo pomeriggio del 15 agosto avrebbe caricato il corpo sulla Panda di lei e avrebbe deciso di bruciare tutto. Ha anche, è stato riscontrato, tagliato il tubo del gas della caldaia con l'intenzione di far saltare in aria la casa. Le telecamere di sorveglianza della zona di Vergonzaga lo hanno ripreso che si allontanava dal luogo dell'incendio con il proprio monopattino la sera stessa. Pasini ha insistito nel dichiarare che la carcassa carbonizzata trovata nell'auto è dell'amica morta accidentalmente. Ma ben due veterinari hanno concluso che si tratta dei resti di un cane.

La versione dell'indagato è ritenuta «non credibile» dal gip Giulia Masci, almeno allo stato delle indagini. Le ricerche del cadavere da parte dei carabinieri continuano, in particolare in una vasca di liquami sempre a Vergonzana che è stata sequestrata e deve essere svuotata. Il giudice non ha convalidato il fermo del 45enne, per l'assenza del pericolo di fuga, ma ha disposto la custodia cautelare in carcere. Nell'ordinanza definisce l'indagato «lucido e spregiudicato», di «indole violenta» e «disposto a tutto». Nel presunto appartamento del delitto, alle 5 del mattino, Sabrina ha urlato, «con voce strozzata». La giovane donna ha gridato più volte: «Aiuto, aiuto, no». Un'invocazione, per gli inquirenti, non per chiedere soccorso all'amico a causa del malore, ma per provare a «interrompere un'azione in atto» e attirare l'attenzione di qualcuno esterno alla casa. Inoltre il gip sottolinea come sarebbe stato «molto più logico» da parte di Pasini far trovare il corpo, sul quale le analisi avrebbero potuto confermare la sua tesi sulla morte, piuttosto che farlo sparire. La soppressione, messa in atto in modo diverso da come ha raccontato l'uomo, avrebbe avuto come scopo quello di distruggere le prove di aver ucciso l'amica «con atto violento».


Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.