Venerdi' 03 Dicembre 2021
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • Esteri
  • CORSERA RUSSIA ALEKSEI NAVALNAY EFFETTO SLUDGE SCEMO A VITA, AVVELENATO CON INIBITORE DELLA COLINESTERASI...

CORSERA RUSSIA ALEKSEI NAVALNAY EFFETTO SLUDGE SCEMO A VITA, AVVELENATO CON INIBITORE DELLA COLINESTERASI

Berlino 24 agosto 2020 CorSera.it dall'inviato Martin Engfield 

I medici dell'ospedale di Berlino hanno riscontrato "segni di avvelenamento" sul corpo dell'oppositore russo, Aleksei Navalnay, ricoverato in Germania dopo un trasferito urgente dalla Siberia. "I risultati clinici indicano un avvelenamento con una sostanza che inibisce la colinesterasi", secondo l'ospedale che non ha precisato di che sostanza si tratti, ma ha assicurato che gli effetti tossici sono stati confermati da diversi laboratori indipendenti.Quasi certamente Aleksei Navalnay rimarrà scemo a vita ovvero affetto di una grave demenza senile, il sistema nervoso è come avesse preso fuoco, i circuiti elementari non esistono più. Con ogni probabilità non riuscirà a camminare e pensare, la sua vita è stata distrutta da un veleno molto sofisticato e chi l'ha usato contro di lui è diabolico.Il principale sintomo di esposizione agli inibitori della colinesterasi è detto SLUDGE, acronimo dall'inglese che indica una sindrome tossica con effetti combinati: aumento della salivazione, aumento della lacrimazione, perdita di controllo degli sfinteri con rilascio urinario e defecazione, disturbi gastrointestinali e vomito.

Si faranno analisi più approfondite per determinare la sostanza 

Analisi più approfondite saranno effettuate per determinare quale possa essere stata la sostanza. I medici dell'ospedale Charité di Berlino hanno anche avvertito che "non si possono escludere danni a lungo termine al sistema nervoso" di Navalny. Prima della diffusione dei risultati delle analisi, il portavoce del governo tedesco, Steffen Seibert, aveva affermato che è "abbastanza probabile" Aleksei Navalny sia stato avvelenato. "Si tratta di un paziente che in maniera abbastanza probabile è stato vittima di un attacco con il veleno", ha affermato Seibert, giustificando così la protezione della polizia offerta all'ospedale dove è ora ricoverato l'oppositore.

I medici dell'ospedale siberiano di Omsk, che per primi hanno avuto in cura Navalny, rivendicano di avergli salvato la vita. Nei primi giorni di ricovero dichiararono di non aver rilevato tracce di veleno. L'oppositore russo si è sentito male giovedì scorso durante un volo che lo riportava da Tomsk a Mosca ed è stato ricoverato d'urgenza all'ospedale di Omsk dove è rimasto in coma per quasi 48  ore prima che i dottori dessero il via libera al suo trasferimento a Berlino. I collaboratori di Navlany sono convinti che si sia trattato di un tentativo di avvelenamento e hanno accusato i medici di aver ritardato il suo trasferimento per nasconderne le tracce.

Il richiamo dell'Ue, "Russia indaghi su avvelenamento"

"L'Unione europea condanna fermamente quello che sembra essere un attentato alla vita dell'onorevole Navalny". Lo dice l'alto rappresentante per la politica estera Ue, Josip Borrell. "E' imperativo - prosegue il capo della diplomazia europea - che le autorità russe avviino senza indugio un'indagine indipendente e trasparente sull'avvelenamento del signor Navalny. Il popolo russo, così come la comunità internazionale, chiedono di conoscere quanto accaduto. I responsabili devono essere consegnati alla giustizia". 
   


Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.