Mercoledi' 20 Ottobre 2021
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • Covid-19
  • CORSERA COVID-19 IL VACCINO PFIZER-BIONTECH UCCIDE O DOSE ALTERATA ? RENATA Z. E' MORTA DOPO IL RICHIAMO.LA SUA LENTA AGONIA RACCO...

CORSERA COVID-19 IL VACCINO PFIZER-BIONTECH UCCIDE O DOSE ALTERATA ? RENATA Z. E' MORTA DOPO IL RICHIAMO.LA SUA LENTA AGONIA RACCONTATA IN DIRETTA WHATSAPP ALLE AMICHE E ALLE FIGLIE

Roma 1 giugno 2021 CorSera.it by dr.Matteo Corsini 

Il vaccino Pfizer-Biontech uccide o la dose inoculata era alterata per motivi diversi ? Questa è la sua storia. 

Ospedale Santandrea Renata Z. una donna di 76 anni, madre di due figlie e nonna di due nipoti, è morta nel giro di 24 ore dopo aver fatto il richiamo del vaccino Pfizer. Alle 15.40 del 29 maggio ha effettuato il richiamo. Al mattino del 30 maggio, aveva già i sintomi di quella che poi sarebbe diventata una lunga agonia, fatta di ...

 brividi, tremori, fibrillazione al cuore " mai sentito battere così forte " ha raccontato in diretta al suo gruppo delle amiche su WhatsApp, mi sento male, mi viene da vomitare....non riesco ad andare al bagno, mi faccio la pipì sotto.Il cuore mi trema mai sentito così forte..." Una lenta agonia che va avanti per diverse ore raccontata alle amiche e alle figlie con tanti messaggi scritti e registrati per voce.

Le amiche non percependo la gravità dei fatti hanno cercato di tranquillizzarla : " prenditi la Tachipirina"  " Stai seduta non ti muovere " . Il vaccino l'ha aggredita subdolamente si è impadronita del corpo per distruggerla. Nel corso della giornata i messaggi registrati ci raccontano di una donna ormai dentro ad un calvario e le amiche che confondevano i sintomi degli effetti del vaccino, come qualcosa di normale, che si manifestava inevitabilmente. I "sintomi necessari " erano invece mortali, le frasi fatte scritte sui giornali o ascoltate nei talk-show, si stavano trasformando in killer spietati ....La percerzione dalla realtà alla verità scientifica è valso lo sbaglio probabilmente fatale,quello della sottovalutazione di quei sintomi. Le amiche non hanno percepito il pericolo della morte imminente. Non capivano, si alternavano nel dare consigli che non competevano alle loro conoscenze. Questo è stato un altro sbaglio fatale per la donna. Se qualcuno manifesta sintomi di questo genere, si deve tornare in ospedale senza pensarci un attimo. Ma anche qui la stampa, i giornali, i talk-show hanno sbagliato .....

Renata si poteva salvare? Ce lo stiamo domandando tutti e probabilmente lo accerterà l'autopsia. Ma certamente dal richiamo del vaccino Pfizer sono passate soltanto poche ore, e gli effetti collaterali non hanno tardato a manifestarsi, con allarmante progressione. Renata era inseguita da un branco di lupi rabbiosi che volevano prenderla. Quel vaccino Pfizer ha scatenato l'inferno in quell'organismo che nel breve giro di poche ore non le ha lasciato scampo. I famigliari hanno provveduto ad informare l'AIFA, hanno nominato un perito di parte e rifaranno l'autopsia per ulteriori accertamenti.Le amiche non hanno potuto che osservare da lontano quel calvario, l'agonia impercettibile, confusa con i sintomi tipici del post vaccino. Eppure qualcuno doveva verificare. Ci domandiamo come mai nessuno del sistema sanitario appura le condizioni dei vaccinati nel corso delle successive 24 ore ? Renata Z. non si è accorta che stava morendo, che l'organismo era aggredito da qualcosa che non conosceva. Questa vicenda ci fa capire come commentatori televisivi e medici, poco ancora sanno di cosa sia veramente il vaccino Pfizer- Biontech e quali siano davvero gli effetti collaterali. 

Ma c'è un'altra ipotesi a questa narrazione, che la dose di vaccino fosse alterata, in qualche modo uscita dal freezer troppo tempo prima, e il vaccino da scudo dell'organismo sia invece diventato un potente veleno capace di infliggere il peggiore di tutti i mali, la morte. 

I famigliari hanno deciso di inoltrare un esposto alla Procura della Repubblica, affinchè si indaghi su questo episodio .


Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.