Lunedi' 26 Luglio 2021
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • Calcio
  • CORSERA EURO 2020 ITALIA SENZA SPINA IN CORTOCIRCUITO, FINALE AGGUANTATA PER MIRACOLO.LA SPAGNA CI HA SURCLASSATI ...

CORSERA EURO 2020 ITALIA SENZA SPINA IN CORTOCIRCUITO, FINALE AGGUANTATA PER MIRACOLO.LA SPAGNA CI HA SURCLASSATI

Wembley 7 luglio 2021 CorSera.it

Euro 2020. L'Italia arriva in finale per un soffio ai calci di rigore, riuscendo a battere una Spagna superba, che senza i mitici Iniesta e Xavi, ha preso le redini della partita per lunghi tratti mettendo sotto gli azzurri.Ma nell'Italia di Roberto Mancini c'era un grande assente Leonardo Spinazzola, il fuoriclasse della Roma, costretto a sospendere il torneo per la rottura del tendine di Achille. E' stato lui l'Achille alato che ha reso invincibile l'Italia insieme agli altri protagonisti, da Insigne a Chiesa. Ma la spinta che è riuscito a generare sulla fascia sinistra, è risultata sempre vincente e la nazionale ha forse espresso il più bel gioco dei mondiali. Senza Spina, il motore è apparso subito spento, quasi si fosse generato un cortocircuito tra i giocatori della squadra. Non 'cera più equilibrio e l'ingranaggio perfetto non funzionava.I giocatori italiani rincorrevano la palla nel mulinello del tiki taka avversario. Sembravamo tanti brocchi senza più coerenza e coordinazione. Non c'era più l'orchestra e nessun direttore. 

Gli spagnoli hanno subito preso la partita in mano e per una buona mezz'ora sono stati formidabili. Il tiki taka ha ripreso a manovrare, veloce e pungente come la palla all'interno di un flipper. Quasi tutti i nostri funamboli e prestigiatori da Verratti a Jourgihno venivano anticipati sistematicamente. Molti falli degli spagnoli non sanzionati con il cartellino giallo dall'arbitro Sanchez.

Gli spagnoli vincono sui tackle, contro Verratti e Barella, difendono altissimi e mancano diverse occasioni da goal. Alla nazionale italiana manca il ben gioco delle altre partite, manca la superiorità numerica sulla fascia sinistra che Leonardo Spinazzola, riusciva a creare per tutti. La locomotiva romanista non c'è e il gioco dell'Italia ne risente.L'assenza di Spina, spegne il trio magnifico composto da Insigne e Jourghno,quella parte di locomotiva sempre accesa sulla fascia sinistra del campo, capace di inventare qualsiasi cosa. L'Italia senza Spinazzola è davvero brutta, non ha equilibrio, Emersono non riesce quasi mai a saltare l'uomo, è molto veloce e si infila nelle retrovie avversarie, ma senza riuscire a creare gioco per i compagni. Ma va lui all'unica stoccata italiana del primo tempo. Emerson non è Spina e tutta la squadra non trova forza di penetrazione e broccheggia, senza incidere. Nel secondo tempo, a salvare l'Italia da un assedio pericolossimo degli spagnoli, ci pensa il solito Federico Chiesa, con un meravigioso goal a giro. L'Italia esplode dalla gioia, si ricompone, riprende equilibrio e sicurezza, ma dopo poche incursioni in area spagnola, finisce per subire un contropiede e il rientrante Morata, infligge una durissima ferita allo spirito indomabile degli italiani. Italia Spagna è pareggio a pochi minuti dalla fine del secondo tempo. Quando si entra nei tempi supplementari non vediamo altro che pochi lampi di Lucidità. Locatelli è un brocco in mezzo al campo e poi sbaglierà il primo rigore degli italiani. La lotteria dei rigori ci porta fortuna questa volta e passaimo il turno. Ma quanta fatica, paura, incredulità di aver rivisto una squadra senza gioco, capace soltanto di resistere con una difesa rocciosa alle incurcioni degli attaccanti spagnoli. Ma senza fascia, non c'era gioco, senza Spina, niente luce, era tutto scuro. Soltanto i lampi di genio del fuoriclasse Chiesa ci hanno salvato questa volta. Luis Enrique stava per darci una lezione di calcio infinita. Speriamo bene in finale. Ma già esserci arrivati è stato un miracolo, dunque è come aver già vinto la finale. 


Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.