Domenica 25 Febbraio 2024
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • Esteri
  • CORRIERE OCEANGATE TITANIC TITAN LA MALEDIZIONE DELLA SETTIMA LUNA IN FONDO AGLI ABISSI IL MISTERO DI UN VASCELLO LEGGENDARIO...

CORRIERE OCEANGATE TITANIC TITAN LA MALEDIZIONE DELLA SETTIMA LUNA IN FONDO AGLI ABISSI IL MISTERO DI UN VASCELLO LEGGENDARIO

New York 23 giugno 2023 by Geraldine Conte 

E' stato un altro giorno della cabala e della maledizione, un altro fotogramma di morti risucchiati in fondo all'oceano dal mistero sinistro del transatlantico più famoso del mondo. In quella nave inabissata ad oltre 4 chilometri di profondità, c'è il mistero di una tragedia senza tempo, che l'umanità intera ancora ricorda e che attrae nelle sue viscere per continuare ad uccidere. Il Titanic, la più grande favola dei mari, continua ad ammaliare l'immaginario collettivo e ldisseminare dietro di sè infinito dolore, come in quella maledetta notte del 14 aprile del 1912 di tanti anni fa. Nessuno sa il motivo per il quale quei cinque uomini abbiano deciso di infilarsi in un batiscafo di carbonio per finire ingoiati dall'oceano e trovare la morte.Il loro sogno era quello di avvicinarsi allo scafo immerso del Titanic con la sua prua fascinosa coperta di alghe verdi e marroni. Nessuno di noi conosce la forza di quella maledizione che continua a fare breccia nelle mente degli uomini più diversi.Questa volta è toccato a cinque uomini che non hanno pensato un attimo al pericolo della morte, risucchiati da qualcosa che ha oltrepassato la ragione. Sono scesi magnetizzati dal loro destino dalla incredibile forza che il TITANIC ancora riesce a sprigionare malgrado sia intrappolato nel fondo degli abissi oceanici.

Tutte le falle del Titan, montano le polemiche 
Usa rilevarono subito l'implosione, passeggeri morti all'istante 
Il design del Titan e il materiale usato per la struttura portante del sottomarino non erano adeguati e sono del tutto mancati i controlli di sicurezza.

 

Una tragedia infinira quella del Titanic,ieri con il naufragio del transatlantico più bello del mondo, oggi con il sommergibile TITANIC imploso e i cinque passeggeri morti, è il momento delle polemiche e di capire come il sogno del Titanic dell'equipaggio si sia rivelato un incubo mortale.

Già prima dell'ultimo maledetto viaggio al relitto, OceanGate era stata duramente criticata per il suo Titan, sottomarino sperimentale con uno scafo in fibra di carbonio, ovvero un materiale relativamente poco testato negli abissi e quindi ritenuto dagli esperti particolarmente rischioso.

La fibra di carbonio tende infatti a deformarsi e una qualsiasi piccola crepa può causare danni catastrofici: probabilmente quello che è effettivamente accaduto al batiscafo sotto il peso di una pressione 400 volte superiore a quella della superficie. Nel mirino delle critiche c'è soprattutto Stockton Rush, l'amministratore delegato della società morto nell'implosione. Ha "usato scorciatoie" ed evitato di farsi certificare "perché sapeva che non sarebbe passato", è l'accusa mossa dal regista James Cameron, lui stesso un esperto di esplorazioni. Rush stesso nel corso degli anni aveva ammesso di aver aggirato le norme di sicurezza per spingere l'innovazione.

"Voglio essere ricordato come un innovatore. Penso fosse il generale Douglas MacArthur a dire che si viene ricordati per le regole violate", aveva raccontato qualche anno fa proprio in merito al Titan. Mentre su TikTok circolano video che ricostruiscono la possibile dinamica dell'incidente e dell'implosione, la Guardia Costiera americana continua le ricerche nel tentativo di recuperare materiale e definire la tempistica dell'accaduto. L'ipotesi più accreditata è che il sommergibile sia imploso poco dopo aver perso i contati con la superficie: tramite un sistema di rilevazione segreto per individuare sommergibili nemici, la Marina Usa ha rilevato domenica scorsa - il giorno della scomparsa - rumori coerenti con un'esplosione nell'area del Titanic. Nonostante questo, le ricerche sono comunque andate avanti per quattro giorni perché non c'era la certezza che si trattasse del sommergibile disperso e anche per motivi di sicurezza nazionale visto che la Marina era restia a comunicare al mondo il suo sistema segreto. Così per giorni la speranza, seppur lieve, è rimata accesa, fino alla scoperta di rottami e detriti non lontano dal Titanic. A quel punto è apparso chiaro che il Titan era imploso, con una forza tale che i cinque passeggeri non hanno avuto neanche il tempo di realizzare quello che stava accadendo. Sul fondo dell'oceano si stanno cercando i pochi pezzi rimasti del sottomarino per le indagini, chieste a gran voce dalle famiglie, ma non c'è praticamente alcuna speranza di recuperare i corpi. Secondo gli esperti, sarebbero stati letteralmente inceneriti dall'implosione, diventando cibo per pesci.

La ricerca a risposte che al momento appaiono sfuggenti è cruciale per capire se potranno esserci azioni legali contro OceanGate e, in parte, per delineare chi si farà carico degli enormi costi di quattro giorni di ricerche. La prima stima provvisoria parla di oltre 6,5 milioni di dollari spesi per la caccia al Titan. Ma per OceanGate il costo di eventuali azioni legali potrebbe essere ben più salato. Diversi esperti legali ritengono che le famiglie delle vittime avranno un margine sufficiente per fare causa nel caso in cui emergessero falle strutturali a prescindere dalle liberatorie di responsabilità firmate prima di salire a bordo. Una lunga documentazione in cui l'espressione 'rischio di morte' veniva più volte usata. Nonostante questo, i cinque avventurieri non hanno rinunciato al loro sogno. L'unico scettico nei giorni prima del viaggio era il più giovane dei passeggeri, il 19enne Suleman Dawooh. "Era terrorizzato", ha raccontato la zia. Il ragazzo però alla fine aveva superato le paure per far contento, nel giorno della festa del papà, il padre Shahzada Dawood, che da anni inseguiva il sogno del Titanic. Un sogno che, alla fine, gli è costato la vita.

 


Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.